IL CARABINIERE GAY

E’ Ciccio, che s’innamora di un commilitone nella canzone di Principe e socio M. Che dicono: "Embè? E’ la cosa più naturale del mondo"

Vengono da Napoli, Principe e socio M. E cantano la storia di Ciccio, ex sessantottino non violento che, per caso, vince un concorso per entrare nell’Arma dei Carabinieri e lì, oltre a trovarsi molto a disagio, gli capita anche di innamorarsi di un commilitone.

Allora, questa storia d’amore gay?

Principe – "Ma non è il punto centrale della canzone, a Ciccio capita di innamorarsi. E’ un passaggio della canzone. Non è un testo improntato su questo argomento. Non ce n’è alcun bisogno al giorno d’oggi, è la cosa più naturale del mondo".

Si è parlato di una forte influenza pasoliniana nella vostra canzone.

Principe – "Lo abbiamo letto sui giornali, magari, ma ci sembra un accostamento anche troppo alto".

Ed Eminem?

Principe – "Eminem è figlio di eventi, Ciccio è figlio di una condizione sociale. Comunque l’odio che prova è un problema suo".

Ma Ciccio è un personaggio reale?

Socio M. – "La canzone è solo in parte romanzata. A differenza del testo, però Ciccio è tuttora in vita, non è in paradiso. Magari, chissà, faremo una prossima puntata delle sue vicissitudini".

Parlateci un po’di voi.

Principe – "Io mi chiamo così perchè abito nel castello. Cioè nel Maschio Angioino, a Napoli. Mio padre è il custode e ci tengo a precisare la mia condizione sociale".

Socio M. – "Io abito in un condominio, invece. M sta per Mauro e per mouse, visto che sono un esperto di computer. Ci conosciamo da dieci anni ma la collaborazione è nata dopo tre o quattro".

La vostra musica?

Principe – "Sergio Bruni, Napoli centrale. Ci hanno definito "napoletan power" e questo ci fa piacere. I 99 Posse e gli Assalti Frontali ci piacciono, ma noi seguiamo più la musica d’autore, anche se condividiamo il messaggio".

di Paola Faggioli

Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni