Storia del movimento LGBTQI italiano: 1993

di

Inaugura la storica Gay Street a Milano. L'Oasi Rosa, il primo paradiso lesbo. Muore il grande Nureyev e Roma si attiva a favore dei gay.

CONDIVIDI
29 Condivisioni Facebook 29 Twitter Google WhatsApp
4973 0

Franco Grillini inaugura ufficialmente la “Gay Street’’ di via Sammartini, è un importante riconoscimento per la mia attività.

Un articolo dell'Europeo sulla Gay Street da poco inaugurata.
Un articolo dell’Europeo sulla Gay Street da poco inaugurata.

Apro quindi un altro locale, l’After Line discobar, dove si può ascoltare buona musica, ballare, assistere a spettacoli di spogliarello e di drag queen.

Nel 1993, al numero 25 di Via Sammartini, Felix Cossolo apre il disco bar After Line.
Nel 1993, al numero 25 di Via Sammartini, Felix Cossolo apre il disco bar After Line.
Uno strip all'Afterline.
Uno strip all’Afterline.
Loredana Bertè, Felix Cossolo e Paolo Hutter.
Loredana Bertè, Felix Cossolo e Paolo Hutter.
Lo staff dell'Afterline.
Lo staff dell’Afterline.

Tutti i media ne parlano, soprattutto dopo le scritte infamanti da parte di naziskin sui muri della via proprio la notte prima dell’inaugurazione.

gay street naziskin Il Giorno 15 apr 93

Il successo è immediato, aperto tutti i giorni e le notti, migliaia i clienti, anche personaggi noti: da Paolo Limiti a Fabio Canino, da Aldo Busi a Loredana Bertè, da Jimmy Sommerville a Arturo Brachetti, dai Legnanesi a David Leavitt, e poi artisti, ballerini, cantanti, registi, fotografi, stilisti…. tra happy drink e brunch, spaghettate notturne e favolosi strip dei gogo boys, il videolaser, la messaggeria, i giochi elettronici, il karaoke, le lotterie e i premi non c’è da annoiarsi.

Al cinema si proietta Philadelphia di J. Demme, che affronta il tema dell’Aids, con Tom Hanks, D. Washington e A. Banderas. Strepitosa la colonna sonora di Bruce Springsteen.

Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità gli omosessuali, maschi e femmine, sarebbero in Italia tre milioni e mezzo.

Pubblicità per la rivista "Babilonia" delle due librerie Babele. Nel 1993 nasce la libreria Babele di Roma, prima ubicata in Via Paola 44, e poi in Via Dei Banchi Vecchi 116.
Pubblicità per la rivista “Babilonia” delle due librerie Babele. Nel 1993 nasce la libreria Babele di Roma, prima ubicata in Via Paola 44, e poi in Via Dei Banchi Vecchi 116.

Luigi Cerina, consigliere gay antiproibizionista e dichiaratamente sieropositivo, viene nominato assessore per la questione omosessuale a Roma.

Articolo tratto da "Babilonia" del febbraio 1993, in cui si dà notizia della nascita di una delega di assessorato per i rapporti con la comunità gay romana, carica ricoperta dal consigliere antiproibizionista Luigi Cerina, per volontà del sindaco Franco Carraro, e dopo ripetute proteste di Massimo Consoli e di altri militanti LGBT, visto il preoccupante aumento di omicidi di gay nella capitale.
Articolo tratto da “Babilonia” del febbraio 1993, in cui si dà notizia della nascita di una delega di assessorato per i rapporti con la comunità gay romana, carica ricoperta dal consigliere antiproibizionista Luigi Cerina, per volontà del sindaco Franco Carraro, e dopo ripetute proteste di Massimo Consoli e di altri militanti LGBT, visto il preoccupante aumento di omicidi di gay nella capitale.

Non contento “raddoppio”: all’interno dell’After Line disco bar inauguro l’Oasi Rosa, una sala lesbo dove anche le donne hanno uno spazio di divertimento e incontro.

Una locandina di promozione dell'Oasi Rosa.
Una locandina di promozione dell’Oasi Rosa.
Il 6 gennaio del 1993 muore a Parigi, per complicazioni da AIDS, il grande ballerino e coreografo Rudolf Nureyev, come ricorda questo trafiletto del numero di febbraio, dello stesso anno, di "Babilonia".
Il 6 gennaio del 1993 muore a Parigi, per complicazioni da AIDS, il grande ballerino e coreografo Rudolf Nureyev, come ricorda questo trafiletto del numero di febbraio, dello stesso anno, di “Babilonia”.
Dibattito sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso, promosso dall'Arcigay di Empoli il 22 gennaio 1993. Da ""Babilonia", febbraio 1993. Empoli, nello stesso anno, sarà la prima città italiana a dotarsi di un registro delle unioni civili.
Dibattito sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso, promosso dall’Arcigay di Empoli il 22 gennaio 1993. Da “”Babilonia”, febbraio 1993. Empoli, nello stesso anno, sarà la prima città italiana a dotarsi di un registro delle unioni civili.

banner_felix

Leggi   Roma, ancora omofobia: Coppia gay aggredita nel cuore di Trastevere
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...