Yoga nudo gay, il nuovo trend per liberare la mente

Lo Yoga nudo, sta prendendo piede in Italia. Negli Usa si pratica già dal 1960 e grazie ad Aaron Star si è fatto “hot“, con classi riservate a uomini gay che vogliono migliorare la sessualità.

Rilassarsi, meditare e, magari, sbirciare un pò. È lo Yoga nudo, la nuova tendenza che si è affermata in America già dal lontano 1960 e che in Italia si sta diffondendo soltanto in questi anni. La disciplina invita i partecipanti a spogliarsi per liberarsi dalle pressanti regole della società ed eseguire gli esercizi di rilassamento in totale libertà e più agevolmente grazie all’assenza di indumenti. Chi ha sperimentato un’esperienza di questo genere dichiara di essere riuscito a superare alcuni complessi fisici mostrando il proprio corpo agli altri senza alcun tabù.

In realtà un po’ di malizia nelle classi di Yoga nudo c’è e non c’è niente di male ad ammetterlo. Essere circondati da uomini nudi è eccitante, lo testimonia il grande apprezzamento di questa tipologia di lezioni tra il pubblico gay. Nelle città di New York e Los Angeles le lezioni più frequentate sono quelle di Nude Hot Yoga, una versione "piccante" dello Yoga nudo. L’ideatore del NHY si chiama Aaaron Star ed è un affascinante insegnante gay che ha pensato di combinare elementi di Ashtanga, Kundalini e Contact Yoga con una dose di Tantra. Questo mix, a suo dire, garantirebbe a tutti gli uomini gay, di entrare in contatto con la loro spiritualità.

Aaron crede che sperimentare il Tantra in uno spazio "per soli uomini" serva a migliorare notevolmente la sensualità e soprattutto la sessualità, aumentando il livello di connettività con altri individui di sesso maschile. Aaron organizza stage in tutto il mondo, dalla Costa Rica alla Grecia. Resta, quindi, la speranza che prima o poi venga organizzato un workshop di questo genere anche in Italia dove lo Yoga nudo viene praticato solo in alcune delle pochissime strutture naturiste presenti nel nostro Paese. A San Francisco, invece, nello stato della California, il procuratore della città ha stabilito che praticare Yoga senza veli in pubblico non costituisce reato in quanto non danneggia o offende gli altri i cittadini. Tutto un altro mondo.