HIV, scoperto come spegnere la capacità infettiva del virus

Un team inglese diretto da un medico italiano scopre come “spegnere” la capacità del virus di infettare l’organismo. Il tallone d’Achille sembra essere il colesterolo della sua membrana.

Scoperto il tallone d’Achille dell’Hiv. Un punto debole che permette di "spegnere" la capacità del virus di infettare l’organismo ospite. La ricerca, firmata da un team di scienziati americani ed europei diretto dell’italiano Adriano Boasso dell’Imperial College di Londra (Gb), descrive su Blood come colpire il punto debole, impedendo al virus di danneggiare il sistema immunitario.

I ricercatori hanno scoperto, infatti, che il patogeno non è in grado di far danni al sistema immunitario se si rimuove il colesterolo dalla membrana del virus. In questo modo appare "come un esercito che ha perso le sue armi – spiega Boasso – ma che ha ancora le bandiere, così un altro esercito può riconoscerlo e attaccarlo". Il team ora intende cercare di capire in che modo usare la scoperta per inattivare il virus e possibilmente sviluppare un vaccino.

Ti suggeriamo anche  'Sieropositivi in terapia antivirale non possono trasmettere l'HIV': la conferma da un nuovo studio
Storie

Partecipa a 4 Ristoranti con il compagno e viene sommerso dalle telefonate omofobe – la denuncia video

"Froc*o di mer*a" al telefono, più e più volte, con voci modificate e numeri anonimi. La denuncia social di Mariano Scognamiglio, visto a 4 Ristoranti, su Sky, insieme al compagno.

di Federico Boni