In giro per il mondo con Spartacus

di

Spartacus International informa sulle principali mete del turismo gay: facilmente consultabile, offre indirizzi, suggerimenti e must-to-see di 160 paesi al mondo. Con più di 22.000 indirizzi.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
15690 0

Sfondo, blu, scritta rossa e un gran bel ragazzo in posa. Sono queste le caratteristiche che rendono la copertina di Spartacus International inconfondibile, da 37 anni. La guida internazionale elenca tutte le mete gay in ogni angolo del mondo. Per ogni destinazione Spartacus International offre una descrizione di tutti i locali con tanto di indicazioni sulla tipologia, la frequentazione, la sicurezza, ma anche sui metodi di pagamento accettati, sul condizionamento dell’aria e sulla disponibilità di una connessione internet. Insomma, l’elenco è molto dettagliato e preciso e questo è reso possibile dai rappresentanti della Spartacus che girano il mondo testando sul campo tutte le informazioni. Un duro lavoro!

Ogni paese è introdotto da una scheda che offre le informazioni essenziali del territorio, della popolazione e dei suoi usi e costumi. Si passa poi all’elenco dei luoghi di ritrovo e d’incontro con i dettagli di cui parlavamo. La sigla AYOR ("At your own risk", letteralmente "A tuo rischio e pericolo"), ad esempio, è diventata di uso comune in tutto il mondo e la Spartacus è stata una delle prima ad usarla, soprattutto per descrivere i luoghi all’aperto

Le tipologie dei luoghi elencati dalla guida gay più famosa e autorevole del mondo spaziano dai bar alle discoteche, dalle saune agli hotel per finire con i luoghi all’aperto. E poi: ristoranti, centri d’informazione e di assistenza sanitaria, associazioni di difesa dei diritti.

Da qualche anno, poi, la guida Sparatacus si è fatta in tre. Ad affiancare la versione "classica" ci sono altre due pubblicazioni dedicate rispettivamente alle saune (Spartacus International Sauna Guide, quest’anno alla sesta edizione) e agli hotel (Spartacus International Hotel and Restaurant Guide, quest’anno alla sua settima edizione).

La Spartacus International non trascura nemmeno i lati etici e responsabili dei viaggi informando, ad esempio, sull’Aids e sulle malattie sessualmente trasmissibili.

Tutte le descrizioni sono disponibili in cinque lingue: inglese, tedesco, francese, spagnolo e italiano.

La guida Spartacus è uno strumento indispensabile per preparare delle vacanze veramente Gayfriendly nei quattro angoli del pianeta o vicino a casa vostra.

Un’ultima curiosità: il ragazzo della copertina si chiama Stefan Buettner.

Per acquistare la guida Spartacus International clicca su Cleptomania

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...