USA: un batterio mortale si diffonde tra i gay americani

di

La scoperta è frutto di uno studio dell'Università della California. La trasmissione avviene tramite lo strofinamento con persone contaminate. Già partite le campagne per la prevenzione.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
877 0

Uno stafilococco preoccupa la comunità scientifica, e non solo, americana.

L’allarme arriva da uno studio dell’Università della California che ha rivelato l’esistenza di una varietà di batterio finora sconosciuta e che si sta diffondendo a macchia d’olio in tutta la comunità gay di San Francisco e di Boston.

Stando allo studio, la trasmissione del parassita avviene tramite lo strofinamento cutaneo con persone contaminate, ma la cosa che più preoccupa medici e scienziati è che il batterio sembrerebbe resistere agli antibiotici attualmente esistenti.

Le campagne di sensibilizzazione sulla prevenzione sono già partite all’interno della comunità gay, ma la lotta contro SARM (Staphilococcus Aureus Meticillino Resistente, questo il nome dato al batteri) si prepara a diventare la nuova sfida della medicina a stelle e strisce. 

"Queste infezioni multiresistenti colpiscono soprattutto i maschi omosessuali nelle parti del corpo che vengono a contatto durante l’attività sessuale – ha spiegato il dottor Binh Diep, dell’Ospedale Centrale di San Francisco – ma, dal momento che il batterio può diffondersi attraverso il contatto occasionale, siamo anche molto preoccupati dal rischio di una diffusione del ceppo alla popolazione generale". Diep sottolinea anche che il miglior modo per impedire la trasmissione e’ lavarsi accuratamente con acqua e sapone specialmente dopo il rapporto sessuale. Il ceppo causa la formazione di grosse bolle sulla pelle e, nei casi più gravi, può portare a infezioni mortali del sangue e a pneumonia necrotizzante.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...