RELAX IN SEI MOSSE

Il training autogeno è facile da eseguire ed ha molteplici effetti benefici. Basta un po’ di costanza per allontanare ansia, depressione, insonnia, emicrania e tanti altri "acciacchi" quotidiani.

Esercitare la mente per raggiungere il benessere psicofisico è sicuramente la soluzione ottimale per ogni sportivo… e non solo. Uno dei metodi che può aiutare a raggiungere questo risultato è il training autogeno. Questa tecnica di rilassamento, ideata da J.H.Shultz negli anni ’20, è costituita da sei esercizi che favoriscono il relax e la riduzione dello stress.

Prima di sottoporsi a sedute di training autogeno sarebbe opportuna una visita specialistica in quanto non tutti i soggetti possono effettuare gli esercizi al completo. Donne in gravidanza o diabetici devono apporre delle modifiche come i soggetti affetti da cardiopatie.

La strada del rilassamento parte da… Berlino!

Alla fine degli anni venti un neurologo tedesco, J. H. Schultz, curava i pazienti con la tecnica dell’ipnosi. Vedendo i benefici di questa metodologia, generati soprattutto dal rilassamento a cui andavano incontro i soggetti, decise di sperimentare alcuni esercizi senza arrivare allo stato ipnotico. Sottoposti a queste nuove metodiche, i pazienti raggiungevano una sensazione di pesantezza e di calore concentrati nell’addome e nelle gambe, che infondeva un rilassamento totale. Visti i benefici, questa tecnica fu diffusa in breve tempo in tutta Europa.

In questi casi fa miracoli!

Negli stati di ansia, come pure negli stati depressivi, per le bronchiti croniche, l’insonnia e l’emicrania. Per gli sportivi è un ottimo aiuto per calmare l’ansia da prestazione prima di una gara od un allenamento particolarmente faticoso ed intenso.

Ti suggeriamo anche  La lettera di un papà contro le bambine che giocano a calcio: "Mio figlio ha diritto a una squadra di soli maschi"

I sei esercizi

Le posizioni che potete adottare sono tre: sdraiato supino, seduto in poltrona o seduto su una sedia: l’importante è essere comodi. All’inizio conviene eseguire gli esercizi in un ambiente silenzioso e in solitudine, ma col tempo e la pratica queste posizioni vi consentiranno di praticare il training autogeno ovunque, solo isolandovi pensando a qualcosa di piacevole e rilassante. Ecco i sei esercizi:

· Esercizio della pesantezza dove il soggetto comincia a pensare, ripetendolo tra sé varie volte, ad una parte del suo corpo immaginandola appunto pesante (es. un braccio).

· Esercizio del calore in cui il soggeto si ripete di provare la sensazione calore nelle membra.

· Esercizio del cuore con il quale il soggetto si concentra sul battito cardiaco ascoltandolo e cercando di respirare molto profondamente e lentamente.

· Esercizio della respirazione direttamente correlato al precedente, ci si può esercitare a respirare in modo cosciente.

· Esercizio del calore all’addome durante il quale ci si concentra per far convergere la sensazione di calore in questa parte del corpo.

· Esercizio della fronte fredda ossia si cerca di focalizzare questa sensazione solamente in questa parte della testa.

All’inizio è consigliabile effettuare qualche seduta con un medico adeguatamente preparato, per poi affrontare da soli questa metodologia dalle mille virtù.

Ti suggeriamo anche  Obbligava i compagni a vedere i suoi video porno, squalificato il sollevatore Antonino Pizzolato

di CanaleFitness