C’È UN GENE CHE SCATENA L’AIDS

L’infezione provocata dal virus Hiv ha risultati più o meno pesanti sulle persone in base alla versione di alcuni geni che governano le molecole sentinella.

ROMA – L’infezione provocata dal virus Hiv ha risultati più o meno pesanti sulle persone in base alla versione di alcuni geni che governano le molecole sentinella: si tratta di sostanze che avvertono le difese dell’organismo della eventuale presenza del microrganismo.

Lo hanno scoperto ricercatori delle Università di Oxford, KwaZulu-Natal ed Harvard, dandone notizia in questi giorni sulla rivista Nature.

«Abbiamo stretto il campo su quali geni siano importanti nel determinare l’effetto dell’infezione da parte del virus Hiv – ha dichiarato Philip Goulder, del Partners AIDS Research Center al Massachusetts General Hospital – informazione che ci svelerà come muoverci per arrivare a un vaccino».

I ricercatori sono giunti alle loro conclusioni studiando il Dna di un gruppo di 375 persone sieropositive e la loro risposta al virus, quindi la gravità dei risultati dell’infezione da Hiv, ovvero come il corpo di ciascuno rispondesse a tale virus.

Gli scienziati hanno concentrato la loro attenzione sull’esame della sequenza dei geni HLA-A, HLA-B e HLA-C, che producono le proteine sentinella poste di guardia alla superficie cellulare. Queste proteine indicano alle cellule immunitarie, precisamente ai linfociti T, quand’è il momento di agire e distruggere un virus penetrato nell’organismo.

Quindi gli scienziati hanno visto che tra tutte le molecole sentinella le HLA-B sono le più determinanti nell’innescare una risposta immunitaria all’Hiv ed hanno trovato ben 560 versioni diverse del gene per la HLA-B, tra cui una protettiva: oltre ad aumentare le chance di sopravvivenza del paziente Hiv-positivo questi geni diminuiscono la probabilità di trasmissione donna-neonato al momento del parto.

Ti suggeriamo anche  Regno Unito, 'zero trasmissioni di HIV entro il 2030'

“Questo studio ha svelato il ‘palcoscenico’ genetico dove viene messa in scena la battaglia tra il virus e l’organismo – ha concluso Goulder – cosa che aiuterà a capire come il sistema immunitario può riuscire o fallire l’Hiv, prerequisito per decidere la base di un vaccino”.