“Orange Is The New Black ha cambiato le nostre vite”: parlano alcuni fan LGBT – il video

Dopo 7 stagioni Orange Is The New Black è arrivato alla sua conclusione. Aiutando non pochi fan ad accettarsi e a fare coming out.

Insieme ad House of Cards, Orange Is The New Black è stata la prima serie Netflix di successo. Sette anni dopo la sua nascita, 91 episodi, 4 Emmy e 5 SAG vinti, la serie ideata da Jenji Kohan e ispirata alle memorie di Piper Kerman è arrivata alla sua conclusione.

In occasione del lancio degli ultimissimi 13 episodi, da pochi giorni su Netflix, alcune fan dello show hanno raccontato come la serie le abbia aiutate ad accettarsi, a fare coming out.

“Senza Orange Is The New Black non avrei probabilmente mai fatto coming out”, ha sottolineato una ragazza. “La prima volta che l’ho visto mi sono divertito, ma dopo mi sono reso conto che sono gay e quando sono tornato a guardarlo ho sentito una connessione più profonda con lo spettacolo nel suo insieme”, ha continuato un altro fan.

Jade, 19enne di Nottingham, ha rivelato:

Quando ho visto per la prima volta Orange ero a scuola, dovevo avere circa 15 anni, e tutti i miei amici me lo dicevano perché avevo da poco fatto coming out. Continuavano a dirmi, “devi guardarlo, perché lo amerai”. Non appena l’ho guardato, ho pensato che fosse come se qualcuno avesse preso tutte le mie idee, la mia testa, e le avesse messe in uno spettacolo. Mi ha aiutato a ritrovarmi. Ha aiutato la mia famiglia a capire chi fossi. Ho anche trovato una fidanzata, guardandola. Dire addio a Orange è come dire addio a un blocco della mia vita, a un momento che mi ha fatto scoprire chi sono e a lottare. Di sicuro è un addio agrodolce.

Marnie, 22enne di Liverpool, ha continuato:

Sapere che Orange sta per finire, è come perdere un capitolo importante della mia vita. Sento di essere cresciuta con lo spettacolo. All’inizio stavo lottando molto con la mia identità. Ero così insicura e poi improvvisamente c’erano Alex e Piper che avevano una vera relazione. Alex in particolare era sempre se stessa e questo era un tale richiamo alla fiducia. Per me, vedere relazioni dello stesso sesso sullo schermo non solo aiuta le persone a diventare più accettabili dal punto di vista di un estraneo, ma aiuta anche i giovani a rendersi conto che oh, se sei strano o ti metti in discussione, va bene sentirsi così. È stato così importante per me crescere. È iniziato tutto con serie come Skins, ma con Orange is the New Black l’ho capito meglio. Mi ha aiutato a confrontarmi con qualcosa, all’epoca era davvero difficile.

Sophie, 31enne di Londra, ha concluso.

La rappresentazione riguarda molto più l’atteggiamento che la visibilità. Almeno per me, quando stavo crescendo, si trattava di “Okay, abbiamo queste donne che sono diverse”. Orange ribalta le tue aspettative e mostra una vasta gamma di esperienze femminili con sfumature reali. Sono storie che sembrano uno stereotipo, che le portano dai margini al centro. Mostrano davvero che nessuno nella vita è una cosa. Orange ha capito tutto. Verrà ricordato come uno degli spettacoli più pionieristici per le donne.