I mostri gay di New Orleans

di

Halloween si avvicina, i locali di tutta Italia si preparano alla grande festa dei morti. In America invece, interi quartieri si riempono di mostri gay. É la grande...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3127 0

Halloween è la seconda festa dell’anno dopo il carnevale dove tutto è lecito, anche il travestimento. Mentre in Italia i festeggiamenti del 31 ottobre avvengono quasi esclusivamente all’interno di discoteche e locali notturni, in America intere città investono per rendere il più spettrale possibile le proprie vie, in attesa della sera in cui, cittadini di tutte le età si mascherano e bussano alle porte dei vicini per recitare la famosa frase «Trick or Treat?» (dolcetto o scherzetto?). Proprio per l’attaccamento a questa tradizione, un gruppo di amici omosessuali di New Orleans ha dato vita a una festa riservata esclusivamente al pubblico gay e famosa in tutto il mondo.

Oggi l’Halloween gay di New Orleans è una grande parata, che dura tre giorni, dal 29 al 31 ottobre e che attrae migliaia di gay e lesbiche da ogni Paese. É così popolare che soltanto il Mardi Gras riesce a battere il numero di presenze. A differenza di quello che si può immaginare, infatti, nel mese di ottobre a New Orleans il tempo è molto mite e il tasso di umidità talmente basso da permettere di festeggiare in abiti spaventosi ma anche spaventosamente succinti.

Sul sito ufficiale della manifestazionesi, gli organizatori ne raccontano la storia: tutto ha avuto inizio nel 1984 dalle feste private di un modesto gruppo di amici. Nel corso di 25 anni, grazie al passaparola e al numero di partecipazioni sempre maggiore, un semplice party si è trasformato in uno dei Festival gay più importanti della comunità lgbt americana. In questa occasione il complesso di nightclub gay più grande di New Orleans formato dal Bourbon Pub video bar e il Parade Dance Club, programmano una serie di eventi non-stop con la musica dei Dj più famosi. Questa accompagna i turisti lungo le vie del quartiere, in particolare nella zona tra Bourbon e St. Ann Streets nelle quali oltre ai calderoni, si ha l’opportunità di ammirare i costumi più folli d’America. Sempre di carattere musicale ma non esclusivamente dedicato al pubblico omosessuale è il Voodoo Music Experience dove un gran numero di palchi, installati nel più grande parco della città, ospitano performance di rock bands emergenti per tutto il sabato e la domenica.

Questa festa non ha grandi pretese, è senza dubbio molto esigua rispetto all’enorme Parata di New York che da ben 35 anni riscuote un incredibile successo. L’aspetto che rende unico l’evento di New Orleans, però, è lo scopo benefico. Accedendo all’Halloween Party infatti, si ha la possibilità di aiutare chi soffre, sia attraverso la raccolta-fondi a favore delle vittime del devanstante uragano Katrina, sia contribuendo all’associazione che porta avanti il Progetto Lazarus, che punta alla costruzione di un ospizio per malati di HIV e AIDS al quale l’Halloween di New Orleans devolve la maggior parte degli incassi.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...