Torture e stupri correttivi: scene dalla clinica in Ecuador che cura omosessuali e transessuali

di

La protagonista è la fotografa stessa, che ha ricreato le scene sulla base dei racconti ascoltati.

Stupri correttivi, digiuni forzati, maltrattamenti fisici e mentali per riparare i pazienti delle cliniche.Stai giù!
Stai giù!
Bevi che ti fa beneBevi e non fiatare, fidati di noi.
ecuador gay cliniche
L'ora delle pulizieCostretti a pulire le strutture di cui sono pazienti.
ecuador gay cliniche
Tutti a tavola!Ma nel piatto non c'è nulla, riprovate a cena.
ecuador gay cliniche
Ti piacciono le donne?Secondo me ti piacciono anche gli uomini... Ti faccio vedere.
ecuador gay cliniche
Truccati, sei più bella!Per dimostrare di essere vere donne devono mettersi il rossetto.
ecuador cliniche gay
In un angoloUn calcio, poi un altro e un altro ancora.
ecuador cliniche gay
Sei pronta?I metodi sono spesso brutali e violenti.
ecuador gay cliniche
Qui le maniTra un po' veniamo a liberarti.
ecuador gay cliniche
33091 0

Un progetto fotografico d’impatto, capace di accendere i riflettori sulle cliniche che in Ecuador utilizzano torture e stupri correttivi ai danni di persone omosessuali e transessuali: questo il senso di Until You Change di Paola Paredes.

Era il 2013 quando la fotografa ecuadoriana Paola Paredes sentì parlare per la prima volta di alcune cliniche – naturalmente illegali – in cui si cercava di convertire gay, lesbiche e persone transessuali con stupri correttivi, digiuni forzati e altre forme di maltrattamento. Dopo aver saputo dell’esistenza di queste strutture, Paola ha avviato una serie di ricerche sull’argomento, trovato e intervistato alcune ex pazienti e si è infiltrata in una di queste cliniche con la scusa di voler raccogliere informazioni per il trattamento di un parente.

All’esterno operano come strutture di trattamento destinate ad alcolisti e a tossicodipendenti, ma previo pagamento applicano le stesse pratiche a omosessuali, transessuali, alle adolescenti rimaste incinte e alle prostitute. Alcune di queste cliniche costringono i pazienti a studiare la Bibbia e li sottopongono a esercizi forzati.

Paola non aveva ancora confessato la propria omosessualità in famiglia quando scoprì dell’esistenza delle cliniche: “Sì, ho immaginato che potesse accadere anche a me”. Così un giorno si è messa al tavolo con loro e si è liberata: “Sono lesbica”. Le immagini che ritraggono i loro discorsi e le loro sensazioni sono confluite nel suo altro progetto fotografico, Unveiled.

Until you change (in italiano “Finché non cambi”) è invece il risultato delle interviste realizzate: Paola Paredes ha ricreato alcune scene descritte dalle donne di cui ha ascoltato le esperienze utilizzando, come già in Unveiled, se stessa come protagonista.

Leggi   Kosovo, il 10 ottobre in marcia per il primo Pride ufficiale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...