HIV: 4 DOMANDE SULLA TERAPIA

di

Perché i medici a volte suggeriscono di cambiare medicine se funzionano? Quali sono i rischi per il cuore? Come combattere la lipodistrofia? I pro e i contro della...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2987 0

Sono in terapia da nove mesi e ora che finalmente mi sono abituato alle medicine, il mio medico mi ha suggerito di pensare a cambiare il trattamento. Perché? La carica virale è non detettabile e a parte un po’ di diarrea di quando in quando, non ho problemi gravi.

Una volta che ci si stabilizza sulla prima combinazione di medicine contro l’Hiv, cambiare trattamento può aiutare a mantenere l’iniziale buona risposta, sostenendo il benessere a lungo termine e può evitare effetti collaterali a lungo termine.
Cambiare quando il trattamento continua a essere efficace può rivelarsi meno complicato che attendere fino al momento in cui la combinazione attuale fallisce. Chiedete al vostro medico o infermiere maggiori informazioni, ma ricordate che la decisione finale sul trattamento da prendere spetta a voi: si tratta della vostra vita, la scelta è vostra.

Ho letto che le terapie anti Hiv possono provocare problemi cardiaci. Anch’io sono sotto terapia e anche se mangio bene e vado in palestra, fumo e mio padre ha avuto un infarto a 50 anni. Sono ad alto rischio?

Il rischio di avere un attacco cardiaco aumenta se si fuma, se si è fisicamente inattivi, se si ha la pressione alta, se si è di sesso maschile, se si è meno giovani, se ci sono state malattie cardiache in famiglia e se ci sono livelli anomali di grasso nel sangue (colesterolo o trigliceridi). Alcuni di questi fattori non possono essere modificati (ad esempio, l’età o il sesso) ma è possibile ridurre i rischi concentrandosi su quelli che si possono modificare.
Smettere di fumare è la prima cosa importante che puoi cominciare a fare. Alcuni farmaci innalzano il livello di colesterolo e dei trigliceridi, ed è consigliabile tenere questi valori sotto controllo se sei in terapia. Ci possono essere trattamenti che puoi adottare che sono associati con un minor rischio collegato a questi problemi, perciò parlane con il tuo medico.

Ho cominciato una terapia due anni fa e il mio dottore si dice soddisfatto. Io non sono sicuro: il viso è diventato più magro e non ho un gran bell’aspetto. Non vorrei proprio che le cose peggiorassero ancora. Che posso fare?

La perdita di grasso corporeo, o il suo accumulo, può verificarsi come effetto collaterale del trattamento anti Hiv, e i cambiamenti che hai notato sul tuo viso potrebbero essere un sintomo di questo. Non è un problema di facile soluzione, ma cambiare la combinazione del tuo trattamento può dimostrarsi d’aiuto, o ci possono essere altre opzioni. Prendi un appuntamento per parlare diffusamente al tuo medico delle tue preoccupazioni. I cambiamenti nel grasso corporeo possono essere importanti per te, e il team che ti ha in cura si dimostrerà sensibile a questo problema.

Quali sono i pro e i contro del cambiamento di terapia?

Studi recenti hanno messo in luce i potenziali benefici del cambiamento di terapia. Tra questi: un ridotto rischio che il trattamento necessiti di essere interrotto a causa degli effetti collaterali; riduzione dei livelli anomali di grasso nel sangue (colesterolo e trigliceridi); migliore aderenza e migliore qualità della vita; miglioramento nei sintomi legati a cambiamenti nel grasso corporeo (lipodistrofia). Inoltre, altri studi hanno dimostrato che cambiando terapia la carica virale rimane soppressa. Tuttavia, se inizialmente hai preso uno o due NRTI (inibitori della trascrittasi inversa nucleosidi, un tipo di trattamento attualmente non raccomandato) prima di iniziare la HAART, non è consigliabile cambiare trattamento dal momento che alcuni studi clinici hanno mostrato un innalzamento della carica virale in situazioni come questa.
Come con tutti i farmaci anti Hiv, è possibile che dopo aver modificato il trattamento, si sperimentino degli effetti collaterali causati dalla nuova combinazione e che ci voglia del tempo per abituarsi alla nuova routine di somministrazione dei farmaci.

Leggi   Francia, respinti gli immigrati sieropositivi

Il tuo medico o gli altri professionisti sanitari sono nella posizione migliore per consigliarti sul tuo trattamento. Parla sempre con loro prima di iniziare ogni cambiamento. Questi consigli sono solo una guida generale e potrebbero non essere applicabili al tuo caso specifico.

di Gay.com UK

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...