LOTTA ALL’ULTIMO… PELO!

di

Cerchiamo di capire tutti i segreti per combattere in maniera definitiva i peli superflui. Le tecniche, la durata dei trattamenti, i costi, il dolore. Per avere un corpo...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1636 0

Uno dei problemi estetici più sentiti dai gay è legato alla pelosità. Al di là di Bears e appassionati e tutti i cultori del genere, una schiena pelosa è generalmente vista come un evidente inestetismo, e quindi da combattere. Via allora a cerette e cremine varie, ma se si vuole risolvere il problema alla radice e trovare un efficace metodo di epilazione definitiva, bisognerà allora rivolgersi a un centro specializzato.

Per darvi tutte le informazioni che vorreste avere sull’argomento, abbiamo fatto qualche domanda a Matilde , dei centri Epilspecialist della Vanity Line.

Perché proprio loro? Perché in realtà sono stati i primi ad aprire questa nicchia di mercato, con l’intuizione, avuta anni fa, di specializzarsi nelle tecniche di depilazione definitiva.

Signora Matilde, esistono varie tecniche di depilazione definitiva?

Certo. Il fatto è che ogni caso è molto personalizzato, perché non tutti i peli sono uguali, non tutte le pelli sono uguali, non tutte le persone soprattutto sono uguali. Ci sono persone irsute, persone ipertricotiche, ci sono gli uomini, le donne, o quelli che hanno problemi ormonali. Noi abbiamo la possibilità di fare un’anamnesi computerizzata e di offrire per ogni cliente il suo tipo di epilazione, che può andare dall’ago al laser. Nei nostri centri noi le abbiamo tutte.

Che differenza c’è tra questi due tipi di trattamento?

L’ago è stato il primo ad avere la nomea di trattamento per la depilazione definitiva, però ha diversi inconvenienti, perché è doloroso, è molto lungo perché fa un pelo alla volta, e se non applicato bene lascia delle cicatrici o delle piccole crosticine sulla pelle. Mentre il laser, che è l’ultimo ritrovato per questo tipo di applicazione, non lascia segni, in ogni applicazione viene eliminato il 30-40% dei peli trattati, e in più si possono trattare grandi zone in pochissimo tempo, e questo è un vantaggio per le persone che, ad esempio, vogliono fare la schiena, le gambe o le braccia, zone che con un ago ci vorrebbero mesi.

Con il laser che tempi ci vogliono?

Con la nuova tecnologia che abbiamo noi che è lo scanner, per fare una schiena ci vuole un’ora, mentre con l’ago ci vuole un mese.

Ma è sufficiente una seduta?

No, in una seduta vengono eliminati dal 30 al 40% dei peli trattati, poi a mano a mano si vedono zone in cui il pelo non cresce più, e comunque la fine del trattamento si ha nel giro di un anno, un anno e mezzo. Poi dipende dalle zone, da come è stato trattato il pelo, dal fatto che uno abbia o meno problemi ormonali: ci sono tanti fattori. E’ veramente una cosa seria. Anche perché spesso i peli compaiono a seguito di disfunzioni, quindi ci sono delle vere e proprie patologie. Per questo noi abbiniamo spessissimo al trattamento estetico altri accertamenti: magari mandiamo il cliente da un endocrinologo, o altro, in modo che il risultato sia assicurato.

Quindi l’efficacia del trattamento, qualunque essa sia, è assicurata?

Sì, all’interno dei nostri centri ci sentiamo di garantire l’efficacia del trattamento.

E’ vero che il trattamento laser è costoso? Come può affrontarlo chi non ha una grossa disponibilità?

Ci sono diversi tipi di prezzi, come ci sono diversi tipi di pagamenti. Abbiamo però anche una agevolazione particolare che offriamo alla clientela che è il credito al consumo, in cui si stabilisce quanto un cliente può spendere a seconda dei mesi, e si fa una rata, in genere tra le cento e le duecentomila lire al mese, che può essere pagata comodamente con bollettini postali. I prezzi variano a seconda delle zone da trattare: per fare qualche esempio, per togliere definitivamente un baffetto ci vogliono intorno ai due milioni.

E quanto dura il trattamento?

Dieci minuti.

Dieci minuti per ogni seduta: ma ha detto che non è sufficiente una seduta, vero?

No, magari fosse sufficiente. Bisogna diffidare da quelle persone che dicono "ti tolgo definitivamente i peli in una seduta, due sedute", perché non è vero. E’ veramente una cosa seria, che va analizzata.

Cosa mi dice della dolorosità?

E’ molto soggettiva. Il laser è una cosa selettiva che va ad agire sulla melanina e sul bulbo pilifero. Più il bulbo è scuro, più il laser si sente. Però nei nostri centri noi abbiamo uno strumento che si chiama Multicrio, che serve proprio a raffreddare la zona mentre si fa l’applicazione, quindi il dolore è una cosa minima.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...