Il segreto di un fisico perfetto? Mangiare spesso, senza rinunce

Credete che digiunare faccia dimagrire? vi sbagliate. Ecco perché è meglio mangiare spesso

Stanchi di mangiare pollo e insalata? Di rinunciare al gusto del vostro piatto preferito per paura della pancetta? Il corpo diventa bello quando ci si prende cura di lui e prendersi cura del proprio corpo significa volersi bene. Possiamo volerci bene curando il nostro aspetto, facendo attività fisica e concedendoci ciò che più ci piace, ma c’è una cosa che possiamo fare tutti i giorni per far sì che sia bello e sano: mangiare tutto ciò di cui ha bisogno per funzionare bene.

Provate a pensare al perché mangiamo, perché abbiamo fame e soddisfiamo questo bisogno ogni giorno. Il nostro corpo compie una magia trasformando il cibo in energia: in ogni istante nel nostro corpo avvengono migliaia di processi rigenerativi. Ricostruiamo pelle, muscoli, ossa, tendini… sempre grazie a ciò che mangiamo!
“Noi siamo quello che mangiamo, e vi posso assicurare che la bellezza vien mangiando – spiega Simona, coach mangiare poco, spesso e in modo variato “.

I consigli di Simona
Forse avete sempre pensato che saltare i pasti potesse aiutarvi a dimagrire più velocemente, in realtà il corpo risponde al digiuno attivando meccanismi di natura difensiva: aumenta l’assimilazione del cibo introdotto per compensare il lungo intervallo di tempo trascorso senza mangiare e allo stesso tempo perde peso a scapito della massa muscolare, oltre che impoverendo l’organismo di acqua; quindi saltare i pasti determina perdita di peso ma è ben lontano dall’aiutare a dimagrire. “In poche parole – aggiunge Simona – vi ritroverete con un corpo poco vigoroso e la pelle spenta e provata dalla carenza di acqua.
Mangiare spesso, invece, non solo innalza il livello di attività del nostro metabolismo aiutandoci a dimagrire, ma soprattutto garantisce al nostro corpo il corretto apporto di tutte le sostanze nutrienti che gli servono per funzionare bene, mantenersi sano e apparire in splendida forma”. Pasti frequenti tengono a bada la fame, perché si riduce il tempo in cui il nostro organismo è a digiuno e dunque il livello di energia disponibile è sempre adeguato alle necessità. Allo stesso tempo si evitano le abbuffate perché l’approccio al pasto non sarà caratterizzato da un alto senso di fame; far trascorrere molto tempo tra un pasto e l’altro ci spinge, infatti, alla ricerca di cibi grassi e molto calorici.

“La soluzione che concilia gusto e benessere, piacere e bellezza è mangiare tutto, senza rinunciare alla varietà dei nostri piatti – continua Simona -. Assicurare la varietà di cibo, da un lato garantisce l’apporto di tutti i nutrienti, dall’altro ci permette di sperimentare il cibo come un piacere e infine, ultimo ma importante, di avere un rapporto migliore con l’alimentazione”.
Mangiare in questo modo fa sì che il nostro corpo, nel giro di poco tempo, impari ad autoregolarsi su quantità moderate e soprattutto adeguate del cibo da assumere
E pensate che con le feste sulla spiaggia e gli aperitivi estivi sia più difficile pensare alla forma fisica? E invece no! D’estate è più facile mangiare leggero, preferendo pasti piccoli e frequenti rispetto alle grandi abbuffate.

Ti suggeriamo anche  Ti lascerai presto con il tuo ragazzo? Scoprilo con il test!

Se volete saperne di più, provate a dare un occhio al video qui di seguito che spiega com’è strutturato il piano alimentare Yukendu . “Vi potrebbe essere utile per capire meglio cosa intendo con poco, spesso e vario!” conclude Simona.