Coppia: entrambi positivi. «Possiamo fare sesso»?

Un lettore ci scrive: «Vorremmo fare sesso liberamente dato che siamo entrambi hiv+ ma quali sono i rischi se venissimo a contatto con i nostri rispettivi virus e ceppi?». Risponde il dottore.

Sono hiv+ da Marzo 2006 e sto bene, il mio sistema immunitario è buono e non faccio nessuna terapia. Ho una domanda da fare: ho conosciuto un ragazzo HIV+ da poco infettato ma che presenta già un sistema immunitario compromesso e forse inizierà presto la terapia. Vorrei poter stare con lui, fare sesso con lui ma ho paura di peggiorare il mio stato di salute nel caso di ulteriore contagio con il suo virus.

Vorremmo fare sesso liberamente dato che siamo entrambi hiv+ ma quali sono i rischi se venissimo a contatto con i nostri rispettivi virus e ceppi?

Certo per il rapporto anale useremo il preservativo ma per quello orale che rischi ci sono se non utilizziamo preservativo e venissimo a contatto con il nostro sperma? Possiamo avere rapporti orali senza preservativi stando attenti di non fuoriuscire lo sperma in bocca? e se esce del liquido spermatico è pericoloso ugualmente per la nostra salute?

Insomma vorrei chiarimenti circa il sesso tra due hiv+ con rischi e precauzioni da usare se necessarie! Grazie e attendo una vostra risposta.

Vorremmo al più presto fare sesso ma attendo una vostra risposta a riguardo!

Le regole del "sesso più sicuro" valgono per tutti (maschi e femmine, gay o etero) a prescindere dallo stato sierologico e queste regole servono a ridurre (attenzione: ridurre non significa abolire!) la possibilità di infettarsi (per i sieronegativi) o di reinfettarsi (per i sieropositivi).

La più importante di queste regole è che qualsiasi tipo di penetrazione (anale o vaginale) deve avvenire usando il preservativo sin dall’inizio e con una buona lubrificazione. Tutti conoscono questa regola e nessuno la mette in discussione (anche se poi non tutti e/o non sempre la applicano…).

Come tu già sai, per un sieropositivo applicare il "safer sex" non serve solo a non infettare gli altri ma soprattutto serve alla propria salute ed in particolare per non infettarsi di nuovo con un ceppo di virus più aggressivo o resistente ai farmaci (in Italia si stima che circa il 10% delle nuove infezioni avvengano con ceppi farmacoresistenti).

Le discussioni ed i problemi nascono sempre con la storia dei rapporti orali ma in realtà la regola è la stessa dato che anche i rapporti orali in fin dei conti sono una penetrazione e dunque la regola non cambia. Il punto è che nei rapporti orali la stragrande maggioranza delle persone il preservativo non lo usa (questo è un dato di fatto ed è inutile polemizzare con i dati di fatto) e quindi la regola è diventata: "Nei rapporti orali devi usare il preservativo ma se tu hai deciso di non usarlo almeno fai attenzione a non ricevere sperma in bocca".

Come vedi si parla di sperma e non di liquido prespermatico che non viene considerato a rischio. Dunque nel tuo caso è una decisione che devi prendere insieme al tuo compagno ma sarebbe bene che alcuni chiarimenti ve li desse il medico che vi segue che, a differenza di me, ha il vostro quadro completo (ad esempio avete fatto un Test di resistenza cioè quell’esame del sangue che serve a capire se esistono resistenze del virus ai farmaci? E quanto è alta la vostra carica virale?, ecc. ecc.).

Ciao,

dott. Francesco Allegrini

di Francesco Allegrini

Ti suggeriamo anche  La Spezia, il tribunale: Procura non può bloccare riconoscimento del figlio di coppia LGBT
Cultura

Cos’è lo Shudō, l’amore omosex dei Samurai

In Giappone, lo shudō ha un'origine antichissima.

di Alessandro Bovo