ADDIO, MONTRESOR

E' morto lo scenografo vicino al mondo omosessuale.

ADDIO, MONTRESOR - montresor base - Gay.it
2 min. di lettura

E’ morto pochi giorni fa, per le conseguenze di un male, Beni Montresor, scenografo teatrale e cinematografico dalla squisita sensibilità, e persona sempre molto vicina al movimento omosessuale. Montresor, che l’anno scorso aveva firmato le scenografie della Tosca in scena al Festival Pucciniano di Torre del Lago e lì aveva fatto parte della giuria del concorso Mister Friendly Versilia, lascia incompiuti molti lavori, in Europa e America. Sono molti, infatti, i registi e i teatri in tutto il mondo che erano ansiosi di assicurarsi la sua collaborazione, e che oggi piangono un artista che, con le sue scene conferiva a ogni lavoro una efficacia estetica raffinatissima.

ADDIO, MONTRESOR - 0115 montresor - Gay.it

Appena finita la guerra, Montresor era fuggito a Venezia e si era iscritto al corso di pittura all’Accademia di Belle Arti: si pagava la scuola dipingendo ingrandimenti di cartoline o scrivendo commedie per la radio. E’ stata la radio a portare il teatro nella sua vita facendogli scoprire Shakespeare, Cechov, Pirandello, Moliere. Finita l’Accademia era andato a Roma, dove lo aveva aiutato il regista Francesco Rosi ed era diventato assistente di uno scenografo cinematografico. Poi arrivò il momento di firmare le scenografie del suo primo film, che fu stato candidato al Nastro d’Argento per la miglior scenografia dell’anno.

In sette anni partecipò a 29 pellicole. Poi partì per l’America. A New York disegnava bozzetti d’opera che piacquero a Giancarlo Menotti che lo invitò a Spoleto attirando su di lui l’attenzione del direttore del Metropolitan, Sir Rudolph Bing. A lui Beni confidò che il suo sogno era di lavorare al Metropolitan: e li lavorò, per vent’anni, diventando uno degli scenografi piu famosi del mondo, richiesto in tutti i teatri d’Europa e d’America.

Al centro delle scenografie di Montresor c’era il problema della luce: «Di solito ci si limita alle didascalie del testo – usava dire – luce fredda per la notte, luce calda per il giorno. Si dimentica che può essere più vera una luce che misurata sulla realtà non ha niente di reale. La luce va usata in funzione psicologica e di commento; luce teatrale, anziché verista e illustrativa».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Leggere fa bene

Holland Taylor e la dolcissima reazione alla prima nomination ai Tony dell'amata Sarah Paulson - Sarah Paulson festegglia gli 80 anni dellamata Holland Taylor - Gay.it

Holland Taylor e la dolcissima reazione alla prima nomination ai Tony dell’amata Sarah Paulson

Culture - Redazione 2.5.24
Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s - Sessp 39 - Gay.it

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s

Culture - Federico Colombo 23.2.24
Joe Locke di Heartstopper debutta a Broadway con Sweeney Todd - Joe Locke 2 - Gay.it

Joe Locke di Heartstopper debutta a Broadway con Sweeney Todd

Culture - Redazione 11.12.23
"Fiesta", il ritorno in teatro dell'omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l'intervista all'autore e regista Fabio Canino - Snapinsta.app 409955584 18303087 1 - Gay.it

“Fiesta”, il ritorno in teatro dell’omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l’intervista all’autore e regista Fabio Canino

News - Gio Arcuri 30.12.23
Ho paura torero, Lino Guanciale è una Fata a teatro nel capolavoro queer di Pedro Lemebel - Ho Paura Torero - Gay.it

Ho paura torero, Lino Guanciale è una Fata a teatro nel capolavoro queer di Pedro Lemebel

Culture - Redazione 11.1.24
Lino Guanciale in "Ho paura torero": un’occasione sprecata - Sessp 19 - Gay.it

Lino Guanciale in “Ho paura torero”: un’occasione sprecata

Culture - Federico Colombo 15.1.24
Le Karma B sono MaschiE e ci raccontano quello che gli uomini non dicono - intervista - Sessp 20 - Gay.it

Le Karma B sono MaschiE e ci raccontano quello che gli uomini non dicono – intervista

Culture - Federico Colombo 16.1.24
tu sei la bellezza

Tu sei la bellezza: tra amore queer e salute mentale

Culture - Riccardo Conte 29.4.24