“Che fretta c’era?”, i Sentinelli di Milano sbarcano in libreria: L’intervista

Abbiamo intervistato un “anonimo sentinello” che ha deciso di raccontarci questo singolare libro, nato dalla felice esperienza dei Sentinelli di Milano.

"Che fretta c'era?", i Sentinelli di Milano sbarcano in libreria: L'intervista - Che fretta c’era sentinelli 1 - Gay.it
4 min. di lettura

Esce oggi in tutte le librerie e online (sia cartaceo che e-book) il libro “Che fretta c’era” dei Sentinelli di Milano. I Sentinelli sono un movimento, nato a Milano e propagatosi nella penisola, che mette al centro due valori chiari e non negoziabili: la laicità e l’antifascismo. Hanno fatto manifestazioni sui più svariati temi: dal matrimonio egualitario al fine vita, dalla difesa della legge sull’interruzione volontaria della gravidanza ai diritti delle persone migranti. Un unicum, quello dei Sentinelli di Milano, che ha interessato molti, sia negli ambienti “classici” della politica fino a quelli più autonomi. Abbiamo così intervistato un “anonimo sentinello” che ha deciso di raccontarci questo singolare libro.

"Che fretta c'era?", i Sentinelli di Milano sbarcano in libreria: L'intervista - Schermata 2018 10 01 alle 09.09.09 - Gay.it

Domanda: Partiamo subito diretti: perché avete deciso di far scrivere un libro sui Sentinelli?
Forse non si dovrebbe dire subito, ma la verità è che abbiamo scritto un libro solo per poter fare una festa di presentazione! Il 5 ottobre invitiamo tutto il mondo (e anche chi ci segue dal resto della galassia) a Milano al Tempio del Futuro Perduto dalle 19, per ballare e bere un po’. E parlare del libro, si capisce. Già che ci siamo, a questo link trovate l’evento!

D: A parte la festa, cosa vi ha mosso?
Come spesso accade alle cose che decidiamo di fare, è successo senza premeditazione. Durante una riunione a fiume di quasi 12 ore ci è venuta a trovare Chiara Palumbo dicendoci che le sarebbe piaciuto scrivere un libro sul modo di fare attivismo dei Sentinelli di Milano. Senza neppure pensarci un secondo abbiamo immediatamente abbracciato l’idea. Perché a noi quello che facciamo – le campagne social, le piazze da migliaia di partecipanti, le azioni lampo – piace molto, ma non siamo gelosi. L’idea di poter trasmettere un po’ di “metodo sentinelloso” a chiunque volesse conoscerlo ci ha subito entusiasmati.

"Che fretta c'era?", i Sentinelli di Milano sbarcano in libreria: L'intervista - WhatsApp Image 2019 09 25 at 11.13.30 - Gay.it

D: Quindi esiste un “metodo sentinelloso” di fare politica?
Assolutamente sì! Ma non possiamo raccontarlo qui, se no l’editore del libro ci taglia le gambe…

D: Giusto un accenno?
In modo sintetico, ogni cosa che facciamo (in piazza come online) è prima di tutto mossa dalle nostre esperienze personali e politiche. Mettiamo al centro un tema che ci sta a cuore (dritto all’autodeterminazione, diritti LGBTQIA+, violenza sulle donne e discriminazioni, ingerenza dei fondamentalismi nella sfera laica delle vite delle persone, giusto per citare qualcosa) e poi lo sviluppiamo. Sempre ricordandoci che le nostre azioni devono essere facilmente comprensibili, attente a tutti il più possibile e (fondamentale) devono restituire ironia, leggerezza e divertimento. Chi l’ha detto che trattare temi serissimi debba essere “pesante” per forza? Seri, mai seriosi. Ironici (e autoironici), mai violenti, soprattutto con chi percepiamo come fragile.

"Che fretta c'era?", i Sentinelli di Milano sbarcano in libreria: L'intervista - 170359757 1c939b81 6f9b 43ad af91 2dbed1b2919d - Gay.it

D: Ma quindi cosa troveranno i lettori all’interno del libro?
Il libro, che ricordiamo ancora è stato curato da Chiara Palumbo – che si è fatta un discreto mazzo – parla dei Sentinelli, di certo, ma mettendo come focus il tentativo di scrivere un “manualetto semiserio dell’attivismo”. Ci sono, dunque, un po’ di storie personali che diventano politiche, un po’ di spunti per credere ancora nella politica (e, magari, partecipare al suo rinnovamento), il tutto tenuto insieme dalle varie manifestazioni fatte in questi anni, con qualche piccolo retroscena. Ci teniamo anche a raccontarvi come sia stato costruito il libro. Chiara ha letteralmente intervistato tutto il gruppo “core” dei Sentinelli, incontrandoci uno a uno, per tentare di carpire la matrice della nostra attività politica. Non essendo noi né un partito, né un’associazione, men che meno un collettivo o un’assemblea (proprio quando siamo messi alle strette ci definiamo “un movimento”, proprio perché non stiamo mai “fermi”) è stato per la curatrice molto difficile riuscire a darci una forma. Beh, poi il resto lo potete leggere dal nostro libro!

D: Ci parlavate di un “tour” di presentazione in giro per l’Italia.
In giro per l’Europa! Siamo felicissimi di essere già stati contattati da varie realtà italiane e siamo disponibilissimi a venire a presentare il libro (e il nostro mondo) a chiunque voglia incontrarci. Per il momento, oltre alla festa di presentazione del 5 ottobre (data per noi storica, poiché i Sentinelli nacquero proprio in questo giorno) saremo al Book Pride di Genova il 19 ottobre. E poi a Roma, ovviamente, oltre che in tantissime altre città italiane (e si vocifera già anche di una presentazione a Parigi e una a Londra!). Per rimanere aggiornati basta seguire gli aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook e, soprattutto, dal nascente sito internet isentinelli.it.

"Che fretta c'era?", i Sentinelli di Milano sbarcano in libreria: L'intervista - 200534080 c0a2c357 77c5 44bc b091 88a8b238b12d - Gay.it

D: Per chiudere: come mai il titolo “che fretta c’era”?
Una domanda che ha una serie di livelli di risposta. Scegliendo il più semplice: perché il nostro inno è “Maledetta Primavera” di Loretta Goggi. Senza un reale motivo, lo abbiamo adottato nelle nostre manifestazioni, ed è entrato talmente tanto nell’immaginario di chi partecipa alle nostre manifestazioni da averci regalato un ingresso in piazza del Duomo a Milano in occasione della manifestazione “People” con una folla a pugno alzato che urlava, appunto, “che fretta c’era, maledetta primavera?”. Inoltre, vuole essere una provocazione, soprattutto a noi stessi: non c’è forse fretta nel riappropriarci dei temi politici? Non c’è forse una certa “fretta” di dover scendere in piazza, presidiare la politica, far sentire “la presenza” sui temi dei diritti umani, civili e sociali? E, infine, girando la prospettiva: c’è veramente tutta questa fretta di delegare ad altri le nostre vite, ciò che ci attraversa, oppure possiamo (con lenta fretta) rimetterci al centro come singoli e come collettività?

“Che fretta c’era” de i Sentinelli, a cura di Chiara Palumbo, edito da Tlön è acquistabile a questo link e in tutte le librerie.

"Che fretta c'era?", i Sentinelli di Milano sbarcano in libreria: L'intervista - Che fretta c%E2%80%99era sentinelli - Gay.it

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24

Leggere fa bene

Perla Vatiero e Beatrice Luzzi, Grande Fratello

Perla Vatiero vince il Grande Fratello: le prime reazioni sui social

Culture - Luca Diana 26.3.24
Jesus Christ Superstar, Lorenzo Licitra sarà Gesù a teatro - LORENZO LICITRA foto Adriano Floriselthor - Gay.it

Jesus Christ Superstar, Lorenzo Licitra sarà Gesù a teatro

Culture - Redazione 25.1.24
Vittorio Menozzi e Federico Massaro, Grande Fratello 2023

Grande Fratello, Vittorio Menozzi e Federico Massaro sempre più vicini: è nata una nuova ship

Culture - Luca Diana 8.12.23
Maria De Filippi e Lil Jolie, Amici 23 e la salute mentale

Maria De Filippi abbatte i tabù su ansia e depressione: la salute mentale approda ad “Amici 23”

Culture - Luca Diana 13.4.24
Perché ho così bisogno di te: quando amare fa troppo male - mattia1 - Gay.it

Perché ho così bisogno di te: quando amare fa troppo male

Culture - Emanuele Cellini 28.12.23
Vincenzo Schettini

Vincenzo Schettini, chi è il professore/youtuber che conduce “La Fisica dell’Amore” su Rai 2?

Culture - Luca Diana 30.4.24
Greta Gerwig (by Ellen Fedors for Rolling Stone)

Cannes 2024: Greta Gerwig, regista di Barbie, è la presidente della giuria!

Culture - Riccardo Conte 14.12.23
Vittorio Menozzi e Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, Vittorio Menozzi e Federico Massaro sono più uniti che mai

Culture - Luca Diana 23.12.23