COME DISSETARSI

di

Non basta attaccarsi alla bottiglia per togliersi la sete una volta per tutte. Suggerimenti per scegliere la bevanda giusta tra le molte varietà di: acque, succhi, bibite e...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2335 0

L’estate è una stagione in cui bere è fondamentale, ma come ci possiamo muovere nel vasto mondo delle bevande? Rimane il problema di cosa è meglio bere, tra la ricca offerta di: frullati, succhi di frutta, acqua, bibite gasate, tisane, tè.

Acqua: la scelta più saggia

Quando la bocca diventa arida e asciutta (vuol dire che è già tardi e siamo disidratati) cosa ci viene in mente di bere?

Alla nostra mente affiorano mille nomi di bevande pubblicizzate, ma in genere l’acqua, la meno appagante per il palato, è l’ultima opzione. Quando il corpo ha bisogno di acqua scegliamo di dargli acqua al 100 %: è la scelta più saggia.

Attenzione però alla temperatura, è ottimale la temperatura ambiente o leggermente fresca. L’acqua ghiacciata è sempre un pugno per lo stomaco che si trova a 37°.

Nel mondo delle bollicine

Proprio non vi sentite appagati dalla sola acqua? Ci vorrebbero le bollicine ? No! Le bollicine sono anidride carbonica, stimolano i succhi gastrici e possono quindi causare acidità di stomaco e gastriti. Se volete bere acqua gasata potete farlo, ma a stomaco pieno ed al massimo una volta al giorno. Se invece amate le bibite gasate occhio alla linea! In genere sono piene zeppe di zucchero puro e quindi, oltre a non dissetarci veramente, fanno anche ingrassare.

Fanno eccezione le bevande leggermente gasate, preparate da alcune ditte di integratori, con sali minerali. Queste infatti possono essere utili per atleti di fondo o ciclisti al termine di una prestazione in quanto capaci di abbassare leggermente il ph facilitando il recupero.

Tè ed altre tisane

Sono sempre un’ottima scelta, anche se con il caldo bere una bevanda calda può risultare poco stimolante. Nelle lunghe giornate estive preparate tè in abbondanza, aggiungete qualche goccia di limone, dolcificatelo leggermente e mettetelo in frigo. Può essere un ottimo sistema per bere con piacere idratando il corpo.

A proposito della frutta

In quanti modi la frutta può dissetarci?

Cominciamo dai frullati: un vero e proprio pasto sostitutivo. Nel pomeriggio un frullato di frutta, oltre a darci energia, ci disseta e ci riidrata, quindi sì ai frullati.

No invece ai succhi di frutta: troppo zucchero, conservanti, coloranti. Certo sono molto appetibili, ma in realtà ci illudono solo momentaneamente di dissetarci, poi abbiamo più sete di prima.

Infine la frutta, come la verdura, con il suo 70-80 % di acqua, ha di per sé stessa un grande potere idratante. Quindi mangiate frutta lontano dai pasti e verdura a pasto, bevete almeno due litri di acqua al giorno. Questa è una delle strategie possibili per superare indenni questa "stagione della sete", se volete conoscerne altre cliccate qui.

di CanaleFitness

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...