PrEP: arriva il via libera della Commissione Europea per la terapia che previene l’HIV

Gli esperti ritengono che sarà in commercio entro i prossimi 6 mesi.

La Commissione Europea ha annunciato l’ammissibilità del farmaco Truvada come “profilassi da pre-esposizione per l’HIV” (PrEP) per tutti i 28 Stati membri dell’Unione. La decisione definitiva è arrivata lunedì 22 agosto scorso. Gli esperti ritengono che sarà in commercio entro i prossimi 6 mesi.

Alla recente International AIDS Conference 2016, che si è tenuta nelle scorse settimane a Durban, si è parlato anche dei primi successi riscontrati nell’uso della PrEP. In particolare, alcuni studi hanno dimostrato che, dopo la sua introduzione, il tasso di incidenza dei contagi è diminuito tra i maschi omosessuali a San Francisco e a New South Wales (Australia). Il Sud Africa sta iniziando un programma di PrEp per i sex workers.

La PrEp ha un costo relativamente elevato, e perciò, senza il rimborso dell’assicurazione sanitaria, è alla portata di poche persone. Quello che ci si auspica è che in futuro si rendano disponibili più opzioni terapeutiche e che farmaci generici entrino nel mercato così da ridurre il costo di questa importante terapia preventiva.

A dare il via libera alla diffusione della PrEP era già stata la Commissione per i Prodotti Medici ad uso umano (CHMP) della EMA, l’European Medical Agency  >>> LEGGI QUA e si attendeva solo la ratifica da parte della Commissione Europea, che ora è arrivata.

Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo