VACANZA GAY IN METE INSOLITE

di

Basta con le grandi strutture! Proviamo a scoprire le sorprese dei luoghi più sconosciuti. Come la campagna senese, o le spiagge di Gaeta. O i bar di Frosinone...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
11047 0

“I viaggi sono la parte frivola della vita delle persone serie e la parte seria delle persone frivole” (Madame Swetchine, 1782-1857). E se con frivolo vogliamo tradurre l’aggettivo gay inglese, quest’aforisma risulta vero soprattutto per noi gay che spesso del viaggiare facciamo un stile di vita.

Le mete di un viaggio possono essere le più varie, a seconda dei gusti di ognuno. Di certo spesso le nostre scelte sono dettate dal fattore “gay”: se cioè in un determinato posto troviamo o meno dei locali – e quindi delle persone – che “la pensano come noi”. E per questo ci sono diverse guide, sia cartacee che on-line.

Ma esistono anche altri “locali” al di fuori dei circuiti ufficiali che possiamo definire gay friendly e che senza dubbio possono esserci utili se è nostra intenzione trascorrere un periodo di vacanza (anche di un solo giorno), nella tranquillità più completa.

Se concentriamo i nostri interessi vacanzieri sul centro-sud della penisola, mete classiche per le vacanze, forse un paio di giorni nella campagna toscana ci aiuterebbero proprio a distenderci nell’attesa delle ferie estive. Allora non possiamo che consigliarvi la Country House Il Palazzotto: una casa padronale situata fra le tipiche colline senesi. A fare gli onori di casa c’è il simpatico Maurizio, di un’ospitalità e cortesia uniche. Il Palazzotto offre anche il servizio di Bed & Breakfast. Il Palazzotto offre accoglienza e ospitalità a quanti di noi vorranno trascorrervi qualche giorno e possiamo senza dubbio annoverarlo fra i locali gay friendly interessanti della Toscana.

Per gli amanti del mare, una proposta di una classica gita romana “fuori porta” con Sperlonga e Gaeta che la fanno da padrona. Per una spiaggia “nudista” consigliamo Gaeta con i Trecento Scalini: un panorama mozzafiato (e non solo per le bellezze naturali…). I Trecento Scalini si trovano lungo la costa tra Sperlonga e Gaeta. Raggiunto lo stabilimento Ultima Spiaggia, si scendono le scale (ben 300…) e si è arrivati. Se si vuole aggiungere anche un pizzico culturale alla nostra giornata vacanziera, allora è un must passare al piccolo Museo di Sperlonga che conserva i resti della grotta dell’Imperatore Tiberio. Nel museo si possono ammirare vari gruppi scultorei provenienti dal “parco giochi” dell’Imperatore (anch’esso visitabile).

E scommettiamo che l’attenzione dei visitatori sarà senza dubbio catturata dal gruppo scultoreo di Ulisse che acceca Polifemo: non si sa se rimanere ammirati dalla bellezza di Ulisse o dalle dimensioni di Polifemo che nudo e ubriaco dorme sdraiato… (per gli orari e i prezzi del museo si veda www.aptlatinaturismo.it/tour/citta/sperlonga/museo.htm). Se poi si vuole concludere la giornata con una buona cena dai gusti veramente particolari (e dai prezzi contenuti) consigliamo l’accoglienza e la disponibilià del ristorante Le Pantanelle a Monte S. Biagio (in provincia di Latina e a circa 30 km da Gaeta), un locale che ha fatto dell’accoglienza il proprio stile di vita.

A volte non si ha tempo di avere una giornata di riposo, ma si è sempre in giro per lavoro. In casi come questi, se vi trovate a passare a Frosinone, fate un salto al Bar del Centro, in piazza Garibaldi: a quanto dicono i frusinati si tratta di un luogo di ritrovo gay per la cittadina ciociara. Così anche se siete un po’ più a sud, precisamente a Reggio Calabria, e di sera volete passeggiare sul lungomare facendo spaziare lo sguardo sulla vicina Sicilia, continuate la vostra passeggiata fino al pontile comunale, di fronte al Palazzo Municipale: anche questo è un luogo di ritrovo per le bellezze maschili e gay della città.

Concludendo il nosto “viaggio nel viaggio” ci rimane da segnalare solo un bar a Marina di Ragusa: il Charleston Pub, sul lungomare, aperto quasi tutta la notte, con musica fino a tardi e con il gustoso panino Charleston (gorgonzola, funghi arrostiti, radicchio e hamburger). Anche il Charleston Pub è un luogo di ritrovo “non ufficiale” ma vi assicuriamo che è pieno di “bella gente”, come anche belle sono queste zone nella quali sono state girate le puntate de Il Commissario Montalbano. Chissà, con un po’ di fortuna si potrebbe anche incontrare il bel Luca Zingaretti…

di Roberto Russo

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...