SPLENDIDI IN CYCLETTE

Impazza in tutte le palestre e garantisce risutati strabilianti per la vostra forma fisica: ma per fare Spinning nella maniera migliore, bisogna stare attenti alle andature… I consigli dell’esperto.

La caratteristica comune a tutte le metodologie di indoor cycling è il viaggio virtuale che si compie su un simulacro di bicicletta accompagnati dal ritmo di una colonna sonora di base in grado di creare un percorso ciclistico. La "strada" è percorsa, a seconda delle sue "caratteristiche", in varie posizioni del corpo rispetto all’attrezzo, note come andature. Esse sono principalmente distinte in due posizioni base:

1. in appoggio o sedute

2. in sospensione o fuori sella

Le andature tendono a simulare le varie posizioni che assume un ciclista rispetto alla strada ed alle asperità del terreno che sta percorrendo. Nell’indoor cycling questo viene rispettato, ed in genere si parla di: pianura, salita, asfalto, terreno accidentato, strappi, allunghi, fughe, tornanti, sprint o altro, come in una normale gita ciclistica, competizione o allenamento, su strada o "off-road".

Nel fit-bike però alcune caratteristiche di base sono leggermente modificate per creare motivazioni ed attivazioni muscolari tipiche dell’allenamento indoor, per cui alcune andature dell’indoor cycling sono tipiche dello stesso con difficili paragoni con il ciclismo "outdoor".

Il termine di paragone per tutte le metodiche presenti nel ciclismo stazionario è lo Spinning® di Johnny G., inventore dell’indoor cycling. In questo programma abbiamo delle andature base e delle andature avanzate a seconda del livello dei partecipanti le class.

Ti suggeriamo anche  Obbligava i compagni a vedere i suoi video porno, squalificato il sollevatore Antonino Pizzolato

Nelle andature "in sella" abbiamo la pianura e la salita dove la variabile è rappresentata, oltre che dall’incremento di resistenza, dalla diversa posizione delle mani sul manubrio. Il "fuori sella", invece, è rappresentato da momenti di intenso impegno psico-fisico (come quando si affronta una salita impegnativa o uno scatto in salita), oppure si simula un’andatura in sospensione ("Running") dove l’equilibrio, il ritmo ed il perfetto controllo del corpo permettono di mantenere la posizione eretta nel corso della pedalata.

Esistono poi delle andature ritmiche che simulano dei balzi ("jump") dove il corpo si muove dinamicamente, ma con molta fluidità, alternando la posizione "da seduto" a quella "in piedi". Ciò accade sia in "pianura" che "in salita".

Altre andature tipiche sono gli sprint dove il variare della posizione, velocità di pedalata, intensità del carico, sono la simulazione di ciò che avviene normalmente nel corso di una competizione ciclistica. Naturalmente, ad ognuna di queste andature corrisponde una posizione delle mani, che nello Spinning® sono rigidamente omologate e corrette dagli istruttori per garantire la sicurezza e la tutela dei partecipanti.

La variazione delle andature è strettamente correlata con la resistenza applicata attraverso il contatto delle ganasce dei freni al volano.

Ti suggeriamo anche  3 esercizi per rimetterti in forma dopo le feste

Per tutelare la sicurezza degli utenti e per non "stravolgere" troppo quello che deve comunque essere una simulazione del ciclismo, bisogna osservare alcune regole fondamentali che fanno riferimento al numero di pedalate al minuto (RPM) che si debbono effettuare nell’ambito dell’andatura presa in esame, strettamente correlate al ritmo (Battute Per Minuto = BPM) della base sonora utilizzata. Questo è molto importante perché parlare di salite mantenute in posizione fuori sella con oltre 80 bpm è sicuramente deleterio per le articolazioni degli arti inferiori (specialmente ginocchio) così come pianure, o peggio ancora, sospensioni o jump a 130/140 e oltre bpm.

Queste, oltre a stravolgere la realtà dell’indoor cycling, non sono altro che possibili cause di traumi. Il Programma Spinning®, per esempio, impone per la pianura seduta ritmi da 80 a 120 Bpm, mentre per la salita si ha un range da 60 a 80 Bpm con piccole variazioni per i momenti in sella rispetto ai fuori sella.

Infine, un consiglio per coloro che vogliono o stanno già seguendo le lezioni di indoor cycling: chiedete al vostro istruttore che tipo di formazione ha avuto e valutate sempre ciò che fate in relazione alle vostre sensazioni al ritmo di pedalata che state effettuando e alla vostro intimo desiderio di fare attività motoria, divertirsi, stare in gruppo nella completa tutela del proprio stato fisico e di salute.

Ti suggeriamo anche  Sapevi che esiste uno yoga tutto al maschile?

Per sapere se il vostro è un istruttore D.O.C., cliccate qui!

di CanaleFitness