10 cose del Salento che non dimenticherai mai

Il Salento vi resterà nel cuore: la guida di Gay.it

Quest’anno avete prenotato la vostra vacanza in Salento e non sapete che cosa fare una volta arrivati? Oppure state vagliando opzioni per un’estate degna di questo nome e il Salento vi è sembrato potesse essere la scelta giusta? Avete pensato bene. Con un paio di dritte passerete molto facilmente una vacanza indimenticabile.

Ecco le 10 da fare nel Salento per un’esperienza unica.

  1. In Salento troverete l’amorebonazziIl Salento è sicuramente sinonimo di mare cristallino, spiagge da sogno, cibo gustoso e cultura, in salsa gay friendly per di più, ma non prendiamoci in giro: che vacanze sarebbero senza amori e flirt estivi? Ebbene sì, ammettiamolo senza troppa vergogna. Qui nel tacco d’Italia troverete un tasso di bellezza e sensualità quasi inimitabili sotto ogni aspetto e le attrazioni di cui parleremo in questo articolo sono i migliori “preliminari” che vi possano capitare: non incontrare qualcuno che ci piaccia e a cui non piacciamo noi sarà veramente dura con questa atmosfera e con questa movida gay friendly. E se proprio non troverete le persone giuste…statene certi, quantomeno vi porterete a casa l’amore per questa terra.
  2. Un bagno nella spiaggia Lido di Pizzo (o una delle tante gay friendly)torredelpizzogallipoliDurante la vostra vacanza non può mancare un tuffo nelle acque del parco naturale di Sant’Andrea a Punta Pizzo, nei dintorni di Gallipoli. Le acque cristalline vi conquisteranno, ne siamo sicuri. Se invece preferite una spiaggia meno selvaggia, c’è Gbeach (ex Makò) dove potrete godervi una bella giornata in uno stabilimento attrezzato, volendo con aperitivo al tramonto. Ma queste non sono le uniche spiagge gay salentine: infatti quasi tutte le spiagge della zona di Gallipoli e del Salento sono gay friendly.  Negli ultimi anni, il Salento ha puntato molto sul turismo gay, o forse molti turisti gay hanno puntato sul Salento. Insomma non sappiamo se sia nato prima l’uovo o la gallina, ma oramai questa zona non ha niente da invidiare a Sitges, o Gran Canaria, o Mikonos, i paradisi delle vacanze LGBT all’estero. Quasi tutte le spiagge attrezzate espongono la bandiera rainbow, e non parliamo di località nascoste o secondarie, ma delle spiagge più belle e trendy d’Italia. Inoltre in molte spiagge si pratica anche il naturismo. Se v’interessa approfondire abbiamo creato una scheda apposita sulle Spiagge gay a Gallipoli. E se cercate altre spiagge gay del Salento c’è sempre la GuidaGay di Gay.it come vostro punto di riferimento. Consiglio extra? Sorseggiatevi un Mojito in spiaggia in uno dei mille chioschetti in legno che troverete nelle spiagge.
  3.  Il Salento Pride il 21 agostoPuglia-Pride-2015-Foggia-ospiterà-la-parata-finaleSe vi trovate a Gallipoli il 21 agosto non potete perdervi il Salento Pride. Gli amanti della gayvida estiva (vi piace come neologismo?), non potranno più fare a meno del Salento. Ma non ci sono solo spiagge gay a Gallipoli e dintorni. Sì perché, anche se Gallipoli è il fulcro del turismo per ragazz* gay e lesbiche, potrete fare incontri gay interessanti nell’intera zona del Salento (la provincia di Lecce, la parte centro-meridionale della provincia di Brindisi e la parte orientale della provincia di Taranto) dove praticamente tutti i locali sono gay friendly! Quindi se volete sperimentare un po di gayvida salentina che non sia a Gallipoli, non potete quindi non considerare Lecce. Durante tutto l’anno la vita gay della zona si riunisce in Via Maremonti (dietro Piazza Sant’Oronzo), farci un salto è un must.
  4. Una passeggiata nel Parco Naturale Regionale di Porto SelvaggioparcoUna passeggiata nel parco è proprio quello che ci vuole dopo una giornata in spiaggia. Il Parco di Porto Selvaggio, sito nel territorio di Nardò, è stato riconosciuto Parco Regionale della Puglia e rientra a far parte del Fondo FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano), oltre ad essere un’area protetta dal WWF. Il parco si estende per un’area di 1122 ettari, dei quali circa 300 di pineta. La costa è di circa 7 chilometri, sia alta che bassa. Ed è proprio in questo parco che si trova la suggestiva Grotta dei Cavalli, punto di ritrovo per i frequentatori gay.
  5. La Notte della Tarantala_notte_della_taranta_salentoIn Salento non ci sono solo le discoteche dove scatenarsi, lo si può fare direttamente in piazza e spesso è anche più divertente. Una sera dovrete assolutamente partecipare alla Notte della Taranta, uno spettacolo davvero coinvolgente e unico. È un evento itinerante che si tiene nel mese di agosto per concludersi con la serata finale a Melpignano, la notte più famosa del Salento. La notte in cui i ritmi della musica tradizionale salentina, la pizzica, diventano i protagonisti di un evento memorabile. Consigliamo di farsi un giro anche nei paesi limitrofi, perché ogni volta è un’emozione diversa.
  6. Vedere l’alba ad Otranto
    alba
    Dopo aver flirtato, preso il sole in qualsiasi zona (anche nature) e essersi sfogati nelle varie discoteche gay e nelle piazze, un giro alla scoperta di un paese così peculiare come Otranto è obbligatorio. Situato sulla costa adriatica della penisola salentina, Otranto è il comune più orientale d’Italia: il capo omonimo, chiamato anche Punta Palascìa, a sud del centro abitato, è il punto geografico più a est della penisola italiana. Da qui potrete godervi la prima alba d’Italia! Ma non si ferma qui la bellezza di Otranto, quindi dopo una colazione a base di caffè in ghiaccio con latte di mandorla e pasticcio (per altre specialità del Salento leggete anche qui), sarete pronti per una visita per  il Borgo Antico di OtrantoPatrimonio culturale dell’UNESCO dal 2010 e parte del club I borghi più belli d’Italia. Ne sarete assolutamente affascinati e sarà un’occasione per variare lo sfondo dei vostri selfie e dei vostri snap!
  7. Andare da Otranto a Santa Maria di Leuca costeggiando la costa
    costa_otranto_santa_maria_di_leucaDopo la tappa ad Otranto perché non fare in macchina la costa che da lì vi porta a Santa Maria di Leuca? In tutte le guide è un luogo straconsigliato perché, effettivamente, è qualcosa di davvero memorabile. In quel pezzo di strada troverete i paesaggi costieri più belli del Salento: scogliere alte fino a 70-80 metri a picco sul mare, pinete e paesini incantevoli come Santa Cesarea Terme, Castro e Tricase Porto. E, se volete, ogni tanto potrete sostare presso delle deliziose calette e baie e farvi un bel bagno. Se riuscite con le tempistiche di viaggio, sarebbe meglio arrivare a Santa Maria di Leuca verso il tramonto … ci ringrazierete! Ciliegina sulla torta? Compratevi un’anguria e gustatevela lì, fresca, guardando il tramonto.
  8. Fare un tuffo nella Grotta della PoesiaGROTTA-POESIA-2 La Punta del Salento nasconde decine di grotte nella sua costa, una più bella dell’altra! La più suggestiva è forse la Grotta della Poesia di Meledugno, una piscina naturale nella quale potrete fare tuffi indimenticabili. Inoltre, la grotta ha anche una valenza storica dato che le sue pareti sono ricoperte da figure e testi antichi, tra le prime testimonianze di scrittura in Puglia.
  9. Lecce la seraduomo_lecceUn’altra tappa obbligatoria se venite in vacanza in Salento è visitare Lecce. Nota anche come “la Firenze del Sud”Lecce è costruita in pietra leccese e il suo fascino è un mix tra resti romani antichi che si mescolano alla ricchezza e all’esuberanza del barocco. Una visione mozzafiato è quella del Duomo di Lecce di sera: le luci, l’atmosfera, il campanile. In ogni vacanza che si rispetti dev’esserci almeno un tocco d’arte, altrimenti che vacanza sarebbe? E se vi trovate qui nelle serate attorno a S. Lorenzo dovrete partecipare a Calici di Stelle, un appuntamento irrinunciabile per palati esperti, inguaribili romantici e per chi vuole semplicemente sentirsi brillo per tutta la serata. Calici di Stelle Lecce è l’evento del vino più atteso dell’estate, che si tiene ogni anno il 10 Agosto a Lecce (e nelle sere precedenti e successive nei paesi dei dintorni). Pensate che i picchi delle presenze di questo evento sono state pari a 60.000 persone, con decine di cantine che mettono in degustazione i loro vini nel centro storico della città.
  10. Ballare tutta la notte in una dancehalldancehall_salentoNel Salento non si balla solo la pizzica, ma anche il reggae, in alcune tra le dancehall più belle di tutta Europa. Ogni anno decine di artisti sbarcano in Salento per esibirsi dal vivo nei vari paesini della zona. Le dancehall si organizzano sia nelle campagne dell’entroterra, sia sul mare aspettando l’alba. La dancehall è una di quelle esperienze estive da non perdere e in particolare è consigliata quella sul mare al Mamanera, storico locale salentino. Sì, vi faranno male i muscoli, ma sarà per una buona causa.
Ti suggeriamo anche  "Lecce: spacciatore stuprato a un festino gay": smascherata la fake news omofoba