Storia del movimento LGBTQI italiano: 2014

di

Tim Cook e molti altri personaggi importanti fanno coming out. Joseph Nicolosi pubblicizza la terapia per "guarire dall'omosessualità".

CONDIVIDI
26 Condivisioni Facebook 26 Twitter Google WhatsApp
3566 0

Continua a essere attiva l’Onda Pride con i Pride in tredici città italiane. In Rete ha suscitato aspre polemiche e riportato alla ribalta la “terapia riparativa” di Joseph Nicolosi, presidente della National Association for Research and Therapy of Homosexuality (NARTH), secondo il quale l’omosessualità è una devianza dovuta a trascorsi famigliari e di relazione problematici; per cui può essere curata per conseguire l’inversione delle ‘preferenze’, come sostengono anche alcuni blog.

È l’anno del coming out di Tim Cook, amministratore delegato della Apple e anche quello di decine di attori, sportivi, cantanti. Un argomento che sembra non essere più tabù. Eppure, persino negli Stati Uniti, esistono ancora pregiudizi e discriminazioni: l’83% degli omosessuali americani preferisce nascondersi.

Uno spettacolo al Gay Village. Foto di Accademia Sistina.
Uno spettacolo al Gay Village. Foto di Accademia Sistina.

A Roma il Gay Village estivo si anima fino a notte fonda con la presenza di nomi prestigiosi di fama internazionale, il segreto del successo sta proprio nell’atmosfera di libertà che vi si respira.

Nel 2014 la Finlandia emette una serie di francobolli dedicata a Tom of Finland, uno dei più importanti illustratori omoerotici del XXesimo secolo.
Nel 2014 la Finlandia emette una serie di francobolli dedicata a Tom of Finland, uno dei più importanti illustratori omoerotici del XXesimo secolo.

banner_felix

Leggi   Abracadabra, la parola magica che mette in scena Mario Mieli
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...