Anna Tatangelo: “Non chiedetemi di essere quella che non sono”

di

"Sono finalmente riuscita a togliermi dalle spalle quel pregiudizio continuo su di me e se cambio lo faccio solo per me."

CONDIVIDI
436 Condivisioni Facebook 436 Twitter Google WhatsApp
21970 0

Mentre preparavo l’incontro con Anna Tatangelo pensavo a cosa e come poterle chiedere di quell’uomo che, in un certo senso, ha alimentato negli anni la sua ‘strana’ popolarità. Poi, incontrandola, ho capito che non ce ne era bisogno e che dietro una grande donna non c’è necessariamente un grande uomo e che sempre più spesso sono le origini a fare la differenza. Origini dal quale, la cantante che vinse il suo primo Festival di Sanremo nell’ormai lontano 2002, non vuole prendere le distanze. Oggi l’Anna che mi ritrovo davanti è una donna molto diversa da quella che abbiamo conosciuto. Via il trucco, via quel look da donna che non deve chiedere mai e via tutte quelle sovrastrutture che l’hanno accompagnata nel corso della sua carriera. Ed è da qui che parte la nostra chiacchierata, mentre in sottofondo la radio suona ‘Chiedere scusa’ il nuovo singolo dell’ex giudice di X Factor che anticipa l’uscita del disco ‘La fortuna sua con me’.

Un ritorno in musica dopo tre anni di silenzio. Perché hai aspettato così tanto tempo prima di tornare con un nuovo lavoro?

Perché ci sono stati tantissimi cambiamenti nella mia vita e ho voluto aspettare di mettere a posto tutti i tasselli prima di tornare con un qualcosa che non mi rappresentasse a pieno. 

Quindi ‘Chiedere Scusa’ parla dell’Anna che sei diventata oggi?

Esattamente! E la cosa che mi ha sorpresa di più è che tantissime persone mi hanno scritto, sui social, per farmi sapere che la sentono anche un po’ loro. Questo nuovo brano è stato una scommessa. È arrivato all’ultimo momento quando con la Sony avevamo già deciso che il nuovo singolo sarebbe stato ‘La fortuna sia con me’, scritta dal bravissimo Giuseppe Anastasi. Ho rischiato e a quanto pare ho fatto bene.

Canti: “C’è un tempo per resistere e un tempo per lasciarsi andare”. Tu sei riuscita a liberarti da tutte le sovrastrutture che ti hanno accompagnata nel corso degli anni?

Credo proprio di sì, e nel video ho fatto in modo che venisse fuori la nuova Anna. Sono apparsa in tuta, con un filo di trucco e in tutta la mia semplicità. Mi sono mostrata come una ragazza e non più come una donna.

E perché questa necessità di mostrarti ‘in tutta la sua semplicità’?

Perché nel privato sono davvero così e ho capito, crescendo, che è la parte che viene apprezzata di più. E nel nuovo disco, credimi, ci sarà tanto di me. Ho provato a trasformare e raccontare in musica i miei ultimi tre anni e a riportare al centro di ogni cosa due parole troppo spesso dimenticate: grazie e scusa. 

È più difficile ‘chiedere scusa’ o perdonare, Anna? 

Perdonare!

Dalla velocità con cui hai risposto mi verrebbe da chiederti come fai a saperlo?

Perché per perdonare devi avere un grande dono: capire se le scuse sono sincere e, ahimè, è un qualcosa che non abbiamo tutti, me compresa.

A guardarti da fuori, nonostante i cambiamenti, sembreresti una donna molto forte e sicura, anche se a Masterchef, con Bastianich, hai mostrato un lato inedito di te..

(ride, ndr) Molto inedito, ma ne vado fiera. Lo so: ci metto sempre più del previsto a prendere confidenza, ma poi, appena capisco chi ho davanti, mi apro. E a Masterchef è andata proprio così. Ci ho messo un po’, ma poi mi sono liberata. La mia vittoria, al di là di quella finale, è stata quella di farmi apprezzare dagli altri per quella che sono. 

Ma quant’è difficile per Anna essere sempre la Tatangelo?

Per me non è difficile, ma quando sento nominare la ‘Tatangelo’ avverto subito un certo distacco. Faccio fatica a capire il perché, ma poi penso che una parte dei mass media ci abbia messo il carico. Sono stata raccontata, negli anni, in un modo non sempre veritiero e questo, molto probabilmente, non ha fatto bene né a me, né alla mia immagine. Però, grazie al cielo, c’è tantissima gente che è riuscita ad andare ben oltre.

Hai recentemente dichiarato che gli uomini hanno paura di te. Secondo te cos’è che li spaventa così tanto?

Vedi? Anche in questo caso la mia risposta è stata mal interpretata. Dire che gli uomini hanno paura di me, è ben diverso da dire: “faccio paura”. 

E perché pensi di far così paura?

Perché sono una mamma, perché ho tantissime responsabilità e perché sono molto impegnata.

Tu ti senti più pop o più snob?

Più pop! Sono finalmente riuscita a togliermi dalle spalle quel pregiudizio continuo su di me e se cambio, come canto nel mio nuovo singolo, lo faccio solo per me.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...