Sam Smith abbraccia l’essere genderqueer: “Chiamatemi LORO, basta con il LUI”

Sam Smith chiede ufficialmente a tutti di non utilizzare più il pronome “lui”, nei suoi confronti, bensì il pronome “loro”.

Sei mesi dopo essersi definito genderqueer, ovvero colui che non si riconosce nel binarismo di genere uomo/donna, Sam Smith è andato oltre, annunciando sui social di voler cambiare proprio pronome in Them/They (che è neutro, in inglese).

Una richiesta rivolta soprattutto ad amici, familiari, fan e giornalisti, perché Smith, da oggi in poi, non vorrà più essere etichettato come ‘lui’.

Ho deciso di cambiare il mio pronome in Them/They, dopo una vita passata a battagliare con il mio genere ho deciso di abbracciarmi per quello che sono, dentro e fuori. Sono così eccitato e mi sento un privilegiato dall’essere circondato da persone che mi supportano in questa decisione, ma sono anche molto nervoso nell’annunciarlo, perché mi importa troppo di quello che la gente pensa, ma fanc*lo. Capisco che ci saranno molti errori di genere, ma tutto ciò che chiedo è per favore, per favore, provateci. Spero che tu possa vedermi come io vedo me stesso ora. Grazie.

Smith, che ha ricevuto migliaia di like e commenti, ha poi aggiunto un post scriptum: Non sono ancora in grado di parlare a lungo di cosa significhi essere non binario, ma non posso aspettare che quel giorno arrivi. Quindi per ora voglio solo essere VISIBILE e aperto. Se hai domande e ti stai chiedendo cosa significhi tutto ciò, farò del mio meglio per spiegartelo, ho anche taggato qui sotto tutti quegli esseri umani che combattono ogni giorno questa battaglia. Sono attivisti e leader della comunità nocomunitàa / trans che mi hanno aiutato e mi hanno dato tanta chiarezza e comprensione. Vi amo tutti. Ho paura ma mi sento super libero adesso. Siate gentili“.

Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo