Sono gay e ho l’HIV: il video contro lo stigma sociale

di

Una bella, nuova campagna chiamata Vivere con l'HIV, ha raccolto le testimonianze di una decina di ragazzi sieropositivi.

CONDIVIDI
755 Condivisioni Facebook 755 Twitter Google WhatsApp
17615 15
Se c’è una cosa che ancora non è cambiata per chi ha l’HIV, nonostante i progressi farmacologici la rendano una malattia completamente diversa dalle origini, questa è lo stigma sociale che circonda i portatori di Hiv. È lo stigma, e non l’HIV, la principale causa di problemi psicologici per i sieropositivi (il Terrence Higgins Trust riporta un tasso doppio di depressione clinica tra i sieropositivi) . Ed è lo stigma il principale ostacolo alla diffusione del test HIV, che molta gente evita di fare per paura dell’impatto di una positività sulle loro relazioni sociali.
Per aiutare a parlare della cappa emotiva e sociale che i sieropositivi devono affrontare, la GMFA (Gay Men Fighting Aids) ha lanciato una nuova campagna intitolata Vivere con l’HIV, che ha raccolto le testimonianze di una decina di ragazzi sieropositivi, chiedendo loro di raccontare come il virus abbia influito sulle loro vite, a livello quotidiano ma anche dal punto di vista dell’orientamento generale verso se stessi e gli altri.
Nonostante la diversità delle persone intervistate, ognuna di esse sottolinea con forza il fatto che l’HIV non è una barriera che impedisca di vivere una vita piena di relazioni. Alcuni di essi che arrivano a dire che “la diagnosi mi ha permesso di ribaltare la mia vita, prendendo decisioni che non avrei mai preso”. Un suggerimento di molti di essi, riguardo allo stigma è più o meno riassumibile così: “Sii aperto e onesto riguardo l’HIV e la gente non potrà usarlo contro di te”.
Dichiara il Ceo di GMFA, Ian Howley“Nel 2016 la gente con Hiv non dovrebbe essere oggetto di esclusione o sentirsi sporca per il fatto di avere il virus. Ma c’è ancora una montagna da scalare soprattutto all’interno della comunità gay per superare il pregiudizio, lo stigma. E questo è ancora un problema se pensiamo che il 75% dei sieropositivi non rivela il suo status in famiglia o agli amici o ai partner“.
Leggi   Vaccino contro l'Hiv, sperimentazioni sugli uomini al via nel 2019
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...