Cialis: una pillola per impotenza e problemi urinari

di

Gli esperti: la famosa "pillola gialla" per la disfunzione erettile, il Cialis, si rivela utile non solo per il trattamento dell'impotenza ma anche per i disturbi urinari.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
46740 0

La famosa “pillola gialla” per la disfunzione erettile, il Cialis, si rivela utile non solo per il trattamento dell’impotenza ma anche per i disturbi urinari. Il farmaco della Lilly Icos, diventato sempre più famoso grazie ai suoi effetti sulla capacità erettile che possono durare fino a 36 ore, è ormai il primo per spesa in Italia e anche il più utilizzato dagli uomini con problemi di disfunzione erettile. Ma oltre che per l’impotenza, il tadalafil – principio attivo del Cialis – viene utilizzato nel trattamento dei problemi di iperplasia prostatica benigna in particolare nel dosaggio da 5 mg.

A riguardo il Prof. Vincenzo Gentile, Direttore del Dipartimento di Urologia dell’Università La Sapienza di Roma ha spiegato: «Le sperimentazioni cliniche condotte in tutto il mondo dimostrano che il trattamento con tadalafil al dosaggio di 5 mg in unica dose quotidiana, oltre ovviamente a trattare la disfunzione erettile frequentemente presente in associazione alla LUTS (Lower Urinary Tract Symptoms), è in grado di indurre un significativo miglioramento nella sintomatologia irritativa legata a quest’ultima condizione». «La terapia favorisce il rilassamento del collo vescicale evitando i fastidi legati all’urgenza e alla frequenza minzionale, che sono i più difficili da sopportare per il paziente e ne peggiorano la qualità di vita. I benefici in termini di controllo dei sintomi urinari si riscontrano a partire da 5 giorni dall’inizio della terapia. La disponibilità del trattamento è ancor più importante se consideriamo che i medicinali attualmente utilizzati per il trattamento delle LUTS possono avere come effetto collaterale ripercussioni negative sulla sfera sessuale».

L’efficacia di Cialis nel trattamento di disfunzione erettile e disturbi urinari legati all’iperplasia prostatica benigna viene confermata dai dati di uno studio presentati recentemente a Berlino. Ciò che è emerso è che nei pazienti trattati con terapia combinata di Cialis 5 mg e finasteride, un farmaco specifico per la cura il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna, è osservabile un miglioramento significativo rispetto alla terapia standard di finasteride e placebo. I miglioramenti sono stati osservabili sia riguardo ai disturbi urinari che riguardo alla disfunzione erettile a partire già dalla quarta settimana di trattamento, con degli effetti positivi e sulla vita e la soddisfazione sessuale in generale.

«I dati dimostrano come tadalafil in associazione a finasteride sia efficace sia sulla disfunzione erettile, che sui sintomi urinari moderati e severi», spiega Andrea Salonia, urologo e andrologo della U.O. Urologia dell’Ospedale San Raffaele di Milano. «La terapia combinata con tadalafil e il trattamento standard è superiore in efficacia alla sola terapia standard nel trattare i sintomi urinari legati all’ingrossamento della prostata». Sia la disfunzione erettile che i fastidiosi sintomi urinari legati all’iperplasia prostatica benigna condizionano pesantemente la vita e la sessualità degli uomini, portando delle forti ripercussioni sia sulla propria autostima che sui rapporti di coppia.

Per questo motivo si rivela fondamentale il contributo del Cialis in combinazione alla terapia standard con finasteride per trattare due delle condizioni che più avviliscono e creano problemi nell’uomo.

di Claudio Signori

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...