Filippine, la svolta di Duterte: “Sì ai matrimoni gay”

di

Il controverso leader asiatico ritratta ancora una volta quanto detto in precedenza. Mentre migliaia di uomini e minorenni vengono uccisi dalla polizia.

CONDIVIDI
42 Condivisioni Facebook 42 Twitter Google WhatsApp
4359 1

L’apertura è arrivata nella serata di ieri, quando il presidente delle Filippine era a Davao, sua città natale.

Nel corso di una manifestazione della comunità LGBT a Davao, sua città natale, il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte ha sorpreso tutti prendendo la parola e dichiarando: “Sono favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Il problema è che bisogna cambiare la legge. Ma noi possiamo farlo”. Ha incoraggiato quindi la comunità a nominare uno o più rappresentanti che possano prendere parte ai lavori del governo per attuare la riforma: a tal proposito verrà istituita una commissione apposita. Harry Roque, portavoce presidenziale, ha spiegato in un comunicato: “Noi non facciamo distinzioni, siamo tutti filippini che godono di diritti, libertà e uguaglianza di fronte alla legge”.

Un autentico passo indietro rispetto a quanto dichiarato in precedenza dallo stesso Duterte, che dopo aver promesso l’istituzione di unioni omosessuali ai tempi della campagna elettorale, aveva ritrattato tutto a più riprese.

Sorprende l’apertura in materia da parte di un presidente sanguinario, che dallo scorso anno sta conducendo una serrata guerra alla droga, con migliaia di esecuzioni extragiudiziali e di morti sul capo (10.000 secondo numerose organizzazioni internazionali, neanche 4000 secondo le stime della polizia). I minorenni uccisi brutalmente sarebbero 60. Amnesty International ha invitato negli scorsi giorni il Tribunale penale internazionale dell’Aja a aprire urgentemente un’indagine preliminare su crimini contro l’umanità.

Un sondaggio del 2014 rileva che il 73% dei filippini ritiene che l’omosessualità dovrebbe essere accettata.

Leggi   Cuba, la nuova costituzione apre la strada al matrimonio egualitario
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...