USA: omosessuale picchiato a sangue in coma

E’ in fin di vita un omosessuale di Los Angeles brutalmente pestato da un uomo armato di una mazza di baseball e un tubo di metallo in quello che le autorita’ ritengono sia stato un crimine anti-gay.

WASHINGTON – E’ in fin di vita un omosessuale di Los Angeles brutalmente pestato da un uomo armato di una mazza di baseball e un tubo di metallo in quello che le autorita’ ritengono sia stato un crimine anti-gay.

Treve Broudy e il suo amico Edward Lett sono stati aggrediti poco dopo la mezzanotte di lunedi’ nel quartiere gay di West Hollywood mentre si abbracciavano.

"Stiamo trattando l’episodio non solo come un’aggressione ma anche come un delitto di intolleranza", ha detto Lynda Castro, vicecapo della polizia di West Hollywood.

Broudy e’ stato colpito in testa, poi preso a calci e pugni.

Si trova in condizioni gravissime, in coma profondo, dopo due interventi chururgici al cervello. Lett e’ stato medicato per lesioni minori.

Gli inquirenti hanno distribuito una foto segnaletica del presunto aggressore, un uomo nero sui 20 anni al momento latitante.

Ti suggeriamo anche  Uber, nuovo caso di omofobia: due lesbiche cacciate dall'auto
Pride

Pride Month 2020: le parate non ci saranno, ma la nostra battaglia non si fermerà mai

Un Pride Month molto diverso, quello di quest’anno, ma il Covid-19 non ci impedirà di battagliare per i nostri diritti.

di Alessandro Bovo