Alla scoperta di Praga: consigli utili

Tutte le dritte su come arrivare nel modo più economico, cosa assolutamente non farsi scappare e come muoversi nella città di Mozart

Con EasyJet ho pagato il volo in promozione solo 53 euro da Malpensa. Dall’aeroporto oltre al taxi e al minibus, l’autobus 119 ti trasporta fino alla prima fermata del metro (costo 20 corone, circa 70 centesimi di euro). Per il cambio si va da 24.50 a 27.50 corone per 1 euro, scegliete quindi il posto giusto (con il bancomat il cambio è quello corrente). Lo stesso vale per i taxi: una notte ho pagato dalla discoteca Valentino al mio hotel 400 corone, la successiva 250. Mistero.

La birra (famosa la Pilsner) costa meno delle bibite e un pasto viene intorno ai 10 euro (piatto tipico il gulash, preparato con carne di manzo o di maiale). Dall’Italia è sufficiente la carta d’identità. Per i mezzi pubblici un abbonamento di 3 giorni con sistema integrato ed efficiente (tram, bus e metro) costa 220 corone (10 euro). Le linee della metro sono tre, la notte i tram notturni funzionano a pieno regime. Attenzione ai borseggiatori, ma nonostante tutto la città è accogliente, sicura e tranquilla.

Da visitare: in piazza Venceslao (un omaggio alla lapide dedicata al giovane Jan Palach, che nel 1969 si diede fuoco per protesta contro l’occupazione sovietica) la hall dell’Hotel Europa (Kafka faceva le sue letture pubbliche e Tom Cruise vi

ha soggiornato durante le riprese del film Mission Impossible, www.evropahotel.cz ) e il teatro dove è stato girato il film

Ti suggeriamo anche  Repubblica Ceca, primi passi verso il matrimonio egualitario

Amadeus ed è stato rappresentato nel 1787 la prima del Don Giovanni di Mozart. Dirigendosi verso la città vecchia vale la pena soffermarsi ed entrare in alcune banche, bar e ristoranti storici che ti fanno sognare periodi magici (visita il sito www.vysehrad2000.cz). Gli edifici vengono ristrutturati ma per legge le vecchie facciate non possono essere abbattute, vanno restaurate (ottima politica). Di giorno l’orologio astronomico segna le ore con una processione di statue di apostoli che rende la tappa obbligata. Da vedere assolutamente la casa nativa di Kafka, il Municipio, il quartiere ebraico

(www.jewishmuseum.cz), il Ponte Carlo, il fiume Moldava, per terminare con il Castello e la cattedrale di S. Vito e godervi

il panorama della città. Se si ha tempo sono consigliati i concerti di musica classica nelle varie chiese dislocate nel centro storico (www.operaarsmagna.info).

di Felix Cossolo dalla redazione di Clubbing