ARRIVA IL GAYPOP

L’industria discografica tedesca alla caccia dei gay sforna un gruppo di bellissimi ragazzini stile Take That che affrontano tematiche legate al mondo omosex. Sono i Marilyn’s Boys. Un successo.

In principio ci furono i Take That, poi i Backstreet Boys. Erano gruppi composti da aitanti ragazzotti “costruiti” per mandare in visibilio migliaia di fans e provocare tempeste ormonali nei corpi delle giovanissime.

Un ottimo affare. Una volta esaurito il filone, l’industria discografica si è gettata a capofitto su altre icone pop. E’ stata allora la volta di Britney Spears, Cristina Aguilera e le tante “bad girls” che oggi dominano le classifiche mondiali. Goodbye boygroups quindi? Dappertutto, ma non in Germania.

I pragmatici discografici tedeschi infatti, aiutati probabilmente da schiere di creativi e maghi del marketing, hanno fatto una scoperta, che tanto scoperta poi non è: la comunità gay. Un gruppo di consumatori che esiste e quel che piu’ conta è composta da individui disposti a spendere. Un boccone troppo ghiotto per lasciarselo sfuggire. Ma come fare ad accattivarsi le loro simpatie?”, avranno pensato i teutonici manager. “La risposta è semplice: gaypop”. Elementare Watson!

E’ per questo motivo che in Germania furoreggiano i Marilyn’s Boys, una formazione, politicamente corretta, di cinque elementi: Andrim (20, foto sopra) di Colonia, ma con origini macedoni, Jeremy (25) londinese doc e patito del pianoforte, Rico (22, foto accanto) anche lui di Colonia, ex parrucchiere, Ruan (20) patito di Keanu Reeves e originario dello Sri Lanka e Yves (25, foto sotto) nato in Lussemburgo ma “cittadino del mondo” avendo vissuto in Canada e negli States.

Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo