Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Il potere dell'immaginazione, la forza gentile della lingua. Agli ideologici sempre pronti a puntare il dito contro chi non aderisce all'approccio duro e puro, Valeri Manera rispondeva così, e noi con lei: "Pari-pam-pum, eccomi qua, pari-pam-pum, ma chi lo sa".

ascolta:
0:00
-
0:00
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer
3 min. di lettura

Nella seconda strofa della sigla de “L’incantevole Creamy”, Alessandra Valeri Manera scrisse queste parole cantate poi da Cristina D’Avena

Pensarlo basterà
e subito accadrà

Un verso semplice, un invito all’immaginazione con la quale ogni bambinə può costruire il proprio mondo di riferimento, tra realtà e fantasia, per sopravvivere. Erano gli anni delle reti tv commerciali Fininvest, del primo berlusconismo rampante e tracimante, portatore di luci e ombre, ma che incrinò fortunatamente per sempre la cappa catto-comunista della Rai, aprendo varchi di sopravvivenza per chi non ci stava a morire in una parrocchia o in una sezione del Partito Comunista.

In quegli anni di sperimentazione a tutto campo, Valeri Manera si ritrovò a curare l’importazione di cartoni animati anime, per confezionarne l’edizione italiana. Una trincea nella quale ella si destreggiò in un clima bacchettone e censorio, cercando e trovando nella lingua italiana gli appigli per una ribellione dolce, per una trasformazione sotto-traccia. Un’abilità mal ripagata, come talvolta capita a chi cerchi nelle sfumature lo spazio per innescare processi di osmosi tra culture lontane, per anticipare mondi, per comporre mediazioni, per disegnare orizzonti di libertà e rivoluzioni gentili. Agli ideologici sempre pronti a puntare il dito contro chi non aderisce all’approccio duro e puro, Valeri Manera rispondeva così, e noi con lei:

Pari-pam-pum, eccomi qua
pari-pam-pum, ma chi lo sa

 

Alessandra Valeri Manera ci ha lasciatə  il 20 giugno 2024, all’età di 67 anni. Autrice di canzoni che hanno segnato l’infanzia di intere generazioni, il suo nome vibra nei cuori di chi è cresciutə con le voci e le melodie di Cristina D’Avena. Da “Occhi di Gatto” a “L’incantevole Creamy” a “È quasi magia Johnny“, e ancora “Mila e Shiro“, “Kiss me Licia“, “Holly e Benji“, “Magica Emi“, “Evelyn e la magia di un sogno d’amore“, “Il tulipano nero” (detto anche “Stella della Senna“), “Nanà supegirl“, “Memole” e molti altri, le parole di Valeri Manera risuonano ancora oggi nella memoria di moltissime persone LGBTIAQ+, nelle playlist che tuttə noi salviamo con orgogliosa nostalgia sui nostri telefonini, nei club dove spesso le sue sigle vengono suonate e talvolta persino remixate al ritmo dance.

La sua carriera iniziò a 23 anni, quando fu nominata responsabile dell’intrattenimento per bambini a Mediaset, all’epoca Fininvest. In questo ruolo, che ricoprì dal 1980 al 2001, fu la mente dietro programmi iconici come “Bim Bum Bam“, che vide l’esordio tv di un giovanissimo Paolo Bonolis, e “Ciao Ciao“. Alessandra Valeri Manera scoprì e valorizzò Cristina D’Avena, che presto fu consacrata come la voce cristallina e complice grazie alla quale l’autrice segnò la memoria e l’infanzia di moltə di noi.

Nella Fininvest degli anni ’80, prima ancora di diventare l’autrice delle sigle cult che tuttə conosciamo, Valeri Manera si occupava anche e soprattutto di importare contenuti per bambinə, selezionandoli direttamente dai loro luoghi di origine, in particolare dal Giappone. Scontrandosi di fatto con una società che all’epoca richiedeva tagli e censure.

Era quello che volevo fare per tutta una vita,” disse una volta. “Ho lavorato in piena libertà e ho portato da subito quella che poteva essere la mia visione“.

Una censura, la sua, che spesso mediava e talvolta oscurava i riferimenti queer che i grandi autori giapponesi veicolavano attraverso le tante storie di sdoppiamenti, trasformazioni e ambiguità di genere e sesso.

Spesso criticata a posteriori, anche e soprattutto dalla comunità LGBTIAQ+ a causa delle sue manipolazioni, Valeri Manera riuscì in verità a veicolare messaggi importanti, nascosti tra le righe delle canzoni, delle storie, delle voci, dei doppiaggi, degli adattamenti dei cartoni animati. Fu una “resistente“, come la definisce Jonathan Bazzi nel suo post a lei dedicato, capace di operare in un contesto ostile per portare comunque speranza e possibilità attraverso i suoi lavori.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jonathan Bazzi (@jonathanbazzi)

Un commiato emozionante è giunto dall’editore Yamato Video:

“Grazie alla sua visione e al suo impegno, Alessandra ha reso possibile la trasmissione di numerose produzioni, senza preclusioni di nazionalità. Noi fan delle serie giapponesi dobbiamo a lei la possibilità di aver goduto di tante opere memorabili, che hanno segnato la storia e l’immaginario di molte generazioni”.

Valeri Manera è stata molto di più che un’autrice di sigle e programmi. Ha plasmato l’educazione sentimentale di intere generazioni, offrendo attraverso i suoi personaggi – maghette, combattenti e giovani eroinə dall’identità fluida – modelli di coraggio, speranza e dignità. Per moltə di noi, quei cartoni animati rappresentavano rifugi sicuri e strumenti di auto-riflessione. Come ricorda Bazzi:

“Io sono stato e per sempre resterò Yu, Mai, Evelyn, Gigì, Bunny. Non ho mai smesso di cercare il mio bracciale col cuore”

Gira e spera, il desiderio si avvera. Addio, Alessandra. E grazie per aver sempre cercato nelle sfumature della lingua uno spiraglio per noi bambinə diversə.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
5 libri su erotismo, ambiente, pratica femminista e queerness - Matteo B Bianchi7 - Gay.it

5 libri su erotismo, ambiente, pratica femminista e queerness

Culture - Federico Colombo 5.7.24
festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Madonna e Chiesa Cattolica - "Cristo Queer", una rubrica di Gay.it a cura di Marco Grieco

Madonna “rifugio dei peccatori”, scomunicata tre volte: il suo rapporto incendiario con la Chiesa cattolica

Culture - Marco Grieco 5.4.24
BigMama Sangue Sono fiera della mia queerness

BigMama “Sono fiera della mia queerness, è un punto fondamentale della mia vita” – VIDEO

Musica - Mandalina Di Biase 8.3.24
Liberazione 25 Aprile

Il Fascismo è ancora tra noi: non ci fermeremo, non ci fermeranno. Buona Liberazione a tuttə!

Culture - Giuliano Federico 25.4.24
Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente - SAFFFO 2024 - Gay.it

Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente

Culture - Redazione 15.5.24