Foto

Torture e stupri correttivi: scene dalla clinica in Ecuador che cura omosessuali e transessuali

La protagonista è la fotografa stessa, che ha ricreato le scene sulla base dei racconti ascoltati.

Torture e stupri correttivi: scene dalla clinica in Ecuador che cura omosessuali e transessuali - terapie - Gay.it
< 1 min. di lettura

Un progetto fotografico d’impatto, capace di accendere i riflettori sulle cliniche che in Ecuador utilizzano torture e stupri correttivi ai danni di persone omosessuali e transessuali: questo il senso di Until You Change di Paola Paredes.

Era il 2013 quando la fotografa ecuadoriana Paola Paredes sentì parlare per la prima volta di alcune cliniche – naturalmente illegali – in cui si cercava di convertire gay, lesbiche e persone transessuali con stupri correttivi, digiuni forzati e altre forme di maltrattamento. Dopo aver saputo dell’esistenza di queste strutture, Paola ha avviato una serie di ricerche sull’argomento, trovato e intervistato alcune ex pazienti e si è infiltrata in una di queste cliniche con la scusa di voler raccogliere informazioni per il trattamento di un parente.

All’esterno operano come strutture di trattamento destinate ad alcolisti e a tossicodipendenti, ma previo pagamento applicano le stesse pratiche a omosessuali, transessuali, alle adolescenti rimaste incinte e alle prostitute. Alcune di queste cliniche costringono i pazienti a studiare la Bibbia e li sottopongono a esercizi forzati.

Paola non aveva ancora confessato la propria omosessualità in famiglia quando scoprì dell’esistenza delle cliniche: “Sì, ho immaginato che potesse accadere anche a me”. Così un giorno si è messa al tavolo con loro e si è liberata: “Sono lesbica”. Le immagini che ritraggono i loro discorsi e le loro sensazioni sono confluite nel suo altro progetto fotografico, Unveiled.

Until you change (in italiano “Finché non cambi”) è invece il risultato delle interviste realizzate: Paola Paredes ha ricreato alcune scene descritte dalle donne di cui ha ascoltato le esperienze utilizzando, come già in Unveiled, se stessa come protagonista.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della quinta puntata del Serale

Culture - Luca Diana 21.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24