SAO PAULO, LA PARADA DO ORGULHO

di

Brasile vuol dire bei ragazzi, divertimento, nightlife, shopping. Inziamo oggi uno speciale sulla terra del sole partendo da San Paolo, città ospite di un Gay Pride da 3milioni...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1192 0

“È meglio un giorno di pioggia a Rio che uno di sole a Sao Paulo”: è un detto molto diffuso tra i carioca, gli abitanti di Rio, quando il maltempo li costringe a rinunciare alle loro adorate spiagge. Ed è un modo in più per schernire i rivali paulisti.
Dalla prospettiva carioca, infatti, Sao Paulo non ha spiagge, non si affaccia sull’Oceano Atlantico e non gode di panorami naturali mozzafiato. Ma Sao Paulo è ben altro.
La città, con i suoi undici milioni di abitanti urbani ed un passato da capitale, è la più grande metropoli del Brasile. Se Rio è spiaggia, Sao Paulo è business, cultura, shopping, vita notturna.
La struttura urbanistica della città è molto moderna, in quanto ha dovuto reggere l’inarrestabile immigrazione e un massiccio incremento demografico. Il centro della città è compreso tra le grandi arterie di Rua Direita, Rua São Bento e Avenida Paulista ed è per la maggior parte costituito da palazzi istituzionali, uffici, hotel internazionali e banche. Qui si trovano i maggiori centri congressi della federazione, le sedi delle multinazionali e delle banche. Qui si possono visitare il Museu de Arte de Sao Paulo MASP, che ospita, tra le altre, opere di Raffaello, Tintoretto, Van Gogh e Matisse, la Pinacoteca de Estado e il parco di Anhangabaù. Qui, infine, si può passeggiare negli elegantissimi quartieri della moda internazionale, sedersi in uno dei numerosi caffè e perdersi negli immensi showroom di Dior, Roberto Cavalli, Versace, Bang&Oluffsen, Paola Vinci, Diesel e quant’altri. Grazie al cambio valuta molto favorevole (1 € è pari a 2,7 R$), lo shopping è decisamente conveniente!

Non meno interessante la gay life della città. Tra i locali in vista va assolutamente citato il The Week, la discoteca più cool del momento: due sale interne e zona chill out con piscina, musica rigorosamente vocal house, garage e internazionale, e una clientela selezionata anche e soprattutto dal costo del biglietto (si arriva a 150,00 R$, circa 60,00 euro). Se il The Week non vi basta potete provare a trascorrere una serata all’elegante Bubu Lounge o al sofisticato Ultralounge, quest’ultimo sito in rua da Consolação, una delle zone chic della città. Se siete in cerca di notti alternative, tra le tante possibilità spicca il Labirinttu’s Club, una delle migliori saune in town, nonché l’unica aperta 24 ore su 24.
Se siete gay e siete a Sao Paolo, non perdetevi per alcuna ragione al mondo la Parada do Orgulho LGBT.
Continua in seconda pagina^d
Se siete gay e siete a Sao Paolo, non perdetevi per alcuna ragione al mondo la Parada do Orgulho LGBT.
La prima edizione del Gay Pride di Sao Paulo si tenne nel 1997 e coinvolse poco più di duemila persone. La decima edizione, tenutasi lo scorso 17 giugno, ha letteralmente invaso la città richiamando più di tremilioni partecipanti, imponendosi così come il più grande evento gay al mondo. Il tema della manifestazione è stato “Homofobia is a crime! – Sexual Rights are Human Rights” ed ha voluto appoggiare un disegno di legge attualmente in discussione in Parlamento, che, se varato, garantirebbe l’equiparazione dei crimini contro gli omossessuali a quelli commessi per discriminazione razziale.

Detto questo, la Parada è stata festa, festa, festa. House music, glitter, drag queen coloratissime, gogoboys mozzafiato, enormi carri in sfilata, venditori di bibite a ogni passo, baci e abbracci, ragazzi dai capelli rosa, torme di ragazzine urlanti, cowboy e marinai, fischietti e trombe da stadio, famiglie affacciate ai balconi, madri con prole e padri con passeggini, gente arrampicata sui bagni chimici, travestiti e transessuali, comparse di Querelle e personaggi da Tom of Finland: insomma, una fiumana danzante di persone, riunita lungo la Avenida Paulista solo per manifestare pacificamente il diritto a vivere serenamente la propria omosessualità.
Sao Paulo, insomma è pensare in grande e vale decisamente la pena di essere vissuta.
Per farlo al meglio vi suggeriamo RioG, il tour operator con sede a Rio de Janeiro specializzato nel turismo gay e lesbico in Brasile, nonché partner di Outtravel.it, l’agenzia di viaggi on line di Gay.it
Per conoscere un altro pezzo di Brasile, vi rimando invece alla seconda parte del viaggio.
Per maggiori informazioni visita il sito di Outtravel

di Osman Pastorello

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...