AIDS: PARTE VACCINO EUROPEO

Messo a punto da sette paesi con i fondi UE per la prevenzione dell’HIV, sarà ineittato sui primi volontari lunedì. Si tratta di “un nuovo vettore mai testato finora sull’uomo”.

ROMA – Al via lunedi’ i primi test su un vaccino preventivo anti-Aids ‘made in Europa‘, che sarà sperimentato su 24 volontari sani. Messo a punto da un centinaio di ricercatori di sette paesi del Vecchio continente, Italia compresa, grazie a fondi europei, la prima iniezione del vaccino avverrà in contemporanea su 12 persone, al S.Mary Hospital di Londra e su altre 12 al Centro ospedaliero universitario (Cho) di Losanna. I primi risultati si avranno già a ottobre.

Si tratta di “un nuovo vettore mai testato finora sull’uomo, battezzato NYIVAC – spiega all’Adnkronos Salute, Giuseppe Pantaleo, pugliese ‘emigrato’ in Svizzera, direttore della divisione di Immunologia del Cho – che presenta diverse ‘novità’, come quella di esprimere le quattro proteine del virus”.

“Fino ad oggi, infatti – aggiunge – la maggior parte dei test clinici piu’ avanzati ha riguardato solo vettori che esprimono soprattutto la proteina Gag”. Altra novità: “per la prima volta – spiega il ricercatore – viene testato un vaccino per il sottotipo C del virus Hiv, diffuso soprattutto in Cina e Sudafrica. Finora le sperimentazioni di sono concentrate su vaccini diretti contro i virus di tipo A e B”. Allo studio hanno partecipato Italia, Svizzera, Inghilterra, Germania, Svezia, Spagna, Olanda, grazie a finanziamenti provenienti quasi esclusivamente dai fondi europei del V programma quadro di ricerca.

“Dal momento dell’arrivo dei fondi, a fine ’99 – riferisce Pantaleo – abbiamo cominciato a lavorare a questo vaccino partendo completamente da zero. Essere arrivati alla sperimentazione sull’uomo in appena tre anni e mezzo – aggiunge – rappresenta un vero successo, perche’ abbiamo impiegato gli stessi tempi ‘stretti’ dei colossi farmaceutici multinazionali”. I test su volontari sani, e a bassissimo rischio, “serviranno in questa fase I di studio a valutare innanzitutto la tossicità, ma forniranno anche prime informazioni sulla capacità di indurre la risposta immunologica”.

Se i risultati dello studio, denominato EUROVACC 01, “saranno promettenti – dice ancora Pantaleo – il passo successivo e’ di studiarne l’efficacia in combinazione con altri vaccini, per ‘portare’ in fase II di studio i vaccini combinati che offriranno la migliore risposta immunologica. L’obiettivo finale – conclude – e’ vaccinare popolazioni ad alto rischio di Hiv in test di fase III”.

LEGGI ANCHE

Storie

Donald Trump all’America: ‘basta HIV/AIDS entro dieci anni’ (ma ha...

Dopo aver dichiarato guerra alla ricerca, Donald Trump promette la fine dell'epidemia HIV/AIDS entro il 2030. Insorgono le associazioni LGBT.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, ‘zero trasmissioni di HIV entro il 2030’

Peccato che la Brexit potrebbe compromettere il piano. La maggior parte delle forniture di PrEP sono importate privatamente dall'UE.

di Federico Boni | 30 Gennaio 2019

Storie

Dentista caccia sieropositivo, l’associazione nazionale lo difende: le parole del...

Botta e risposta tra il Gay Center e l'ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani, che è così intervenuta sul caso della...

di Federico Boni | 14 Gennaio 2019