L’HIV SEMPRE PIÙ FORTE IN EUROPA

L’Aids resta “un problema enorme di sanità pubblica in Europa“, dove il virus dell’Aids, l’Hiv, ha continuato a diffondersi nel 2003. E’ quanto rivela uno studio di EuroHiv.

PARIGI – L’Aids resta “un problema enorme di sanità pubblica in Europa“, dove il virus dell’Aids, l’Hiv, ha continuato a diffondersi nel 2003. E’ quanto rivela uno studio di EuroHiv, un osservatorio europeo dell’epidemia Hiv/Aids nel vecchio continente, reso pubblico oggi.

“Questo elemento è particolarmente vero per l’Europa dell’ovest”, dove l’aumento dei nuovi casi d’infezione osservato nel 2002 (+26%), è proseguito nel 2003 (+9%), sottolinea l’Istituto di sorveglianza sanitaria (Invs) che rappresenta la Francia in seno all’EuroHiv.

In Europa orientale, il numero delle persone sieropositive continua ad aumentare anche se i nuovi casi di infezione fanno registrare un calo del 15%.

La zona geografica considerata dallo studio è la regione Europa ai sensi dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che comprende 52 Paesi, fra cui la Russia e alcuni Paesi dell’Asia centrale.

“La contaminazione degli eterosessuali è in continuo aumento”, poiché rappresenta il 59% dei nuovi casi di infezione in Europa occidentale nel 2003, e “le donne costituiscono una delle categorie più a rischio con il 37% di nuovi casi nel 2003 contro il 33% del 2002.

Tuttavia, la progressione dell’Hiv nella popolazione eterosessuale non deve mettere in ombra la ripresa dell’epidemia fra gli omosessuali maschi in Europa occidentale con il 30% dei nuovi casi nel 2003, pari ad un incremento del 24% rispetto al 2001. Anche i tossicodipendenti restano una categoria della popolazione “particolarmente vulnerabile”. In oltre, in Europa dell’ovest, gli immigranti dell’Africa subsahariana rappresentano il 26% dei nuovi casi diagnosticati nel 2003.

L’epidemia attuale è caratterizzata anche dalla giovane età delle persone colpite, soprattutto nell’est. I giovani che hanno meno di 30 anni rappresentavano nel 2003 il 29% dei nuovi casi diagnosticati in Europa occidentale, il 45% in Europa centrale e il 73% in Europa orientale.

“Si stima a 610.000 la popolazione affetta dal virus dell’Hiv in Europa occidentale e a 1,4 milioni” il numero dei sieropositivi in Europa dell’est, sottolinea I’Invs che raccomanda di rafforzare la prevenzione, il depistaggio del virus e l’accesso ai trattamenti antiretrovirali.

LEGGI ANCHE

Storie

Donald Trump all’America: ‘basta HIV/AIDS entro dieci anni’ (ma ha...

Dopo aver dichiarato guerra alla ricerca, Donald Trump promette la fine dell'epidemia HIV/AIDS entro il 2030. Insorgono le associazioni LGBT.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, ‘zero trasmissioni di HIV entro il 2030’

Peccato che la Brexit potrebbe compromettere il piano. La maggior parte delle forniture di PrEP sono importate privatamente dall'UE.

di Federico Boni | 30 Gennaio 2019

Storie

Dentista caccia sieropositivo, l’associazione nazionale lo difende: le parole del...

Botta e risposta tra il Gay Center e l'ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani, che è così intervenuta sul caso della...

di Federico Boni | 14 Gennaio 2019