ESTATE: BELLI E LEGGERI

Per affrontare in forma la bella stagione è bene mangiare evitando di appesantirsi. Il segreto? Tanta frutta e verdura. Ecco cosa contengoono e perché fanno bene.

Mangiare evitando di appesantirsi troppo è un’abitudine che dovrebbe valere tutto l’anno, ma durante le fredde giornate invernali immagazzinare più calorie ci permette di combattere meglio le temperature rigide. D’estate invece la leggerezza è il piatto principale a tavola per combattere la sensazione di fiacca e svogliatezza che il sole ci provoca. E’ una questione di salute, prima ancora che un problema pratico.

E’ ovvio che una buona dieta, anche d’estate, deve sempre essere varia, favorendo cibi naturali ed evitando fast food: la salute e la bellezza della pelle dipendono anche da quello che scegliamo a tavola.

Con la bella stagione ormai alle porte e il caldo che di giorno in giorno si fa più forte, cresce il desiderio di eliminare la pancetta accumulata con i pasti calorici delle serate invernali consumando pasti leggeri che ci facciano alzare da tavola sazi ma attivi. Se consumassimo pasti pesanti in questo periodo, saremmo costretti ad una siesta continua! La regola d’oro da seguire è dunque: mangiare tanta frutta e verdura e bere tanta acqua.

Frutta e verdura hanno, come primo compito, quello di rifornire il nostro organismo di alcune sostanze particolarmente salutari. In esse, in generale, infatti troviamo:

– Pro-vitamina A, vitamina C e altre vitamine

– Minerali e fibre alimentari

Ti suggeriamo anche  Daddy is cool, ma occhio alla cura della pelle

– Acqua

– Zucchero (fruttosio della frutta)

Tra queste, una particolare importanza rivestono la vitamina A e C, oltre alle fibre. La fibra alimentare è costituita prevalentemente da cellulosa, emicellulose, pectine e lignine: sostanze che l’organismo umano non è in grado di digerire, ma che risultano utili in quanto attivano la motilità intestinale.

I caroteni, presenti anch’essi nella frutta, si trasformano nell’organismo in vitamina A, che esercita un’importante funzione nell’accrescimento corporeo, nella protezione degli epiteli e durante la visione alla luce crepuscolare.

La vitamina C, infine, detta anche acido ascorbico, agisce come antiossidante svolgendo nell’organismo innumerevoli funzioni: è indispensabile in alcune tappe metaboliche che portano alla formazione del collagene, sostanza fondamentale del tessuto connettivo e osseo; mantiene l’integrità dei vasi sanguigni, soprattutto dei capillari; è coinvolta nella formazione della dentina, nella rimarginazione di ferite e scottature, favorisce l’assorbimento del ferro; favorisce il risparmio delle vitamine A ed E ed infine sembra esplicare un’importante funzione nella difesa dalle infezioni.

Ecco dove si trovano questi importanti "toccasana" della nostra dieta estiva:

Fonti di vitamina A: carote, zucca gialla, peperoni, spinaci, biete, broccoli, cicoria, indivia, lattuga, radicchio verde, albicocche, pesche, kaki, melone giallo