Atene: la culla della democrazia e dell’omosessualità

Atene è la capitale europea dove arte antica e progresso, mondo LGBT e mondo etero si amalgamano con calore mediterraneo

Atene è per l’Europa la culla della civiltà e della democrazia. La leggenda narra che fu fondata da due dei Poseidone e Atena, sin da subito in guerra per chi tra loro avrebbe dato il nome alla città. Secondo la leggenda, la scelta del nome fu attribuita agli ateniesi ed è per questo che Atene può ritenersi la culla della democrazia.

Uno sguardo d’insieme

Dopo la rapida approvazione della legge sulle unioni civili di Dicembre, la Grecia si è allineata agli altri Paesi europei, lasciando l’Italia alle sue spalle. Atene è senza dubbio il centro della vita gay del Paese ed è una calamita per i gay da tutta la Grecia. Con 5 milioni di abitanti, la metropoli si posiziona tra le più aperte e gay-friendly capitali europee, col vantaggio di avere un ottimo clima e un bellissimo mare.

Atene-gay-cosa-vedere

Trasporti

Nonostante la vastità, ad Atene ci si muove bene anche a piedi o con il bus turistico. Per visitare la periferia, vi è un’efficiente rete dei trasporti, estesa e rinnovata grazie ai Giochi Olimpici del 2004. I mezzi pubblici fanno parte della stessa rete integrata e ci si muove con un biglietto unico, che costa 1.40 Euro, con bus, metro, treni suburbani e tram. I taxi funzionano e sono economici.
La metropolitana di Atene è costituita da tre linee (gialla, rossa e verde) ed è aperta tutti i giorni fino a mezzanotte, mentre nel fine settimana l’ultima corsa è alle 2.20.

Dove dormire

L’Athens Royal Olympic Hotel si trova piacevolmente proprio di fronte al Tempio di Giove, a pochi passi dall’Acropoli, dalla Plaka e dal centro vicino alla zona degli affari e dello shopping. Se siete interessati più a un albergo nell’ambiente, il Fresh Hotel Athens è un posto ad alta frequentazione gay. L’elegante hotel boutique fresco si trova, vicino a ristoranti, negozi, attrazioni famose, ed a pochi passi dal FLEX sauna e ai locali gay nella zona di Gazi. Ogni camera è moderna, insonorizzata e dispone di arredi di design da artisti noti e connessione WiFi. In generale, i viaggiatori gay e lesbiche non si troveranno in difficoltà in nessun hotel ateniese. Consigliato, a tema, è anche l’Hotel Rio Athens, situato in un bell’edificio neoclassico restaurato.

Atene-guida-gay-hotel

Cose da fare e da vedere

Innumerevoli sono i monumenti e i musei che potrete visitare in viaggio ad Atene, a partire dall’Acropoli, il più importante sito archeologico sulla cima di una collina in pieno centro città. L’Agorà è il secondo monumento per ordine d’importanza della capitale, che si trova ai piedi della roccia sacra. Il Capo Sounion è, invece, un meraviglioso promontorio sormontato da un imponente tempio, da dove si possono vedere indimenticabile tramonti. Plaka, Monastiraki e Thisio sono i quartieri  più turistici di Atene, mentre Psiri e Gazi sono più giovanili e accolgono la vita notturna. Gazi è anche il quartiere più gay-friendly della città. Atene è una di quelle città europee dove l’arte antica è piacevolmente mescolata con le nuove architetture, a dimostrazione della fedeltà con cui si può evolvere un paesaggio nei millenni. Nonostante l’importanza del centro, se viaggiate in estate, spostatevi verso il mare!

Atene-plaka

Shopping

La via di Ermou è la strada più cool dello shopping ateniese. Da Piazza Syntagma (Metro: Syntagma) è attraversata dai bagliori e dai luccichii dei negozi. A metà vi è una piccola chiesa bizantina e, vicino ad essa, l’H&M più grande di Atene. In questa via troverete anche le grandi catene della moda internazionale. Anche Kolonaki è un quartiere molto elegante: negozi di lusso, caffè, bar alla moda e gallerie d’arte, risultando essere l’area più ricca della città. Boutique di abbigliamento, negozi di antiquariato, grandi stilisti e prezzi salati dominano la piazza di Kolonaki. Monastiraki è più adatta per i souvenir, il mercato delle pulci e l’oggettistica in stile Turco, molto apprezzata. Con il primato europeo di più grande mercato dell’antiquariato all’aperto, non mancano i piccoli negozi vintage e l’atmosfera colorata tipica dei porti mediterranei, dove passare il tempo in mezzo alle persone del posto è un vero piacere .

Ti suggeriamo anche  Grecia, contro le persone LGBT la maggioranza dei crimini d'odio

Ristoranti e cafè

Un ottimo ristorante di lusso, tra i primi su TripAdvisor, è il Dinner in the sky, con vista sull’Acropoli e sul Lycabetus, altezza che espone leggermente la terrazza al vento, per cui è consigliato organizzarsi prima. A prezzi un po’ più contenuti ma con oltre 700 recensioni, consigliamo il Gostijo, in un locale arredato con gusto e gestito da una signora molto gentile. Il Gostijo ha piatti della tradizione ebraica sefardita e romaniota serviti in grande stile, mentre la carta dei vini vanta eccellenze israeliane, oltre che greche e italiane. L’Enodia Café Bar è, invece, una tradizionale caffetteria gay in stile greco con terrazza privata sul retro. Enodia ospita regolarmente anche eventi e si trova a Gazi, come il Trap invece è un bar dove fanno DJ set di vario genere, ideale per la domenica sera, visto che usano offrire stuzzichini con la bevuta.

cucina-greca-ristorante-gay-sul-mare

La vita gay

Storicamente, la Grecia e il suo territorio è sempre stato fiorente in quanto a cultura gay. Nell’antica Grecia era comune, quasi previsto, per un giovane uomo non sposato prendere un amante maschio di ceto inferiore fino al matrimonio. La stessa mitologia greca ha esempi di questa tolleranza: Zeus, ad esempio, era famoso per i suoi appetiti sessuali e prese Ganimede come amante.
Per un lungo periodo però, come in altri Paesi, l’omosessualità è tornata ad essere un taboo, qualcosa da nascondere, e risale agli anni ’80 il coming out dell’omosessualità greca, spinto della diffusione dell’Aids. Proprio in quel periodo nacque la comunità LGBTQI Greca, che ora vive quasi totalmente ad Atene e in qualche isola, come Lesbo. La cultura ateniese, in generale, oggi accetta l’omosessualità, per questo nei locali s’incontrano spesso etero e gay che si divertono insieme senza problemi. Un mix fantastico, se volete divertirvi e conoscere persone.
La scena LGBT più viva si trova nei quartieri di Makrigianni e Keramikos, che restano vivi, ma è Gazi che sembra aver preso il sopravvento, con i gay più alla moda e tutta la scena gay friendly.

Guida-Atene-gay

Bar, cafè e discoteche gay

Il divertimento gay di Atene è situato nei quartieri di Keramikos e Gazi. Imboccando via Persefonis, in zona troverete moltissimi bar, locali e cafè ateniesi per un pubblico LGBT queer. Il Magaze è un lounge bar sulla Aiolou, strada pedonale nel centro di Atene, dove si possono sorseggiare deliziosi aperitivi dopo aver esplorato la città. Perfetto anche a colazione, dopo una nottata in discoteca, o se serve una buona dose di adrenalina per iniziare la serata e aperto tutti i giorni. Un cafè carino da visitare è il Big, il primo bar orso ad Atene. Con un’atmosfera amichevole, bevande a prezzi ragionevoli e musica, il Big è un luogo popolare dove scaldarsi prima di una notte nei club. Si trova a 5 minuti dalla Metro Kerameikos, nei pressi di Gazi.
Un altro posto dove aprire la serata è il Blue Train, che si trova proprio sulla ferrovia che delimita Gazi. Da qui è possibile guardare i treni e i ragazzi passare, tranne il venerdì, quando la notte è per le donne.

The Apartment Club di Atene è un grande house club, tra i più popolari della città, dove i ballerini sorridono a torso nudo. Così frequentato che nel fine settimana conviene arrivare presto. Ottimi i remix, come potete sentire già quando aprite il loro sito.
Il Sodade, la più famosa discoteca gay di Atene nelle ultime due decadi, ha due piste con DJ e serate di diverso genere: dall’house al progressive, alle canzoni tradizionali greche.

Ti suggeriamo anche  Attivista gay pestato a morte: choc in Grecia

Atene-gay-club-musica-house

Cruising men only

L’Attraxx è un Gay Cruise Club anche cinema nel quartiere di Gazi con più di 3.000 film, dark room e cabine private di lusso, ottimo per uno stop di cruising erotico. C’è un labirinto con scene in vinile e molto altro ancora e si trova nei pressi della stazione della metropolitana Kerameikos. Altrimenti per un massaggio rilassante corpo-a-corpo fatto da un bel massaggiatore, connettetevi su questo RentMasseur.
La Alexander Sauna, di Gazi, è uno stabilimento balneare molto popolare con sauna, palestra, idromassaggio, camere private, bar, giardino, e molti eventi e feste a tema.

Limanakia B, invece, non è propriamente una spiaggia ma una serie di calette rocciose. Nelle vicinanze Limanakia A, che ha un cafè bar costruito proprio all’interno della roccia. Limanakia B è più incontaminato, con un mare meraviglioso di fronte, qui la nudità e il sesso pubblico sono comuni, specialmente a fine giornata quando gli uomini pian piano popolano le sue grotte.

due-gay-che-fanno-l-amore-nell'acqua

Per le donne

Al Blue Train, ogni venerdì sera è un ottimo posto dove iniziare la serata che sta aperto fino alle 4 (v. paragrafo Bar Discoteche gay). Altro bar per lesbiche, il più popolare bar della città, è Noiz, che con la sua buona musica e la scena dinamica offre dei bei party. Passeggiando per i quartieri friendly della città, incontrerete moltissimi bar e localetti pieni di lesbiche e bisessuali, insieme, a un pubblico spesso misto e molto easygoing.

Atene-guida-lesbica

Consigli finali

Da non perdere, nel periodo di giugno è il Pride di Atene, partecipatissimo e molto caldo. Nel periodo di Aprile, da vedere è l’OutView, il Queer Film Festival di Atene. In quanto a ristoranti, invece, Mamacas e Prosopa sono mainstream, ma molto gay friendly.

Ti suggeriamo anche  Grecia, nuova legge sulle adozioni: aperte anche alle coppie gay

La nostra guida

La nostra guida è aggiornata all’aprile 2016. Qualora venisse aggiornata, questo paragrafo sarà cambiato.

Vuoi inviarci la tua guida gay ad una destinazione che conosci particolarmente bene? Inviala a [email protected]gay.it, le migliori saranno retribuite e pubblicate.

Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo