Loveball ’08, una sfrenata Barcellona gay vi aspetta

di

Sono attese 40.000 persone da tutto il mondo per la quinta edizione della grande festa dello sport, della cultura e del divertimento gay e lesbico. La città catalana...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1577 0

Dopo l’esito felice del 2007, il Loveball ripeterà l’esperienza, dall’1 al 7 agosto, della formula che offre festa, sport, arte e cultura a un pubblico la cui età media va dai 25 ai 35 anni. L’edizione precedente ha richiamato un totale di 32.000 persone e quest’anno, gli organizzatori sperano di superare la soglia dei 40.000 approfittando del momento particolarmente positivo che Barcellona sta vivendo. Gli obiettivi sono "offrire una settimana di riposo e divertimento totale a gay e lesbiche, partendo da un’offerta diurna basata sulla cultura in diverse forme e da una gran varietà di eventi notturni selezionati", oltre a "consolidare Barcellona come il centro nevralgico del divertimento gay europeo durante la prima settimana di agosto". Alle proposte per gay e lesbiche, si aggiungono, quest’anno le offerte per i transessuali.

La scelta di Barcellona per dare seguito al Loveball, che si è celebrato anche in altri Paesi, non è casuale. Secondo fonti dell’organizzazione, l’anno scorso ha dimostrato di essere "aperta, moderna, multiculturale e tollerante e con una importante vita culturale e notturna". La maggiorparte del pubblico arriverà dall’Europa, ma si aspettano visitatori anche dagli Stati Uniti, dall’Australia, dal Sudamerica e dall’Asia. Parallelamente, un nuovo incontro, il Circuit Festival, si aggiunge all’agenda di quest’anno della capitale catalana, con una settimana (dal 4 all’11 agosto) che comprende 20 feste notturne, (13 per gay e sette per lesbiche), oltre ad una moltitudine di proposte che riguardano l’arte e la cultura, come rassegne cinematografiche, dibattiti, mostre e atelier creativi. Organizzato principalmente dal gruppo Matinée, uno dei maggiori promotori di eventi notturni d’Europa, punta a radunare 30.000 spettatori da 50 paesi diversi in quella che sarà "un’autentica festa della diversità sessuale, ma anche culturale e razziale", assicurano gli organizzatori.

I responsabili sostengono che il Circuit aiuterà a trasformare Barcellona nella destinazione del turismo omosessuale per eccellenza, consolidata "come vera capitale gay e lesbica del sud dell’Europa". Tra le principali novità, spicca la celebrazione della "prima giornata gay e lesbica in un parco acquatico". Così, Isla Fantastica sarà dedicata per un giorno a questo pubblico, ma saranno altrettanto benvenute le famiglie che simpatizzano con la comunità, nel tentativo di "smentire luoghi comuni e dimostrare che un’offerta mirata al pubblico omosessuale non deve necessariamente concentrarsi nelle ore notturne". Gli organizzatori sottolineano anche che il Circuit darà molta importanza anche alle donne che avranno il loro "festival dentro il festival", il Girlie Circuit Festival con un’offerta specifica per questo particolare pubblico.

Tanto nelle feste maschili quanto in quelle femminili i momenti culminanti saranno le performance dal vivo di artisti e dj internazionali. L’incontro dei due festival avrà ricadute importanti sull’economia della città. Il Circuit calcola che il suo pubblico lascerà a Barcellona 1,5 milioni di euro in spese di base e farà in modo che, unendosi al normale flusso turistico che investe la città, si arrivi al 90% dell’occupazione. Il Loveball ha in programma una massiccia campagna pubblicitaria nelle principali città del mondo, compresa quella mirata al pubblivco gay dell’Europa dell’Est, del Canada e del Sudamerica.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...