EUROPEO PIU" VICINO:

L"Italia di Carolina Morace funziona e da spettacolo!

Da Tutto Il Calcio Femminile:

Palermo, 18 ottobre 2000

ITALIA – PORTOGALLO 3-0 (1-0)

Italia: Brenzan, Deiana, Tavalazzi, D"Astolfo, Tesse, Perelli, Masia, Pellizzer (69" Frollani), Zorri, Duò (59" Tagliacarne), Guarino. A disp.: Comi, Caprini, Maglio, Ceroni, Marsico. Ct: Carolina Morace.

Portogallo: Garcez, Mesquita, Anabela Silva, Gomes, Xavier, Yassi, Sandra Silva (62" Brunheira), Martins, Couto (79" Sequeira), Rels, Paula Santos (66" Anabela Santos). A disp.: Villaca, Cova, Monteiro, Matos, Ct: Nuno Cristovao.

Arbitro: Ingrid Jonsson (Svezia)

Reti: 8" D"Astolfo, 63" Zorri, 2"rst Guarino.

Espulsione: 76" Mesquita

Ammonita: Deiana

Recuperi: 4" pt – 4" st

Proprio bella l" Italia di Carolina, anche più bella delle nuove maglie che tutto sommato non sono poi così diverse da quelle vecchie.

Segna D"Astolfo di prima sulla respointa del portiere già all" 8" e l" Italia trova sicurezza e serenità. Il Portogallo non impensierisce mai la porta di Giorgia Brenzan e le azzurre pensano soltanto ad arrotondare il risultato il più possibile.

Ci riescono nella ripresa con una bellissima rete di Zorri al 18", sprecano altre occasioni favorevoli, Garcez devia sul palo una conclusione di D"Astolfo. Solo nel recupero arriva il giusto 3-0 ad opera di Rita Guarino, in contropiede.

Adesso il ritorno a Porto Alegre il prossimo 22 novembre dovrebbe essere abbastanza tranquillo, non solo per il risultato ma soprattutto per la superiorità tecnica dimostrata dall" Italia in questa partita.

Se Italia passerà il turno sarà una delle 8 finaliste per l" Europeo che si svolgerà a giugno. La sede verrà decisa non appena sarà pronta la lista delle 8 nazionali qualificate, la Germania si è già candidata per l" organizzazione di almeno uno dei due gironi.

——————————————————————————–

Dal Corriere dello Sport del 15 ottobre 2000

ITALIA – FRANCIA 3-1 (3-1)

Italia: Brenzan (46" Comin), Masia (46" Caprini), Tesse, Perelli, Tavalazzi, Deiana (46" Frollani), Pellizzer, (46" Tagliacarne), D"Astolfo (46" Ceroni), Duò (46" Maglio), Guarino (46" Marsico), Zorri. Ct: Carolina Morace.

Francia: Marty, Brandy (46" M"Barek), Diacre, Riera, Bompastor, Mugneret-Beghe, Solibeyrand, Blouin (84" Jezequel), Lattaf (73" Ledenmat), Heribert (46" Zenoni), Provost. A disp.: Roux, Guilbert, Brique. Ct: Loisel.

Arbitro: Marta Atzori (Italia)

Reti: 10" Tavalazzi, 17", 42" Guarino, 45" Provost.

Ammonite: Marsico, Zorri, Provost, Diacre

Sorride la Morace: la Nazionale femminile funziona. Battuta ieri la Francia (3-1), ora il Ct e le sue ragazze possono concentrarsi sul Portogallo (mercoledì prossimo alla Favorita di Palermo ore 15:30), quando le nostre atlete vestiranno anche le nuove maglie, più sagomate in vita e rinforzate nei punti giusti. Quello con il Portogallo sarà innanzitutto il primo impegno vero della gestione Morace, che contro la Francia ha azzeccato l" assetto offensivo da schierare nella prima gara delle qualificazioni europee. A Palermo non ci sarà la Panico e ieri al Flaminio, di fronte a circa duecento spettatori, l" Italia ha cercato e trovato l"alternativa: la Zorri versione attaccante, spalla della Guarino. L" esperimento si rileva più che buono. "Se avessi un altro attaccante di peso giocherei anche con i tre", spiega a fine partita la Morace, accerchiata da un gruppo di giovani e curiosi scolari. "Sono contenta: ho visto un bel gioco di squadra. Rispetto alla partita con la Slovacchia abbiamo retto il ritmo per tutti e novanta i minuti." Una sola occasione concessa e sfruttata dalla Francia, e tre reti all" attivo. Il vantaggio azzurro nasce dal piede della Zorri (10" pt): punizione e testa vincente di Tavalazzi. Fuori la Panico, c"è sempre la Guarino, bravissima al 17" a sfruttare un clamoroso malinteso della difesa francese e al 42" a trovare il terzo gol. "Siamo sempre sullo zero a zero" urla dalla panchina la Morace come se avesse percepito l" immediato calo di tensione. Solo un caso ? La Francia sfrutta l" unica occasione e va in gol con la Provost (45"). Nella ripresa rimpasta l formazione, Carolina, ma il risultato non cambia. L" Italia funziona.

——————————————————————————–

Leggi   ASMR: cos'è e a cosa serve

L" ITALIA BATTE LA SLOVACCHIA PER 2-1

S.Giorgio di Nogaro (UD.), 27 settembre 2000

ITALIA – Brenzan, Deiana, Tavalazzi, Di Bari, Tesse, D"Astolfo, Masia, Pellizzer, (dal 22" s.t. Maglio) Panico, (dal 34" s.t. Marsico) Zorri, (dal 37" s.t. Conti) Guarino.

SLOVACCHIA- Benedikova, Skodlerova,Gajdosova, Cillikova,( dal 32" s.t. Kusmierova) Kudelova, (dal 36" s.t. Jarosova)Lukacsova, Liskova, Gaziova, Gerzova, (dal 40"s.t. Beregszasziova) Budcsova, Izova.

ARBITRO: Sabrina Rinaldi di Milano

MARCATRICI: al 16" p.t. Lukacsova, al 17" p.t. Panico. Nella ripresa al 18" Guarino

Note: splendida giornata di sole, spettatori un migliaio circa, calci d"angolo 10 a 1 per l"Italia.

Cronaca: debutta bene la Nazionale della Morace che si aggiudica meritatamente l"incontro con l"ostica formazione slovacca.

L"Italia schiera un classico e perfetto 4-4-2 mentre le ospiti si oppongono con una sorta di 3-1-4-2 abbastanza difensivo.

Si muovono bene le ragazze di Carolina. La squadra appare compatta, organizzata ed equilibrata in ogni zona del campo. Il lavoro fatto in questa prima fase dalla neo allenatrice si vede e le nostre si muovono con i tempi e i sincronismi giusti cominciando da subito a prendere in mano le redini del gioco, imbastendo discrete manovre offensive e disimpegnandosi con molta diligenza tattica in fase difensiva.

Molto attive all"inizio le due attaccanti supportate sulla destra dall"ottima Deiana e sulla sinistra dalla dinamica Zorri mentre alle loro spalle a sostegno operano sapientemente la D"Astolfo e la Pellizzer.

Al 3" su calcio d"angolo battuta dalla Deiana la Panico colpisce di testa mandando sopra la traversa. Al 7" è sempre la nostra numero 9 che tira al volo mandando al lato.Al 16" ospiti a sorpresa in vantaggio: la Budcsova "buca" centralmente con un passaggio filtrante la nostra difesa (che commette forse l"unica disattenzione della partita) e libera la Lukacsova che si presenta sola davanti alla Brenzan e con un preciso piattone sigla l"1 a 0. Non ci stà L"Italia che dopo un minuto replica con un preciso colpo di testa in area della Panico servita alla perfezione su punizione dalla Deiana:1-1 e si riparte.

Al 25" si fa notare la Guarino che però sola davanti al portiere spedisce la palla fuori.Al 43" dopo una ribattuta imprecisa della difesa slovacca la Panico sola in area di rigore con la palla che gli viene incontro tira

malamente a lato.

Si arriva al secondo tempo e sono sempre le azzurre a fare la partita mentre le avversarie si limitano a ripartire in contropiede ma nulla possono contro l"attenta difesa italiana.

Nel corso dei primi 15" la nostra nazionale sfiora ripetutamente il vantaggio, e dopo aver sprecato una incredibile palla gol al 16" la Guarino due minuti dopo si fa perdonare scaraventando nella porta avversaria un preciso tiro a mezza altezza.

Comincia a questo punto la girandola delle sostituzioni e la partita si va spegnendo lentamente ( forse anche a causa del caldo).

Non accade quasi nulla sino al termine dei secondi 45" e si arriva con un po" di noia al fischio finale dell"ottima Rinaldi (ineccepibile la sua direzione arbitrale) che sancisce la vittoria della squadra azzurra.

Sicuramente la Morace avrà tratto delle buone indicazioni da questo match e saprà dall"alto della sua esperienza operare qualche piccolo aggiustamento che consentirà a questa squadra di ben figurare contro nazionali più titolate di quella vista oggi.

Intanto può godere del suo primo successo. Sicuramente un buon viatico per gli impegni futuri!!!

Nello Marano

di Elle