TEST: app incontri gay, che tipo sei? Scoprilo ora!

Secondo uno studio un terzo dei millennials utilizza le app quasi esclusivamente per incontri sessuali occasionali. E voi?

Le app per incontri sono ormai diffusissime, sia tra gay che tra etero: secondo uno studio di Blend, un terzo dei millennials possiede un account e utilizza le app quasi esclusivamente per incontri sessuali occasionali. Con tutto ciò che ne deriva: sexting (termine utilizzato per definire una chattata spinta), invio di foto hard, disattenzione su lavoro e studio. Sempre secondo lo stesso studio infatti, si va da un minimo di utilizzo di una volta a settimana a un massimo di 5.084 click sul proprio profilo: lo spettro di variabili è molto ampio.

Si incontrano tantissimi “tipi umani” su queste app, dai profili anonimi a quelli che inviano foto finte, dal pervertito all’inconcludente, dal bono irraggiungibile al cesso insistente. E voi a che tipologia appartenete? Come vi comportate sulle app? Provate a scoprirlo attraverso questo test!

Ti suggeriamo anche  Faceapp: i rischi dietro la app del momento
Cinema gay

Paris is Burning, compie 30 anni il fantastico documentario sulla ball culture LGBT di New York

Lo strepitoso documentario di Jennie Livingston ha ispirato Ryan Murphy nella realizzazione di Pose.

di Federico Boni