Imma Battaglia: “Luigi Berlusconi è gay, Gianna Nannini ridicola, va boicottata”

di

L'attivista a ruota libera sulle recenti polemiche che hanno travolto la rocker e il figlio del Cavaliere.

19199 4

Non le manda certo a dire Imma Battaglia che ai microfoni di Radio Cusano Campus non risparmia neanche un colpo a Gianna Nannini, che recentemente ha dichiarato di aver intenzione di lasciare l’Italia e di sposare in Inghilterra la sua compagna, per dare alla figlia Penelope più diritti e serenità:

“La sua posizione è tardiva. Da anni conosciamo le sue amanti e le sue fidanzate. Non ha mai fatto niente, ma dico niente, nessun tipo di attivismo per le lotte che noi abbiamo fatto, ora arriva e dice che la legge in Italia non la tutela. Ma chi sei, ma chi ti credi di essere? Se avesse avuto il coraggio di un Tiziano Ferro, probabilmente noi avremmo avuto una legge migliore. Ora dovrebbe stare zitta. Io sinceramente la trovo veramente fuoriluogo, spero che la gente la boicotti e non vada più ai suoi concerti. È ridicola, non puoi fare queste dichiarazioni politiche quando non hai mai fatto nulla, se non per te stessa“.

Sull’ormai celeberrimo bacio di Luigi Berlusconi ad un amico, invece ha commentato: “Quando ho visto la foto da brava attivista ho pensato che bello è gay e non ha paura di esserlo. Non ho letto le didascalie, ho detto che bello Luigi è gay, che bella cosa, che bella immagine. Non ci credo e non penso che lo facesse per finta, quello è stato un bellissimo gesto di affetto e di intimità, se è gay sono contenta, vuol dire che la famiglia Berlusconi sarà sempre più attenta al tema dei diritti e dell’inclusione“.

Sul Gay Village inoltra ha dichiarato: “Roma è una tragedia. Non so se la sindaca verrà al Gay Village. Noi chiaramente offriamo, e siamo molto orgogliosi di averla fatta, una infrastruttura e un lavoro internazionale. Abbiamo un grande successo, ma abbiamo dei costi altissimi. Ormai in una città aggredita da una competizione assolutamente irregolare, tra commercio abusivo e altre cose simili, è molto complicato andare avanti. Noi siamo dei sognatori, abbiamo grande passione, ce la facciamo. Però è faticoso. Per quanto mi riguarda sarà l’ultimo anno, non si può più andare avanti così. Roma non se lo merita, o arrivano l’esercito e i carri armati a risolvere tutto oppure non si può andare avanti. Roma non può essere così abbandonata, così degradata, Roma deve essere l’immagine dell’Italia”.

Leggi   Gay Center, appello a 5 sindaci: "Stop al Bus della Libertà e ai manifesti anti-trans"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...