Sono gay e ho l’HIV: il video contro lo stigma sociale

Una bella, nuova campagna chiamata Vivere con l’HIV, ha raccolto le testimonianze di una decina di ragazzi sieropositivi.

Se c’è una cosa che ancora non è cambiata per chi ha l’HIV, nonostante i progressi farmacologici la rendano una malattia completamente diversa dalle origini, questa è lo stigma sociale che circonda i portatori di Hiv. È lo stigma, e non l’HIV, la principale causa di problemi psicologici per i sieropositivi (il Terrence Higgins Trust riporta un tasso doppio di depressione clinica tra i sieropositivi) . Ed è lo stigma il principale ostacolo alla diffusione del test HIV, che molta gente evita di fare per paura dell’impatto di una positività sulle loro relazioni sociali.
Per aiutare a parlare della cappa emotiva e sociale che i sieropositivi devono affrontare, la GMFA (Gay Men Fighting Aids) ha lanciato una nuova campagna intitolata Vivere con l’HIV, che ha raccolto le testimonianze di una decina di ragazzi sieropositivi, chiedendo loro di raccontare come il virus abbia influito sulle loro vite, a livello quotidiano ma anche dal punto di vista dell’orientamento generale verso se stessi e gli altri.
Nonostante la diversità delle persone intervistate, ognuna di esse sottolinea con forza il fatto che l’HIV non è una barriera che impedisca di vivere una vita piena di relazioni. Alcuni di essi che arrivano a dire che “la diagnosi mi ha permesso di ribaltare la mia vita, prendendo decisioni che non avrei mai preso”. Un suggerimento di molti di essi, riguardo allo stigma è più o meno riassumibile così: “Sii aperto e onesto riguardo l’HIV e la gente non potrà usarlo contro di te”.
Dichiara il Ceo di GMFA, Ian Howley“Nel 2016 la gente con Hiv non dovrebbe essere oggetto di esclusione o sentirsi sporca per il fatto di avere il virus. Ma c’è ancora una montagna da scalare soprattutto all’interno della comunità gay per superare il pregiudizio, lo stigma. E questo è ancora un problema se pensiamo che il 75% dei sieropositivi non rivela il suo status in famiglia o agli amici o ai partner“.

15 commenti su “Sono gay e ho l’HIV: il video contro lo stigma sociale

  1. Si parla sempre dei diritti di essere malati, diritto di dirlo, di non dirlo, blablabla…
    Tutte balle americane. Ormai anche un assassino ha solo diritti, in questa società.

    Non si parla mai del PERCHE’ uno ha l’HIV.

    Forse perché si vergognano di aver scopato con centinaia di sconosciuti nelle peggiori dark room, nelle più squallide chat o lungo le strade?

    A meno di avere contratto il virus per sbaglio (trasfusioni, ecc…) è giusto che si vergognino come cani, se l’hanno preso scopando.

      1. Se sei ridotto a insultare per avvalorare le tue tesi, oltre ad essere preso davvero male, fai anche una figuraccia: le uniche tre persone che conosco che hanno l’HIV sono state infettate tramite squallidi accoppiamenti sessuali trovati su grinder e compagnia malata.

        Questo non vuol dire che siano tutti così.
        Infatti ho scritto “a meno di avere contratto il virus per sbaglio (trasfusioni)”.

        Parlo con prove, per esperienza.

        In ogni caso è solo il mio legittimo parere.

        Se non sai nemmeno rapportarti decentemente con un parere diverso dal tuo, evita, stai zitto e risparmiati figure di merda come questa.

        Tu, continua pure a insultare chiunque.

        1. Amplia la tua mente…ignorante.
          Pensi che conoscere 3 persone ti dia il permesso di giudicare altre persone?
          La figura caro mio l’hai fatta tu;)
          Conosci le persone e poi permettiti di giudicarle.

          “Compagnia malata”, “si vergognino come cani”, “le uniche 3 persone che conosco”, “grinder”,
          “In ogni caso è solo il mio legittimo parere”, “stai zitto”, sono tutte estrapolazioni che dimostrano quanto tu sia ignorante.
          Non c’è nemmeno bisogno di controbattere.

          Un tuo legittimo parere non ti permettere di insultare ed umiliare delle persone.

          Ah ignorante nel senso che ignori, idiota (sinonimo di ignorante) nel senso di essere privo di una adeguata istruzione e/o cultura. Mi permetto di aggiungere deficente nel senso che hai deficit mentali.

          Buona serata 😉

        2. Il tuo caro mio non è un parere . Tu goudichi con cattiveria e disgusto ed è questa la cosa sbagliata. Ma non solo nei confronti delle persone infette . Tu dici vergognarsi come
          Cani. Ma perche hanno ammazzato un innocente , violentato qualcuno? No non credo hanmo commesso un errorw che gli è costato caro. Che signifaca parli con prove o per esperienza. Sei hiv+? E hai fatto anche tu gli stessi errori fatti da tanti altri nel mondo?
          E comunque sia non puntate mai il dito contro nessuno ognuno di noi alle spalle
          Ha la propria storia .
          Poi certo è un tuo diritto
          Provate disprezzo per qualcuno o qualcosa
          Buona serata

          1. Quindi, prima mi dai dell’idiota e poi vuoi convincermi che “il mio non è un parere”?

            Ma pensi di farcela??!?!?

            Comunque no, non sono infetto e si, ho tutto il diritto di disgustarmi di queste cose. E anche di provare disprezzo per qualcuno.

            Cos’è, il buonismo americano e il pensiero unico ti hanno rincoglionito il cervello e impedito di pensare con la tua testa?

            Falso che non sei altro. Prima insulti e poi dai la “buona sera”.

            Ma per piacere… Leoni da tastiera, proprio.

          2. Sevabbe ciao . non vale la pena ragionare con persone come te. Disxussioni devono essere costruttive poi ci si puo non trovare daccordo e ci sta. Ma sei solo un piccolo gay e una piccola
            Persona insignificante. Pensa cio che vuoi. Ma ricordati che una persona con un animo cosi e un karma cosi incattivito e rivo di compassione o pieta verso il prossimo finisce che prima o poi la vita ti metta di fronte ad
            Una situazione analoga priprio perche tu capuaca quanto sei sbagliato … non disyirbarti a rispondere
            ESSERINO

    1. Ma scusa perche una persona dovrebbe vergognarsi ma di cosa stai parlando se il mondo e cosi è non parlo solo di chi è Hiv e per colpa di persone come te che hanno il cervello di una gallina chiuso in una scatola di latta. Qui sinparla perche una persona non puo dire liberamente di essere POSITIVO. Perche deve nascodersi, cosa ha fatto di male a te o ad altri se
      Non a se stesso. Chi sei tu per giudicare di come
      Una persona coduce la sua vita . Vergognati tu e ricordati chi non ha peccato scagli la prima pietra. IDIOTA

      1. MAI detto che non possano dichiararsi malati.
        Cosa stai dicendo?

        Io giudico chi voglio.
        Chi sei TU invece, per dire che non posso giudicare?
        Ma ti senti? Mi accusi di quello che fai tu, ma svegliati…

        Io ho solo espresso la LIBERISSIMA opinione che chi fa sesso casuale, da strada, da grinder mi fa schifo e non merita NESSUNA compassione se prima o poi viene infettato da qualsiasi malattia.

        Impara un minimo di rispetto e smettila di insultare chi la pensa diversamente da te.

        Ma pensa te che pezzente….

  2. GUARDA CASO, qui si insulta chi la pensa diversamente.

    Entrambi gli ingenui che mi hanno risposto mi hanno insultato perché la penso diversamente da loro.

    SQUALLIDI e FALSI.

  3. rubo solo 30secondi… evitando di criticare chi non merita o fa perdere tempo con inutili argomentazioni.. parlo da persona negativa… che ha vissuto conoscenti amici che nel momento del bisogno hanno pianto e chiesto aiuto.. e alla fine… mi hanno escluso e infamato dopo essesi accettati o trovato l omo… eppure non erano loro gli ermaginati? oppure ho conosciuti ex amici fedeli … ritrovatosi hiv perche il partner si faceva cazzi suoi… credo che direttamente o indirettamente ognuno faccia o subisca (ahime) delle scelte… ma la cosa fondamentale … è il rispetto, la comprensione e forse anche dosi alte d intelligenza… non e facile scoprire certe situazioni.. ancora meno affrontarle da soli o con gente che ti mette al rogo! sbaglio? sono fuori di testa? x me hiv negativi gay o altro… la persona vale piu di qls cosa!

  4. Noi non sappiamo oggi l’effetto che le terapie hanno nel lungo periodo anche se il problema psicologico nasce dal primo istante in cui uno ti dice che se non prendi la terapia ogni singolo giorno ti ammali e muori. Anche solo questa cosa genera in chi ne è colpito seri problemi conosco gente con il riflusso esofageo che ha pianto una settimana perché doveva prendere un inibitore del flusso per il resto della sua vita. Questo lo trovo ridicolo e infantile cosa dovrebbe dire un diabetico? La mia speranza è sempre che i ragazzi che leggono di queste storie capiscano quanto è stupido fare sesso senza il preservativo confidando nell’onestà di chi conosciamo da qualche mese o anno o perché si pensa che riduca il piacere. Cosa evidentemente falsa perché quando si rompe il condom non ci si accorge neanche.

  5. buongiorno a tutti a chi ci segna come untori a chi ci biasima ma ci fa sentire inferiori,ai pochi che esistono e e ci fanno sentire vivi e attivi nella vita.
    Ho letto attentamente i Vs. commenti, l’unica cosa che si impara ad avere questo male e come l’uomo con tutta la sua intelligenza, e sapienza e la razza animale con meno empatia possibile.
    Mi va di raccontarvi un verso del vangelo che più o meno fa così, degli uomini si rivolgono a Gesù per dire che peccato hanno fatto i genitori per avere un figlio cieco. Gesù risponde loro non hanno commesso nessun peccato “attraverso i suoi mali si vedrà la gloria di DIo”
    Sono quasi 10 anni che so di essere sieropostivo, lo stigma è stato il problema principale anche perchè tanti cari amici gay fidati mi hanno fatto piazza pulita nell’ambiente,
    Che dire prendere farmaci, lavorare e non dipendere da nessun e già un gran risultato, ho un mio amico che è sieropostivo da 18 anni e porta avanti la famiglia con 2 figli, ho una mia amica sieropositiva, che lavora e riesce a mentenere il marito e per la figlia che che ha un figlio neonato. Tra pochi giorni una mia amica sieropositva avarà un figlio sano grazie alle cure si possono avere figli sani e fare una vita come gli altri ci sono anche sieropositivi da 30 35 anni e fanno una vita che non hanno niente da invidiare a nessuno. Non tutte son rose e fiori è anche vero che confrontarsi con altre disabilità dico grazie A DIO che ha dato intelligenza agli uomini per permettermi una vita come gli altri che voi, cercate in tutti i modi di rinnegarci, perchèe più facile giudicare, etichettare isolare per dire se lè cercata e togliersi la responsabilità di aiutare. Usate sempre il preservativo perchè la voglia di trasgressione di noi uomini non ha pari nel mondo animale Ps. mi sono infettato che mio ex. che mi ha cornificato ricordatevi non fidatevi nemmeno della camicia che indossate !

Lascia un commento

LEGGI ANCHE

Storie

Donald Trump all’America: ‘basta HIV/AIDS entro dieci anni’ (ma ha...

Dopo aver dichiarato guerra alla ricerca, Donald Trump promette la fine dell'epidemia HIV/AIDS entro il 2030. Insorgono le associazioni LGBT.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, ‘zero trasmissioni di HIV entro il 2030’

Peccato che la Brexit potrebbe compromettere il piano. La maggior parte delle forniture di PrEP sono importate privatamente dall'UE.

di Federico Boni | 30 Gennaio 2019

Storie

Dopo la rottura, si finge l’ex su Grindr e in...

Il ragazzo offriva incontri di gruppo e invitava tutti a casa dell'ex.

di Alessandro Bovo | 18 Gennaio 2019