Adrian Ghenie: umiliare con l’arte i demoni oscuri del XX secolo

Tragedia e umiliazione; commedia e terrore: le tele di Adrian Ghenie ci mostrano i lati oscuri del nostro XX secolo, tra Nazismo e tragicommedia.

Adrian Ghenie: umiliare con l'arte i demoni oscuri del XX secolo - andrew ghenie - Gay.it
5 min. di lettura

Nato nel 1977 in Romania e attivo da soli 10 anni, Adrian Ghenie ha presto attirato su di sé l’attenzione e l’entusiasmo di critici d’arte e compratori abbienti. Dall’aspetto inquietante e turbolento, le sue tele si pongono come riflessione sia sulla storia dell’arte e dell’uomo, sia sul potenziale maligno insito in ognuno di noi – lo stesso che ha portato figure del XX secolo, come Hitler, Stalin o Nicolae Ceaușescu (dittatore comunista rumeno sotto cui visse in giovane età) ad instaurare regimi basati sul terrore e la persecuzione, senza mai dimenticare che anche loro, come noi, altro non erano che uomini.

CLICCA QUI PER LA GALLERY > > >

Il Padiglione Romania della scorsa Biennale di Venezia ha ospitato una serie di opere dell’artista, il cui filo conduttore, come il titolo della mostra suggerisce – Darwin’s Room – era la figura, le scoperte e il lascito di Charles Darwin, da lui ritenuto il padre fondatore dell’era moderna.

03-Adrian-Ghenie-Darwin-and-the-Satyr-2014
Darwin and the Satyr, 2014 © Adrian Ghenie

La pubblicazione de L’Origine delle Specie, nel 1859, ha innegabilmente deviato la direttrice della storia umana e scientifica, ma ciò di cui l’artista si interessa sono anche i modi oscuri in cui tale avanzamento scientifico è stato utilizzato. Piegando a letture indebite e corrotte il concetto di “selezione naturale” che sta alla base dell’evoluzione delle specie, figure come Adolf Hitler e il Dottor Josef Mendele hanno trasformato una straordinaria scoperta scientifica in falsa giustificazione per dare adito a persecuzioni razziali e sessuali. Ricordiamoci che l’artista si interessa alla sottile linea che divide il bene dal male, sia questo nell’uomo o nella scienza.

E’ anche la rappresentazione stessa di tali figure ad interessare il giovane artista rumeno: come lo stesso Adrian Ghenie sostiene, a causa dei retrogradi strumenti dell’epoca, fotografie e video che li immortalano mancano di texture – di consistenza: è come osservare “un volume bidimensionale con barba e baffi”. La macchina propagandistica era molto attiva, infatti, nel rendere queste figure sovrumane – inattaccabili visivamente, ed è qui che la forza artistica di Adrian Ghenie entra in scena, scavando sotto quei cliché visuali di proselitismo politico per estrarre la texture della pelle che sotto gli strati della storia giace.

Schermata 2016-07-22 alle 15.51.16
(Sinistra) Untitled, 2012, © Adrian Ghenie;                       (Destra) “Dr. Mengele 2”, 2011 © Adrian Ghenie
18-Adrian-Ghenie-Charles-Darwin-as-a-Young-Man-2013-1800x1895
Darwin as a Young Man, 2013 © Adrian Ghenie

Dopo attenta osservazione possiamo intravedere tratti riconducibili ad Adolf Hitler e Josef Mendele (noto per aver fatto esperimenti medici e di eugenetica ad Auschwitz, usando i deportati come cavie umane), ma anche lo stesso Darwin, le cui deformità si fanno simbolo sia della corruzione a cui le sue scoperte furono sottoposte, sia alla malattia della pelle di cui soffriva in vita – un aspetto assente da tutte le sue raffigurazioni ufficiali.

Elevando a luce maestra l’arte di Francis Bacon, la cui plurima rivisitazione del Ritratto di (Papa) Innocenzo X di Velazquez si pose come punto di rottura e grande simbolico addio ai cliché dell’arte pittorica, Adrian Ghenie rivisita a sua volta i lati bui del XX secolo e l’immaginario ad esso associato. Utilizzando film, fotografie, archivi storici e Google, l’artista rumeno esamina il potenziale visivo di ciò che osserva: preso nella sua interezza, questo insieme assurge a una condizione diversa e più astratta.

Tramite l’utilizzo di questo immaginario – come abbiamo visto, spesso legato al Nazismo e ai poteri totalitaristici – Adrian Ghenie stravolge quello che Jung definiva l’ “inconscio collettivo”, quindi quella parte dell’inconscio umano che è comune a quello di tutti gli altri esseri umani, lasciando che la sintesi estetica raggiunta indugi nella nostra mente più del dovuto. In questo modo, i suoi soggetti deformati ritardano ad attivarsi: le scene e i ritratti risvegliano immagini che si rivelano oscure e catastrofiche solo dopo un titubante riconoscimento, che ne accresce il turbamento emotivo una volta rivelato.

Schermata 2016-07-22 alle 16.08.08
(Sinistra) Berghof, 2012 ;                                              (Destra) Pie Fight Interior, 2012  © Adrian Ghenie
Adrian Ghenie, That Moment, 2007, Oil on canvas, 17.5 x 23 cm, © Adrian Ghenie.
That Moment, 2007 © Adrian Ghenie

Ne è un esempio That Moment (qui sopra) del 2007, che si pone come raffigurazione del momento in cui Eva Braun ed Adolf Hitler si tolsero la vita il 30 aprile 1945 per non essere catturati vivi dai sovietici ormai entrati a Berlino.

Tra alcune delle serie pittoriche più emblematiche e riconoscibili di Adrian Ghenie, troviamo le Pie Fights, locuzione traducibile in italiano con “Lanci di torte”. Rimandandosi a scenette prese da “Stanlio&Olio” o “I Tre Marmittoni”, questo gesto comunemente associato alla comicità viene usato come pretesto per aprire a temi esistenziali, come la frustrazione, l’umiliazione e l’abuso di potere. Come lui stesso afferma, soffermandosi su questi fotogrammi: “Ho realizzato che erano immagini molto psicologiche, molto potenti. Riguardavano anche l’umiliazione,… una delle caratteristiche più importanti delle dittature. Il modo migliore per terrorizzare qualcuno è umiliarlo”.

“Pie Fight Study 2”, 2008 (© Adrian Ghenie)
Pie Fight Study 2, 2008 © Adrian Ghenie

Il gesto di togliersi la torta dalla faccia qui raffigurato va ben oltre il semplice istinto di darsi una ripulita: assieme alla crema, il soggetto sembra strappare via strati della sua stessa pelle, come se si stesse squamando.

“Pie Fight Study” (2012), Oil on canvas, 55.5 x 76 cm; Courtesy The Sander Collection, Darmstadt
Pie Fight Study, 2012 (Courtesy The Sander Collection, Darmstadt) © Adrian Ghenie

La situazione di certo non migliora quando ad essere imbrattata è una donna: riflettendo sulla loro stessa funzione archetipica, queste figure femminili indossano abiti anni ’40 – un periodo in cui tutto ciò a cui potevano aspirare era diventare madri, preparare da mangiare ed occuparsi della casa – mansioni totalmente annullate dal lancio di una torta. Le donne delle Pie Fights di Adrian Ghenie non sono solo poste in posizione inferiore rispetto all’uomo in virtù del loro ruolo nel dato momento sociale, ma il loro stesso lavoro viene violentemente sprecato e usato contro di loro, rendendole ancora più indifese e vulnerabili.

Adrian Ghenie’s “Pie Fight Interior 8.” © Adrian Ghenie, Pace Gallery
Pie Fight Interior 8, 2012 © Adrian Ghenie (Courtesy of The Pace Gallery)

In conclusione, Adrian Ghenie ci porta ad osservare i mostri che il sonno della ragione del XX secolo ha generato, mescolando tragedia e umiliazione – commedia e terrore istituzionalizzato, portandoci faccia a faccia con situazioni ed eventi tra i più oscuri e salienti della nostra storia più recente.

(Curiosità: Twin Peaks e in generale i lavori di David Lynch sono una delle fonti d’ispirazione maggiori nel suo processo artistico per composizione e sperimentazione visuale)

Siti utili:

I lavori di Adrian Ghenie continuano nella GALLERY > >

banner_gallery

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24

Continua a leggere

c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
(variety)

Emerald Fennell vuole provocarci (senza farci vergognare)

Cinema - Riccardo Conte 16.11.23
i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - FORMATO COVER 2 - Gay.it

L’arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico – intervista

Culture - Luca Cantarelli 5.9.23
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23