Si intitola: “Sono una donna…” e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po’ trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava. Ti suggeriamo anche  Dieux du Stade 2019 si ispira al Mito Greco

Calendari 2008: 1/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 1 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 2/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 2 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 3/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 3 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 4/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 4 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 5/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 5 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 6/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 6 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 7/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 7 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 8/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 8 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 9/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 9 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 10/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 10 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 11/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 11 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 12/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 12 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 13/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 13 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Calendari 2008: 14/14 Calendari 2008: "Sono una donna"
Foto 14 - Si intitola: "Sono una donna..." e rappresenta in maniera ironica, originale ed un po' trasgressiva i preconcetti che solitamente vengono accostati al sesso femminile. Il calendario di Erica Fava.
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni