5 sante dal martirio davvero brutale

La santità spesso è stata conquistata al prezzo di dolori e torture inimmaginabili: ecco le storie di cinque vere e proprie eroine cristiane.

5 sante dal martirio davvero brutale - sante - Gay.it
5 min. di lettura

Santa Lucia è una martire cristiana molto conosciuta e festeggiata, soprattutto in alcune zone d’Italia, nota per il violento martirio. Lucia non è però la sola santa ad aver attraversato indicibili dolori e patimenti per affermare la sua scelta spirituale: molte giovani donne all’inizio della diffusione del Cristianesimo rinnegarono la religione pagana e portarono fino al sacrificio di sé la decisione di convertirsi agli insegnamenti di Gesù. Torturate e barbaramente uccise, padri, imperatori e capi militari si accanirono violentemente contro i loro corpi – corpi che spesso non volevano morire, sostenuti da prodigi e eventi miracolosi che ne guarivano le ferite o ostacolavano le infernali torture. Gay.it vi racconta le storie di cinque sante dal martirio particolarmente cruento.

SANTA BARBARA

Protettrice contro i fulmini e le morti violente, nacque nel 273 a Nicomedia – oggi Izmit, porto della Turchia – ma si trasferì nei pressi di Rieti (nel Lazio). Il padre, di religione pagana, la teneva reclusa in una torre e fece costruire delle terme private per proteggerne l’intimità. Barbara chiese agli architetti che nelle terme fossero presenti tre finestre – non solo due, come prevedeva il progetto – per rievocare l’idea cristiana della Trinità. Il padre scoprì così la conversione della figlia al cristianesimo, la denunciò al magistrato romano che la condannò alla decapitazione per mano dello stesso genitore. Dopo due giorni di brutali torture – flagellazione con le verghe, tortura col fuoco e il ferro rovente – il 4 dicembre 306 la povera Barbara venne effettivamente decapitata. Si racconta che il padre sia poi stato ucciso sul colpo da un fulmine, probabile intercessione divina. Santa Barbara è patrona dei minatori, dei militari, dei vigili del fuoco, di chi si occupa di esplosivi e di chi in generale si trova in pericolo di vita.

santa-barbara-3

SANTA LUCIA

Fu una giovane martire siciliana, morta durante le persecuzioni di Diocleziano a Siracusa, attorno al 304. Si proclamò cristiana e per questo venne arrestata e processata, dopo la denuncia del promesso sposo che non accettava la sua conversione. Durante il processo Lucia fu minacciata di esser rinchiusa in un postribolo tra le prostitute, ma quando si cercò effettivamente di portarla via il suo corpo divenne pesantissimo e fu impossibile spostarla. Si tentò allora di bruciarla viva, dopo averne cosparso il corpo di pece e olio, ma il corpo una volta avvolto dalle fiamme non bruciò. Secondo la tradizione le furono anche strappati gli occhi, ma l’emblema iconografico degli occhi nella coppa (o sul piatto) è più probabilmente da ricollegarsi semplicemente alla devozione popolare che l’ha sempre invocata come protettrice della vista (e quindi dei non vedenti, dei miopi, degli oculisti) a motivo del suo nome (Lucia deriva dal latino lux, luce). In ogni caso Lucia ribadì anche dopo le minacce e le torture la sua scelta spirituale e venne così decapitata con un colpo di spada. In alcune regioni dell’Italia settentrionale (in Veneto, ad esempio) esiste una forte tradizione legata ai “doni di Santa Lucia”, simile a quelle di San Nicola, Babbo Natale, Gesù bambino: i bambini scrivono una lettera, elencando i regali che vorrebbero ricevere il 13 dicembre, giorno dedicato alla santa.

widt

SANTA CRISTINA

Santa Cristina di Bolsena, nota anche come Santa Cristina di Tiro, visse nel III secolo e, secondo le fonti, fu martirizzata sotto l’imperatore Diocleziano. Cristina era una giovanissima fanciulla, praticamente una bambina, tenuta segregata dal padre Urbano, ufficiale dell’imperatore. Quando Cristina si convertì al Cristianesimo, il padre cercò di convincerla a rinunciare alla sua fede, inutilmente. L’uomo ordinò allora che fosse flagellata, poi la denunciò ai giudici che la fecero torturare da dodici uomini. Venne quindi sottoposta a ulteriori supplizi che dilaniarono e bruciarono le sue carni, ma Cristina restò in vita, sempre decisa a portare avanti la sua testimonianza di fede. Fu allora riportata in carcere, dove venne consolata e guarita da tre angeli. Si decise infine per la sua condanna a morte: legatale una pesante pietra al collo, fu gettata in un lago; la pietra però, sollevata dagli angeli, restò a galla e Cristina tornò a riva. Il padre, alla vista della figlia agonizzante, morì, mentre Cristina fu riportata di nuovo in prigione. I giudici ordinarono ulteriori torture: le vennero aizzati contro, ad esempio, dei serpenti, ma questi si rifiutarono di morderla e uccisero invece il loro serparo. Cristina, che ribadiva intanto la sua vocazione, venne allora legata a un palo, dopo averle strappato le mammelle e la lingua, affinché diventasse bersaglio degli arcieri dell’imperatore. Mentre veniva trafitta a morte dalle frecce, Cristina continuò a cantare le lodi del Signore. Viene festeggiata il 24 luglio.

pseudo-jacopino-martirio-santa-cristina

SANT’AGATA

Giovane nobile nata in una famiglia segretamente cristiana di Catania, nella Sicilia del III secolo, all’epoca della dominazione dei romani. Il governatore della città, Quirino, si invaghì di Agata e le ordinò di rinnegare la sua fede. Al rifiuto della giovane, Quirino la affidò alla cortigiana Afrodisia, prostituta dedita a orge e altre attività peccaminose, per corromperne lo spirito, ma Agata restò ferma sulle sue posizioni. Quirino allora la fece arrestare e si racconta che Agata si difese appassionatamente ribattendo autonomamente alle accuse, rivelando una grande sapienza retorica. Dopo diversi giorni di digiuno iniziarono le torture: venne fustigata e le vennero strappate le mammelle, che si racconta però ricrebbero miracolosamente durante la notte per intercessione di San Pietro. L’ultima tortura fu un letto di carboni ardenti: mentre il corpo di Agata era martoriato dal fuoco si racconta che il suo velo rosso, simbolo della consacrazione a Dio, non bruciava. Agata morì in carcere per le ferite il 5 febbraio 251. Il suo corpo venne imbalsamato e avvolto nel velo rosso che, si racconta, fermò in seguito più volte la lava del vulcano Etna, quando questa scendeva a minacciare Catania.

francesco-guarino-martirio-di-santagata-con-il-taglio-dei-seni-1637-1640-ca-santagata-irpina-chiesa-di-santagata

SANTA CATERINA DI ALESSANDRIA D’EGITTO

La sua agiografia è piena di trasfigurazioni mitiche e leggende, per cui è difficile distinguere la realtà storica da ciò che su di lei è stato inventato. Era una bella giovane di Alessandria d’Egitto, nata probabilmente nel 287. Nel 305 l’imperatore romano tenne una grande festa in proprio onore, Caterina si presentò a palazzo durante i festeggiamenti e chiese all’imperatore di riconoscere Gesù Cristo come salvatore dell’umanità, usando argomentazioni raffinate, dalla grande profondità filosofica. L’imperatore fu colpito dalla giovane e convocò un gruppo di retori affinché la convincessero a onorare gli dei pagani, ma fu Caterina a persuadere i retori. L’imperatore la condannò allora al supplizio mediante ruota dentata, un metodo di tortura terribile per cui venivano poste due ruote dentate al petto e alla schiena del torturato che, girando, gli dilaniavano le carni. Lo strumento però si ruppe durante le torture e l’imperatore ordinò che Caterina fosse decapitata. È ritenuta protettrice degli studi e di chi si dedica all’insegnamento. Si festeggia il 25 novembre. Insieme all’Arcangelo Michele fu una delle fonti di ispirazione – le voci –  di Giovanna d’Arco.

gaudenzio_ferrari_santa_caterina_dalessandria

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Marco Giranzani 21.6.17 - 8:58

Niet, la morale è invece questa: se credi veramente e con tutto te stesso in un Ideale, a maggior ragione in un Giusto Ideale come ad esempio il Vangelo e i Diritti LGBTQIA, devi essere pronto a dare la tua stessa vita e, come sappiamo, non c'è Amore più grande del dare la vita per i propri Amici.

Avatar
Valium 19.10.16 - 11:51

Quindi la morale è: occhio a non diventare cristiani perchè poi venite ammazzati.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24

Leggere fa bene

papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco: “L’ideologia gender è diversa da omosessuali e transessuali, che devono essere accettati e integrati”

News - Redazione 3.5.24
Mara Sattei nel nuovo singolo "Tempo" in uscita il 19 Aprile, campiona un vecchio successo dei primi 2000 delle t.A.t.U.

Mara Sattei nel nuovo singolo “Tempo” campiona le t.A.T.u. che si finsero lesbiche: ma che fine hanno fatto?

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Foto: Villaggio San Francesco

Papa Francesco sulla benedizione a donne e omosessuali: “Chi si scandalizza è ipocrita!”

News - Redazione Milano 7.2.24
Billie Eilish arriva in concerto in Italia

Billie Eilish e la vagina: “Innamorata delle ragazze da sempre, ecco come l’ho capito”. Annunciata l’unica data italiana del tour

Musica - Emanuele Corbo 30.4.24
benedizioni-coppie-omosessuali-brevi

Le benedizioni di coppie omosessuali saranno “brevi e non contestuali all’unione civile”

News - Francesca Di Feo 6.1.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24
Asiabel Lesbica Vera - Gay.it

Lesbica Vera, il collettivo Asiabel torna con un singolo funk stupendo – VIDEO

Musica - Mandalina Di Biase 20.3.24