QUANDO I GENITORI NON TI ACCETTANO

Pubblichiamo la lunga lettera di una ragazza che dopo il coming out si è sentita responsabile dell'infelicità dei genitori. Certi che purtroppo il problema riguarda molti.

QUANDO I GENITORI NON TI ACCETTANO - accettazione genitori - Gay.it
4 min. di lettura

Ciao! Mi chiamo Maria Luisa e sono in una situazione sempre più catastrofica; non so più cosa fare..

Circa un anno fa ho conosciuto una ragazza, mi sono innamorata e ci siamo messe insieme (viviamo a 400 km di distanza però…). Io vivo in una famiglia che è molto di più che credente, soprattutto mia madre, quindi non ho mai avuto il coraggio di diglielo, di parlarne. Verso maggio casualmente i miei hanno scoperto tutto (hanno letto sul nastro del fax quello che lei mi aveva scritto)e lì è cominciato l’inferno… La loro reazione è stata quella di darmi della pazza e malata di mente; la sera stessa mi hanno detto con aria molto comprensiva di pensarci su la notte e poi dire loro che cosa avevo deciso di fare: la mattina seguente sono arrivati in camera mia come dei giustizieri e mi hanno chiesto qual’era la mia decisione. Ho risposto che non avevo cambiato idea e loro hanno detto che non c’erano alternative, la decisione da prendere era una sola e non c’era da pensarci su!!! In quei giorni mi è crollato il mondo addosso…la mia ragazza mi diceva di fare quello che era meglio per me, lei avrebbe accettato tutto; ma io in quel casino l’ho lasciata dicendole che forse era meglio lasciare perdere tutto, i miei non mi lasciavano alternative… mi hanno sequestrato il cellulare, alzavano la cornetta quando ero al tel di casa…questo però per pochi giorni… Però io avevo lasciato una persona di cui ero innamorata…e perchè? perchè me lo dicevano i miei…e io ? avrei dovuto fare tutto quello che volevano loro per sempre? decidono loro della mia vita? Così ho ricominciato a sentirla; quando mia madre mi chiedeva se riuscivo a stare senza "quella" io le facevo capire che non avevo chiuso, così fino a quando ho capito che se fossi stata in quella casa non avrei mai potuto continuare a fare la mia vita. Ho iniziato a cercare lavoro (vado all’università); mio padre mi ha detto di andarmene di casa entro pochi giorni e mia madre era sempre depressa…fino a quando mi ha chiesto se avrei continuato a studiare se loro mi avessero concesso ogni tanto di vederla… Io ho detto di si e tra la depressione generale ho tirato avanti fino ad ora… Le cose sono così difficili… Oggi mia madre mi ha detto che non ce la fa più a vivere, e se resta in vita è solo perchè ha la fede; mi ha detto che io ho distrutto la famiglia e il suo matrimonio e mi ha chiesto se non mi va di farle un bel regalo di natale e ridiventare la sua bella figliolina… Io ci sto malissimo, mi fa male sapere che stanno tutti così male; ma io? A chi interessa se io sto male? Per loro io sbaglio e quindi sono io che voglio tutto questo…Bho… probabilmente ho scritto pure male, in modo incasinato e incompleto e sono noiosa!!! : )

Vi prego, ditemi qualcosa, datemi un consiglio…una parola…

Malù carissima, in tanto disastro o catastrofe che tu mi descrivi, vedo uno spiraglio piuttosto positivo che forse ti potrà portare ad una soluzione. Soluzione del resto che tu hai già tentato di attuare.

Andiamo con ordine: per prima cosa è successo il finimondo – situazione reale e comune a molte famiglie – La prima causa di ciò è l’esasperata aderenza alla chiesa cattolica da parte dei tuoi, soprattutto di tua madre (non la chiamerei religiosità: si può essere profondamente religiosi nel rispetto dell’identità e dei bisogni altrui). Non meno grave è il peso dei condizionamenti culturali: tutti noi, dico tutti, quindi anche le persone omosessuali, siamo stati educati in un clima di orrore verso l’omosessualità, presentataci come una malattia e come una perversione. Ecco perché i tuoi familiari cercano di "salvarti e di guarirti", per il tuo bene.

Non è facile scrollarsi di dosso quanto ci hanno inculcato e che è divenuto nostro, che è dentro di noi. Chiedo sempre ad ogni figlio /a di avere pazienza con noi genitori, pazienza che però non può e non deve travalicare il rispetto verso di sé.

L’atteggiamento dei tuoi dimostra come all’inizio lo svelamento sia un vero crollo, al punto che tuo padre ti ha chiesto addirittura di uscirtene di casa.

Ammiro moltissimo il percorso che hai scelto per non rompere con i tuoi, mantenendo però tua identità. Hai cercato lavoro per renderti indipendente e così i tuoi non hanno più potuto ricattarti, spaventati dal fatto che fuori casa non saresti più stata controllabile, che non avresti più studiato, che un domani, se fossi finalmente "rinsavita" e avessi cambiato idea, saresti stata senza nulla in mano, senza lavoro e titolo di studio.

Sicuramente i tuoi si saranno fatti consigliare da un sacerdote che avrà certamente contribuito a far loro allentare il freno: puoi vedere la tua ragazza in cambio di una laurea. Capisco, non è la felicità, ma è un primo passo verso la libertà. Intanto i tuoi cominceranno a vederti come ti conoscevano prima e, se tu non sarai mai indisponente verso di loro – anche se ne avresti ragione da vendere – potrai far loro capire chi sei, quanto vali, che l’amore ed il rispetto verso di loro non è cambiato.

Non so da quanto tempo stai vivendo questa situazione, ma so che in genere, se c’è l’affetto, le cose riescono a sistemarsi, inizialmente alla meno peggio. Nel frattempo tu ti sarai resa autonoma e potrai uscire di casa e fare veramente la tua vita: questa penso che sia l’unica soluzione da prendere, anche se in tempi lunghi. Mettiti avanti negli studi, non lasciarti cogliere dalla depressione che ti farebbe rallentare i tempi.

Capisco anche il tuo dolore vedendo i tuoi soffrire, ma tu non ne hai nessuna colpa.

Ti consiglierei di rivolgerti ad un sacerdote che possa far capire questa cosa ai tuoi. Non so dove abiti, altrimenti potrei fare dei nomi. Intanto, perché non ti rivolgi all’AGEDO più vicina? Molte volte, se si riesce ad instaurare un dialogo fra i vari genitori, le cose si appianano e tutto diventa più facile: anche i tuoi probabilmente penseranno di essere gli unici a dover sopportare tanta sciagura: nel momento in cui conoscono altri genitori coi quali poter parlare senza vergognarsi e senza paura di essere fraintesi o scherniti, il livello di ansia si abbassa di molto. E poi, ricordati, noi genitori siamo più forti di quanto non si possa pensare. Non lasciarti dunque ricattare, continua ad essere te stessa, sempre nel rispetto verso di loro. Ciao carissima, spero di avere presto tue….ottime notizie!

Un abbraccio da una mamma dell’AGEDO

Ciao

di AGEDO

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Bridgerton 3 conferma la prima storia d'amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER) - BRIDGERTON 305 Unit 03509R - Gay.it

Bridgerton 3 conferma la prima storia d’amore queer con il bacio tanto atteso, ecco chi coinvolge (SPOILER)

Serie Tv - Redazione 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24

Continua a leggere

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Transgender triptorelina

Triptorelina, 35 associazioni trans* ed LGBTQIA+ chiedono di partecipare al tavolo tecnico per la revisione dei protocolli

Corpi - Francesca Di Feo 28.3.24
“Specchio specchio delle mie brame…”, la 7a sexy gallery social di selfie vip - SPECCHIO SPECCHIO 9 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame…”, la 7a sexy gallery social di selfie vip

Corpi - Redazione 12.2.24
Gus Kenworthy ha ritrovato l'amore con Tyler Green. Le dolci foto social - Gus Kenworthy e Tyler Green cover - Gay.it

Gus Kenworthy ha ritrovato l’amore con Tyler Green. Le dolci foto social

Corpi - Redazione 15.3.24
Fka Twigs per Calvin Klein (2023)

Perché hanno censurato FKA Twigs, tra oggettificazione sessuale e double standard

Corpi - Redazione Milano 12.1.24
Stephen Laybutt, l'ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out - Stephen Laybutt header Attitude - Gay.it

Stephen Laybutt, l’ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out

Corpi - Redazione 18.1.24
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
Il 2023 di Grindr, quali sono i Paesi con più utenti attivi, passivi, versatili, twink e chi più ne ha più ne metta? - Grindr - Gay.it

Il 2023 di Grindr, quali sono i Paesi con più utenti attivi, passivi, versatili, twink e chi più ne ha più ne metta?

Corpi - Redazione 21.12.23