Anna Tatangelo: “Non chiedetemi di essere quella che non sono”

"Sono finalmente riuscita a togliermi dalle spalle quel pregiudizio continuo su di me e se cambio lo faccio solo per me."

Anna Tatangelo: "Non chiedetemi di essere quella che non sono" - 21371222 1804532436229527 3853709333194878584 n - Gay.it
6 min. di lettura

Mentre preparavo l’incontro con Anna Tatangelo pensavo a cosa e come poterle chiedere di quell’uomo che, in un certo senso, ha alimentato negli anni la sua ‘strana’ popolarità. Poi, incontrandola, ho capito che non ce ne era bisogno e che dietro una grande donna non c’è necessariamente un grande uomo e che sempre più spesso sono le origini a fare la differenza. Origini dal quale, la cantante che vinse il suo primo Festival di Sanremo nell’ormai lontano 2002, non vuole prendere le distanze. Oggi l’Anna che mi ritrovo davanti è una donna molto diversa da quella che abbiamo conosciuto. Via il trucco, via quel look da donna che non deve chiedere mai e via tutte quelle sovrastrutture che l’hanno accompagnata nel corso della sua carriera. Ed è da qui che parte la nostra chiacchierata, mentre in sottofondo la radio suona ‘Chiedere scusa’ il nuovo singolo dell’ex giudice di X Factor che anticipa l’uscita del disco ‘La fortuna sua con me’.

Un ritorno in musica dopo tre anni di silenzio. Perché hai aspettato così tanto tempo prima di tornare con un nuovo lavoro?

Perché ci sono stati tantissimi cambiamenti nella mia vita e ho voluto aspettare di mettere a posto tutti i tasselli prima di tornare con un qualcosa che non mi rappresentasse a pieno. 

Quindi ‘Chiedere Scusa’ parla dell’Anna che sei diventata oggi?

Esattamente! E la cosa che mi ha sorpresa di più è che tantissime persone mi hanno scritto, sui social, per farmi sapere che la sentono anche un po’ loro. Questo nuovo brano è stato una scommessa. È arrivato all’ultimo momento quando con la Sony avevamo già deciso che il nuovo singolo sarebbe stato ‘La fortuna sia con me’, scritta dal bravissimo Giuseppe Anastasi. Ho rischiato e a quanto pare ho fatto bene.

Canti: “C’è un tempo per resistere e un tempo per lasciarsi andare”. Tu sei riuscita a liberarti da tutte le sovrastrutture che ti hanno accompagnata nel corso degli anni?

Credo proprio di sì, e nel video ho fatto in modo che venisse fuori la nuova Anna. Sono apparsa in tuta, con un filo di trucco e in tutta la mia semplicità. Mi sono mostrata come una ragazza e non più come una donna.

E perché questa necessità di mostrarti ‘in tutta la sua semplicità’?

Perché nel privato sono davvero così e ho capito, crescendo, che è la parte che viene apprezzata di più. E nel nuovo disco, credimi, ci sarà tanto di me. Ho provato a trasformare e raccontare in musica i miei ultimi tre anni e a riportare al centro di ogni cosa due parole troppo spesso dimenticate: grazie e scusa. 

Anna Tatangelo: "Non chiedetemi di essere quella che non sono" - 21371222 1804532436229527 3853709333194878584 n 2 - Gay.it

È più difficile ‘chiedere scusa’ o perdonare, Anna? 

Perdonare!

Dalla velocità con cui hai risposto mi verrebbe da chiederti come fai a saperlo?

Perché per perdonare devi avere un grande dono: capire se le scuse sono sincere e, ahimè, è un qualcosa che non abbiamo tutti, me compresa.

A guardarti da fuori, nonostante i cambiamenti, sembreresti una donna molto forte e sicura, anche se a Masterchef, con Bastianich, hai mostrato un lato inedito di te..

(ride, ndr) Molto inedito, ma ne vado fiera. Lo so: ci metto sempre più del previsto a prendere confidenza, ma poi, appena capisco chi ho davanti, mi apro. E a Masterchef è andata proprio così. Ci ho messo un po’, ma poi mi sono liberata. La mia vittoria, al di là di quella finale, è stata quella di farmi apprezzare dagli altri per quella che sono. 

Ma quant’è difficile per Anna essere sempre la Tatangelo?

Per me non è difficile, ma quando sento nominare la ‘Tatangelo’ avverto subito un certo distacco. Faccio fatica a capire il perché, ma poi penso che una parte dei mass media ci abbia messo il carico. Sono stata raccontata, negli anni, in un modo non sempre veritiero e questo, molto probabilmente, non ha fatto bene né a me, né alla mia immagine. Però, grazie al cielo, c’è tantissima gente che è riuscita ad andare ben oltre.

Hai recentemente dichiarato che gli uomini hanno paura di te. Secondo te cos’è che li spaventa così tanto?

Vedi? Anche in questo caso la mia risposta è stata mal interpretata. Dire che gli uomini hanno paura di me, è ben diverso da dire: “faccio paura”. 

E perché pensi di far così paura?

Perché sono una mamma, perché ho tantissime responsabilità e perché sono molto impegnata.

Tu ti senti più pop o più snob?

Più pop! Sono finalmente riuscita a togliermi dalle spalle quel pregiudizio continuo su di me e se cambio, come canto nel mio nuovo singolo, lo faccio solo per me.

Anna Tatangelo: "Non chiedetemi di essere quella che non sono" - PicsArt 05 02 01.28.31 - Gay.it

Non hai mai avuto paura, in tutti questi anni, che la tv possa aver inquinato la tua immagine da cantante?

No, non credo e poi questa è una ‘paura’ tutta italiana. All’estero, gli artisti, sono tutti poliedrici. Lì una cantante può tranquillamente condurre uno show, o ballare, senza che nessuno si scandalizzi. Qui da noi, invece, non si sa perché, viene sempre vissuto tutto male. Che poi è un qualcosa che si è sviluppato di più negli ultimi anni, che in passato..

Trovi?

Beh, sì. Vedi Mina o Raffaella Carrà. Entrambe facevano tutto e mai nessuno le ha rimproverate per aver fatto ‘troppo’.

Dopo l’esperienza ad X Factor ti piacerebbe tornare a fare il ‘giudice’ in un altro talent?

La verità? Sì! Mi piacerebbe davvero tanto. Quel tipo di esperienza non sono riuscita a godermela fino in fondo e non sai quanto mi dispiace.

Il motivo?

Sai cosa significa essere sempre sotto ‘esame’? Ecco: quella sensazione lì.

E ti sei mai chiesta il perché?

Credo non mi perdonassero la giovane età, nonostante i diversi Festival di Sanremo, un duetto con Bolton e le tantissime altre cose fatte. Anche se poi, ad onor del vero, puntata dopo puntata, ho iniziato a vedere un atteggiamento diverso nei miei confronti. Oggi affronterei quel ruolo con un’altra testa.

Non troppo tempo fa, per non farti mancare nulla, hai anche debuttato al cinema con ‘Un Natale ad Sud’. Che ricordo hai di quell’esperienza lì?

Ho un ricordo bellissimo. Massimo, al di là del suo talento innato, è una persona meravigliosa e sul set ci siamo ammazzati dalle risate. E poi è un’altra esperienza importante da aggiungere al mio curriculum.

Qualcuno ti criticò molto per la scelta di cimentarti in un film così ‘trash’..

Sono convinta che se l’avesse fatto un’altra cantante, non avrebbe avuto lo stesso giudizio. Ma oggi non è più un problema. 

Inutile girarci intorno: il gossip, mai come in questo momento, aspetta solo te. Com’è vivere una nuova vita con i paparazzi sempre sotto casa?

La verità? Li guardo e sto male per loro. 

E perché mai?

Perché mi dispiace vederli tutte quelle ore, sotto casa, ad aspettare un mio passo falso. Mi hanno fotografata in tutti i modi: quando parto, quando torno, mentre faccio la spesa e persino quando vado a prendere mio figlio a scuola. Quando non lavoro amo stare a casa. Mi piace cucinare, mi piace giocare con il piccolo e mi rilasso a chiacchierare con i miei amici a cena. Se pensano di trovarmi ubriaca al ritorno di una serata in discoteca, si sbagliano di grosso.

Lo escludi a priori?

Nella vita ho imparato a dire mai dire mai, anche se in tutta sincerità sono una che preferisce starsene in assoluta tranquillità. Non è un difetto e non è nemmeno un sentirsi più grandi. Sarà che vengo da una famiglia dove a noi figli era vietato far tardi. Mia sorella a ventisette anni doveva rincasare assolutamente prima di mezzanotte.

Anna Tatangelo: "Non chiedetemi di essere quella che non sono" - 33868401 2097899816892786 7430907860101365760 n - Gay.it

E com’era la tua vita prima di diventare così famosa?

Normalissima. A quindici anni studiavo e poi aiutavo i miei, nei vari mercati, nella vendita delle nostre ciambelle. Non potrò mai allontanarmi dalle mie origini.

Si sa: tu piaci molto al mondo gay. Ti sei mai chiesta il perché?

No, perché è un’affinità che è arrivata naturalmente. Non c’è stato nulla di voluto o costruito. Ci siamo trovati, così, per caso ed è stato subito amore. Negli anni ho cercato di contribuire, nel mio piccolo, a far capire che l’amore non ha sesso. Ho portato all’Ariston la canzone che dedicai al mio migliore amico, gay, nella quale lo invitavo a non perdere le speranze davanti a certi stupidi pregiudizi.

Quello che era il tuo migliore amico, da non molto, si è trasformato in una bellissima donna. Come hai vissuto, da amica, un cambiamento così importante?

Nel modo più naturale che c’è. Se vuoi bene ad una persona, non desideri altro che la sua felicità. Claudia è la mia amica. La mia migliore amica.

Tutti gli artisti hanno infinite leggende sul proprio conto. Tu ne conosci qualcuna sul tuo conto?

(ride, ndr) Ne hanno raccontate così tante che faccio fatica a trovarne una. 

Anna Tatangelo: "Non chiedetemi di essere quella che non sono" - 29595115 2034253073257461 174582691332612771 n - Gay.it

Si mormora che tu possa essere la nuova conduttrice di ‘Detto Fatto’. Quanto c’è di vero in questo rumor?

Nulla. E Caterina, al di là di quello che sarà il suo futuro lavorativo, è bravissima.

Ah, Anna: com’era quel tuo detto? ‘Quando la persona è niente, l’offesa è?

Zero!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Lorenzo Zurzolo Prisma La Storia

Lorenzo Zurzolo tra James Franco ne “Gli Squali”, e Martin Scorsese nel film di Julian Schnabel “La mano di Dante”

Cinema - Mandalina Di Biase 12.7.24

Continua a leggere

Bootcamp, X Factor 2024

X Factor 2024, siamo stati ai Bootcamp: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 28.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Aspettando Sanremo 2024, le principali canzoni LGBTQIA+ della Storia del Festival - sanremo canzoni lgbt - Gay.it

Aspettando Sanremo 2024, le principali canzoni LGBTQIA+ della Storia del Festival

Musica - Redazione 19.1.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Il cast di X Factor 2024

X Factor 2024, la finale andrà in onda da Piazza del Plebiscito a Napoli

News - Luca Diana 20.6.24
Rivoluzione X Factor 2024, Giorgia conduttrice con Achille Lauro e Paola Iezzi giudici - X Factor 2024 - Gay.it

Rivoluzione X Factor 2024, Giorgia conduttrice con Achille Lauro e Paola Iezzi giudici

Culture - Redazione 9.5.24
Il Teatro Ariston ospiterà l'edizione 2024 di Sanremo dal 6 al 10 febbraio

Sanremo, 10 canzoni sottovalutate da riscoprire se ami davvero il Festival

Musica - Emanuele Corbo 22.1.24