Foto

Pisa 1979: la Stonewall italiana, il primo Gay Pride

Ricordi ed immagini storiche del primo Gay Pride italiano, manifestazione che si tenne a Pisa il 24 novembre 1979

Pisa 1979: la Stonewall italiana, il primo Gay Pride - pisa 1979 gay pride 11 - Gay.it
4 min. di lettura

In collaborazione con Stonewall

In non molti lo sanno, ma fu Pisa, il 24 novembre 1979, ad ospitare il primo “Gay Pride” italiano.

La Marcia contro la violenza sugli/sulle omosessuali, nota anche come “Pisa79“, fu una manifestazione di protesta contro la violenza nei confronti delle persone LGBT, finalizzata a promuovere i loro diritti ed organizzata il 24 novembre 1979 dal Collettivo Omosessuale Orfeo, come reazione all’omicidio di un omosessuali a Livorno ed al clima generale di violenza contro la comunità LGBT. Fu la prima manifestazione italiana di orgoglio omosessuale autorizzata da una questura e patrocinata da un Comune e viene quindi annoverata come il primo Gay Pride italiano.

Abbiamo intervistato Andrea Pini, uno degli organizzatori e “memoria storica” del movimento.

Quel corteo, considerato il primo gay pride italiano, si svolse a Pisa a dieci anni esatti dalla rivolta di Stonewall: pura coincidenza?

Assolutamente no. Era il frutto del ritardo tutto italiano su certi temi. Le prime cose si erano già organizzate a partire dal 1971, quando nacque la rivista “Fuori”, legata al Partito Radicale, che promuoveva iniziative di vario genere. Nel ’78, poi, si erano comicniati a formare, sull’onda della contestazione, i primi collettivi spontanei, nati dalla vicinanza con il movimento studentesco e i temi che affrontava anche in termini di identità di genere, come facevano le femminsite. Da tutti questi stimoli, prese forma quella manifestazione.

Pisa 1979: la Stonewall italiana, il primo Gay Pride - pisa79F2 - Gay.it

Quale fu la spinta decisiva che vi portò all’organizzazione del corteo e della giornata di studi?

Quello di allora era un movimento sparpagliato, ancora fragile e disorganico, ma c’erano già stati fermenti importanti, come il libro di Mario Mieli “Elementi di critica omosessuale” uscito nel ’77 che noi consideravamo come una sorta di manifesto. “Fuori” rompeva con il perbenismo dilagante in quegli anni, poi arrivano la liberazione sessuale e il femminismo e nasce il primo gruppo gay a Pisa, Orfeo, di cui facevo parte. Eravamo giovani ed entusiasti: tutto ci sembrava possibile. E poi, nello stesso anno, c’era stato il primo Gay Camp italiano, in un campeggio di Capo Rizzuto, in Calabria: una vera e propria bomba a mano nei nostri corpi, un’esperienza così intensa che nessuno di noi ne aveva mai provata una simile prima. Per non parlare dei tanti, troppi, episodi di violenza di quegli anni, anche a Pisa e a Livorno di cui alcuni sfociati nell’omicidio.

Pisa 1979: la Stonewall italiana, il primo Gay Pride - pisa79F3 - Gay.it

Qual era il messaggio che volevate lanciare scendendo in piazza, insieme a gay e lesbiche arrivati da tutto il Paese, per la prima volta quel giorno?

Innanzitutto volevamo che fosse chiara la nostrap osizione contro la violenza che stava colpendo molti di noi e poi volevamo dire “Esistiamo, siamo qui e non ci vergognamo più”. Volevamo diventare un soggetto di riferimento, un interlocutore, volevamo esprimere consapevolezza pubblica.

Quante persone sfilarono per le strade della città il 24 novembre del ’79?

I giornali scrissero “alcune centinaia”. Penso che fossero intorno ai 500: un numero strabiliante se considerate l’epoca e la natura del corteo. Fu un grande successo. Come scrive Gianni Rossi Barilli nel suo “Il movimento gay in Italia”, bisognerà aspettare il pride di Roma del 1994 per avere un altro corteo di quel valore. E io aggiungo che per vedere un corteo con i numeri dei pride delle altre capitali europee, abbiamo dovuto attendere il World pride del 2000.

Pisa 1979: la Stonewall italiana, il primo Gay Pride - pisa79F4 - Gay.it

Cosa cambia dopo il corteo di Pisa?

La consapevolezza. Avevamo capito che si poteva fare il salto di qualità, che potevamo non limitarci più a scrivere di noi sulle nostre riviste come “Fuori”, “Lambda” o la “Pagina Frocia” di Lotta continua. Potevamo scendere in piazza senza essere ammazzati, potevamo avere una visibilità piena, anche se quella della visibilità è una strada piena di gradini, di difficoltà, non ancora conclusa.

A distanza di 30 anni, qual è la ragione che vi ha spinti a creare il “Comitato Pisa ’79”?

Di certo non la nostalgia: voltarsi indietro solo per nostalgia è del tutto inutile. Quello che vogliamo fare è rendere collettiva la memoria di quei fatti e di quegli anni. Il movimento lgbt ha un forte bisogno di riappropiarsi della memoria, per rafforzarsi, per non fare gli stessi errori. Chi non ha memoria, non esiste. L’iniziativa che stiamo pensando per il prossimo novembre in occasione dell’anniversario non vuole fine a se stesso, perché sarebbe inutile. Vogliamo che sia un punto di partenza dal quale cominciare a trasmettere la memoria alle nuove generazioni, ma anche un’occasione per fare il punto di questi ultimi 30 anni, di cos’è cambiato e di cosa, invece, deve ancora cambiare, di quali sono adesso le nostre istanze e di come ottenere risposte.

(Foto di Francesco Allegretti)

[symple_posts_grid unique_id=”” post_type=”post” taxonomy=”post_tag” term_slug=”stonewall-film” count=”3″ columns=”3″ pagination=”false” order=”DESC” orderby=”date” thumbnail_link=”post” img_crop=”true” img_height=”200″ img_width=”300″ title=”true” excerpt=”false” excerpt_length=”30″ read_more=”false”]

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Francesco Allegrini 3.5.16 - 20:02

le foto che lo corredano sono (al 99%) le mie ma, naturalmente, non viene scritto...

Avatar
Pierangelo Bucci 3.5.16 - 15:24

Articolo molto interessante e molto belle le foto che lo corredano. A margine: meno male che Andrea Pini si è rifatto il guardaroba!!! :-))))))

Trending

Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24

Leggere fa bene

Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24
Stephen Laybutt, l'ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out - Stephen Laybutt header Attitude - Gay.it

Stephen Laybutt, l’ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out

Corpi - Redazione 18.1.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24
Shawn Barber, addio al campione del mondo di salto con l'asta. Aveva solo 29 anni - Shawn Barber - Gay.it

Shawn Barber, addio al campione del mondo di salto con l’asta. Aveva solo 29 anni

Corpi - Redazione 19.1.24
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24