Quando l’ipocondria si scontra col sesso orale

di

L'eccessiva ansia per le malattie impedisce a Giuseppe di avere una vita sessuale appagante. Che fare quando l'ipocondria blocca il sesso? La risposta dell'infettivologo.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
5371 0

Ciao a tutti,

mi chiamo Giuseppe e ho 32 anni. E’ da ormai 4 anni che ho iniziato a vivere liberamente la mia omosessualità… ma rimane un grave difetto patologico che mi porto dietro dall’adolescenza: l’ipocondria. Ipocondria nel mondo e soprattutto nel rapporto gay significa "ansia eccessiva" e "non benessere". Conscio perfettamente dei rischi ai quali siamo sottoposti e considerato il mio problema, vi scrivo per chiedervi un consiglio. Sto frequentando ormai da un mese abbondante un ragazzo con il quale sto davvero bene. Sessualmente tutto sembrerebbe a posto ma finalmente è saltata fuori una cosa importante che comunque mi aspettavo. Io non pratico sesso orale, lo ricevo, ma non lo pratico. E’ che davvero me ne hanno raccontate di tutti i colori… e questo stato di iper-analisi prima di passare ad un atto che comunque deve esprimere qualcosa di bello, mi mette l’ansia.

Penso sia assurdo dovermi "idealmente" mettere con una lente di ingrandimento per vedere se sul glande ci sono goccie di liquindo spermatico o meno. E soprattutto, conoscendo il mio apparato orale mi sembra impossibile bloccare la deglutizione in fase di un rapporto. Comunque nel mentre mi verrebbe da deglutire. Non mi è mai capitato di vedere questo ragazzo o partners precedenti sputare o fare altre cose strane. Deglutiscono a loro rischio e pericolo o forse sono io che sono eccessivo... o magari ci sono dei trucchi che tutti conoscono e che io ancora non so? Caspita, è davvero imbarazzante… però vi devo proprio chiedere una mano. Mi date qualche consiglio?

Grazie mille

La risposta del Dott. Francesco Allegrini

Caro Giuseppe,

nella tua richiesta ci sono, come hai ben compreso, due aspetti diversi. Uno è un problema, diciamo così, tecnico e riguarda i rapporti orali. L’altro è l’ipocondria. Cominciamo dal primo. L’unica regola del safer sex da rispettare è che nei rapporti orali lo sperma non deve entrare nella bocca (non c’entra nulla deglutire o non deglutire) e se per qualsiasi motivo non si riesce a rispettare questa regola bisogna usare il preservativo. Non ci sono trucchi che non conosci e non ci sono scorciatoie e, almeno in questo, non sei affatto eccessivo se parliamo di sperma. Se invece pensi che un rapporto orale sia sicuro solo dopo aver controllato con una lente la presenza di liquido prespermatico (che è cosa diversa dallo sperma) allora, come sai bene, è la tua ipocondria che si manifesta e complica tutto. Il consiglio che posso darti è di parlarne con il tuo partner e di decidere insieme le possibili soluzioni.

Potresti usare il preservativo anche nei rapporti orali spiegandogli che questo dipende dalla tua ansia ipocondriaca e non dalla mancanza di fiducia in lui oppure, almeno fino a quando tu non ti senta più tranquillo, potresti astenerti dal praticargli i rapporti orali. Non sarebbe poi male se tutti e due faceste adesso un Test per HIV da ripetere tra 2-3 mesi. Infine c’è il problema della tua ipocondria che correttamente tu definisci "un grave difetto patologico" e che proprio perchè può essere o diventare un disturbo che pervade tutti gli aspetti della vita (non solo sessuale, ma sociale e lavorativa) richiede di essere affrontato in maniera specialistica da uno Psicoterapeuta e, a volte, richiede l’assunzione di farmaci.

Ciao !

 

di Francesco Allegrini

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...