L’hai mai fatto col laser?

di

Hipster incalliti o appassionati di barba? I trucchi laser per tagliarla alla perfezione

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
9069 0

Nonostante l’hipster sia dato per morto, la barba non lo sarà mai; che si tratti di baffoni alla Dalì o barba stile klingon, alleluja: quei geniacci olandesi di Philips hanno inventato il regolabarba Beardtrimmer 9000 , il primo regolabarba al mondo con guida laser, che aiuta gli uomini a definire e perfezionare lo stile di barba desiderato.

Ci pensate dire agli amici “il mio regolabarba ha il laser incluso!”, meglio di Luke Skywalker!

BT9290_32_MIP__13071903hr

L’esclusiva guida laser permette di preallineare le lame proiettando una sottile linea di luce rossa sulla guancia, sugli zigomi o sul collo, esattamente dove si vuole tagliare la barba; in questo modo si possono ottenere linee dritte e simmetriche, evitando i classici errori dovuti all’effetto specchio, basta foto solo di profilo!

BT9290_32_U5___13071903ie

La rasatura 2.0 nasce da 6 anni di studi e ricerche nei quali Philips ha lavorato a stretto contatto con numerosi gruppi di consumatori per stabilire quali fossero gli stili di barba più desiderati e in che modo la tecnologia potesse essere utilizzata per migliorare la loro esperienza di rasatura. Philips ha deciso di affrontare la sfida creando una guida laser di alta qualità, facile da usare, molto sicura ed efficace. Il risultato?! Più dell’ 80% di chi ha provato il regola barba Philips Beardtrimmer 9000 ha dichiarato di aver ottenuto il massimo controllo e la precisione necessaria per creare esattamente il lo stile desiderato. La guida laser di Philips è assolutamente sicura, è stata ottimizzata per funzionare su tutte le tonalità della pelle ed è efficace su tutti i tipi di barba e in tutte le condizioni di illuminazione.

rasoio1

La rasatura e il look che avete sempre sognato, a 111,99 euro. Enjoy.

Per maggiori informazioni, philips.it .

Leggi   Fabio Mancini torna con con una campagna super sexy
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...